in

Le maison di lusso si convertono alla gioielleria etica

Dimensioni testo

Quando c’è Lvmh di mezzo bisogna sempre tendere l’orecchio. Stavolta il gruppo apre la strada alla gioielleria etica realizzata utilizzando metalli, minerali o pietre preziose estratti da miniere certificate, su piccola scala o riciclati.

Avendo capito che l’approvvigionamento di diamanti non è eterno e che i clienti sono sempre più attenti allo sviluppo sostenibile e all’origine delle materie prime, tutti i marchi del settore orologi e gioielli sono stati certificati RJC (Responsible Jewellery Council – Consiglio della Gioielleria Responsabile).

Nel 2017, il 98,5% dei diamanti acquistati erano certificati RJC. Nel 2015 Bulgari è diventata la prima azienda del suo mercato a ottenere la certificazione Chain of Custody istituita dall’RJC per l’oro ed un quadro analogo si può osservare alla Kering, dove la quota di acquisti responsabili di oro è passata dal 15% nel 2015 al 57% nel 2017, spiega Marie-Claire Daveu, direttore dello sviluppo sostenibile e delle relazioni istituzionali internazionali della maison.

Tra l’altro, il marchio svizzero di alta gioielleria Chopard è un grande esempio di lusso etico e sostenibile: nel marzo 2018 ha annunciato che avrebbe utilizzato il 100% di oro etico certificato Fairmined, che attesta il rispetto dei diritti e delle condizioni lavorative dei minatori.