in

Le cattive compagnie delle Sardine

Dimensioni testo

Ci son di quei giovani fenomeni che fingono di sacrificarsi loro per salvare l’umanità, invece sacrificano l’umanità per salvarsi loro. Della truffa globale di Greta, finita a registrare il suo nome e il brand “fridays for future” si è detto, della fuffa locale, alla puttanesca, delle sardine diciamo adesso. Non si era mai visto un movimento antisistema così dentro al sistema, così incistato nel potere: sorgono ad uso e consumo del governo per attaccare l’opposizione, l’unico programma è far fuori il nemico, spremono odio nel nome dell’amore, sono fondamentalmente inclini al filopalestinismo radicale, si dicono spontanei ma hanno dietro partiti, demiurghi, burattinai.

Quel vecchio arnese di Soros, pronto a finanziare di tutto, dalle Ong agli amici del giaguaro di mezzo mondo! Dopo aver incassato l’edorsement, e forse non solo quello, del vecchio Padrino, le sardine avanzano nella penultima mossa: una campagna promozionale con Benetton e l’evitabile fotografo militante Oliviero Toscani. Sardine felpate, con indosso i maglioncini (made in China, smerciati nel globo). Sardine autostradali senza rimorsi. Sardine che si offrono in maniera invereconda “al presidente Conte” e affittano Repubblica, che le affitta, per farlo sapere. Sardine piddine senza se e senza ma. E lo è, il penultimo passo perché quello definitivo – si accettano scommesse – sarà identico a quello di Greta: registrazione del nome, del marchio (design by Toscani), Fondazione ad hoc e pioggia dorata di dobloni che arrivano da tutte le parti. Questa sarebbe la gioventù santamente ribelle, consapevole, proiettata al futuro, determinata a preservare la specie: sì, quella loro, di opportunisti genetici che si riproducono una generazione dopo l’altra.

Intendiamoci: anche per questi vale la legge di Wanna Marchi, se c’è chi ci casca, tanto peggio per lui. E infatti ci cascano, a milioni o almeno a migliaia, sul demenziale luogo comune: ma almeno fanno discutere, almeno fanno prendere atto di un problema. A questa stregua, bisognerebbe ringraziare il pirata stradale perché fa prendere atto degli omicidi incidentali, lo stupratore seriale perché evidenzia la violenza sulle donne, lo stragista perché costringe a fare i conti con lo scontro di civiltà. Il fatto è che un messaggio vale per la sua fondatezza, per la sua coerenza e per il grado di conoscenza che lo presuppongono: di Greta si è sempre vantato, incredibilmente, il disagio psicologico e il fatto che se ne impipasse dei riscontri scientifici pur esaltando a parole la scienza; credibile in quanto esistente, come avviene per i feticci.

Delle sardine si è sempre sorvolata la pochezza ideologica, l’ipocrisia mediatica, riscattate, secondo i tifosi, dal semplice fatto che risvegliavano la sinistra comatosa. Anche di Liliana Segre, quintessenza del santino in processione, si trascura di verificare i risultati, preferendo esaltarne il ruolo di sopravvissuta: “almeno se ne parla, almeno ci si interroga sull’antisemitismo”. Davvero? C’è un libro appena uscito di Giulio Meotti, L’Europa senza ebrei, che traccia la controprova e i fatti sono agghiaccianti, la sovraesposizione dei santini retorici non salva l’Europa e l’Italia da un antisemitismo sempre più feroce, con gli ebrei indotti a mascherarsi, a confondersi, a nascondersi, a riprendere appena possibile la loro diaspora verso Israele.

Perché l’Europa, sempre più condizionata dall’Islam radicale, non sa e non vuole difenderli, perché i singoli stati hanno reagito tardi e adesso il vaso di Pandora dell’odio non lo richiude più nessuno, perché l’Unione Europea si è voltata dall’altra parte e non ha mai nascosto i suoi pregiudizi antisionisti, antisraeliani e, in definitiva, antisemiti. Anche le ineffabili sardine hanno tradito, nel loro infimo, la stessa contraddizione: dietro la foglia di fico della Segre hanno velato una propensione per certi personaggi che Israele la vogliono cancellare dal mappamondo; e l’antirazzismo tanto sbandierato, più in generale, si è risolto in una miserabile speculazione interna utile a rilanciare l’immagine razzista di Salvini e della destra quanto a rimuovere l’antisemitismo storico di una sinistra che anche su questo pratica il gioco delle tre carte.