in

Le manovre segrete del Pd per tenersi il (vero) potere

pd stato emergenza

Dimensioni testo

Le cose nel filocinese Pd non vanno bene. La prova? L’estensione dello stato di emergenza al 31 dicembre. D’accordo tutti, da Speranza a Ricciardi, da Zingaretti all’intera filiera di potere che parte da Pechino e arriva, se non a Montecitorio, perlomeno nei dintorni. Quante volte abbiamo scritto che lockdown e derivati tossici non dipendevano da scrupoli sanitari ma da calcoli elettorali? Adesso, esaurito anche il ricatto sul vaccino, si passa alle maniere forti: emergenza sì perché sì. E se il costituzionalista Cassese, sbigottito, ammette: “Non so trovare la ragione”, tanto meglio: in una dittatura la ragione è di chi ce l’ha e non deve dimostrarla, anzi più una imposizione è priva di senso e più si giustifica.

Le priorità (sconce) del Pd

No, nel Pd manovrato da Pechino le cose non vanno affatto come dovrebbero. Il Politbuto è in emorragia, almeno stando ai sondaggi quelli seri, e, nello sbando totale, l’agenda s’affastella di priorità inconcludenti e sconce; no, non le issues demenziali introdotte dal segretario Letta, uno che andò via dall’Italia come un fallito politico e ci è tornato con un’aria ancor più fallimentare: non tanto lo ius soli, le patrimoniali, i sussidi ai diciottenni in quanto tali, il gendergreen di stampo europeista, no, le cose importanti sono altre e sono quelle che stanno dietro. Impedire una riforma della Giustizia che tolga potere al partito, la cui fusione con le toghe militanti si è dimostrata a tutta prova negli ultimi 25 anni ed ha consentito quel potere che mai sarebbe stato ottenuto tramite le urne; perfezionare il disegno di sostituzione etnica; rifinire gli affari delle Ong, e se ci stanno di mezzo i trafficanti che sarà mai; bloccare le indagini su Bibbiano, dove il partito è immerso fino al collo; spuntare ancora il possibile da una emergenza perenne; far passare la cancel culture che serve a ridefinire quella egemonia gramsciana sempre evocata e oggi più che mai decisiva; dare il tempo alla magistratura di trovare qualcosa su Giorgia Meloni (Salvini è normalizzato); diffondere meglio il messaggio per cui le famiglie criminali delle troppe Saman in realtà non hanno colpa ma scontano il razzismo italiano; spingere sul processo di sfilacciamento sessuale per i minori e addirittura i bambini; imporre leggi come la Zan con cui introdurre una sana polizia del pensiero; annientare l’uomo maschio; mettere le mani sui fondi europei, se mai arriveranno; lucrare sulla fuffa green che garantisce affari miliardari; finire di rovinare città come Milano e Roma, nel contempo mantenendo o recuperando il potere locale pieno; accelerare la ridefinizione sociale aumentando il numero dei poveri e degli indigenti, in modo da obbligarli a dipendere dallo Stato-Leviatano; cancellare quanto resta del lavoro autonomo; accrescere misura e abusi della burocrazia, collegata, come la magistratura, al partito e vero collo di bottiglie per le libertà dei cittadini; potenziare l’ondata d’odio verso “le destre”, come usano chiamarle, volendo dire che tutto ciò che non è ortodosso è un miscuglio indifferenziato di pattume; perfezionare la dipendenza tecnologica con annessa alienazione, dalla dad allo smart working; completare il processo di sottoacculturazione imponendo figurette di pseudointellettuali organici da cartone animato in tutti gli spazi; raggiungere l’obiettivo di candidature non importa quanto evanescenti ma inevitabili, ovvero rendere le elezioni pura formalità di regime, possibilmente con l’appoggio di un Vaticano sempre più schierato e orientato verso la dittatura cinese: e qui il cerchio si chiude.

A cosa serve lo stato di emergenza

Roba grossa, tanta roba, un impegno che non finisce mai. Come lo stato di emergenza, le varianti delle varianti e il lockdown. Poi, che Draghi sia o meno d’accordo, l’importante sarà tenerlo su, logorarlo, spremerlo e magari spedirlo a fare il presidente di quello che vuole. Ma il potere vero, resti in casa. Cosa nostra. Ci vuole controllo. Già l’esperimento sociale è a buon punto, i sudditi sono sderenati, confusi, interdetti, grati se appena allentano le restrizioni, avvezzi a vivere al di fuori della Costituzione, timorosi, dimentichi di ogni diritto fondamentale, indotti a obbedire a qualsiasi faccenda, diffidenti, pronti a spiarsi, a denunciarsi a vicenda. Ma non basta, per cinesizzare il Paese serve uno scatto, un colpo di reni. E siccome la sagacia del piccolo segretario non funziona, non resta che allungare ancora e per sempre lo stato di emergenza e di isteria. La vera soluzione, definitiva, quella sognata da ogni piddino doc, sarebbe quella di imporre uno stato emergenziale costituzionale, una roba tipo Ceausescu. Perché no?