L’evasione non si combatte col tetto al contante. Punto

La proposta di ridurre il tetto massimo di utilizzo del contante, nei trasferimenti di denaro, dagli attuali 3.000 euro a 1.000 euro sta alimentando un dibattito notevole all’interno della stessa compagine di governo e della maggioranza che lo sostiene. L’introduzione in Italia di un “tetto al contante” risale al DLgs. 21.11.2007 n. 231, con il quale fu recepita la Direttiva 2005/60/CE in materia di antiriciclaggio. Originariamente, l’art. 49 del DLgs. 231/2007, varato dal Governo Prodi II, prevedeva un tetto di 5.000 euro.

Con il DL 112/2008, varato dall’ultimo Governo Berlusconi e convertito con modificazioni nella L. 133/2009, il tetto fu alzato da 5.000 euro a 12.500 euro, salvo poi ritornare già l’anno successivo con precipitosa retromarcia a 5.000 euro e, nel 2011, scendere ulteriormente a 2.500 euro (per effetto di quanto disposto, “ai fini di adeguamento alle disposizioni adottate in ambito comunitario, in tema di prevenzione dell’utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminose e di finanziamento del terrorismo”, prima dal DL 78/2010 convertito con modificazioni nella L. 122/2010 e poi dal DL 138/2011 convertito con modificazioni nella L. 148/2011, entrambi varati anch0essi dall’ultimo Governo Berlusconi).

Con il DL 201/2011 (c.d. “Decreto Salva Italia”), varato dal Governo Monti e convertito con modificazioni nella L. 214/2011, il tetto di 2.500 euro fu ulteriormente ridotto a 1.000 euro e tale limite è rimasto in vigore fino alla fine del 2015, quando, con decorrenza 1 gennaio 2016, la legge di bilancio per il 2016 (L. 208/2015) promossa dal Governo Renzi alzò il tetto agli attuali 3.000 euro. Il Rapporto 2019 “Cashless Revolution” di Ambrosetti (ambrosetti.eu/wp-content/uploads/Rapporto-2019_Community-Cashless-Society.pdf) ricorda che il tetto all’uso del contante è di 3.000 euro anche in Belgio, mentre in Francia è sceso da 3.000 a 1.000 euro nel 2015 e in Grecia addirittura a 500 euro nel 2017.

Sono comunque numerosi i Paesi europei dove non esiste limite alcuno, tra cui spiccano Austria, Germania e Gran Bretagna. L’effetto in chiave anti evasione fiscale dei limiti all’uso del contante è del resto molto opinabile. A differenza degli incentivi all’utilizzo della moneta elettronica che creano un effetto di “contrasto di interessi”, tale per cui chi compra è incentivato a fare una transazione tracciata anche in contesti in cui chi vende preferirebbe accordarsi per un pagamento in contanti, così da poter poi non fatturare, il limite all’uso del contante si rivela perfettamente inutile nei contesti in cui chi vende è in condizioni organizzative per poter decidere di non fatturare (perché non incide minimamente sulla propensione di venditore e acquirente di mettersi d’accordo o meno) e può addirittura diventare controproducente nei contesti in cui chi vende è in condizioni organizzative per cui la transazione viene comunque fatturata quale che sia la forma di pagamento (perché impedisce a chi fatturerebbe la cessione o prestazione di accettare il pagamento in contanti).

In altre parole, tetti esagerati al contante non frenano l’evasione laddove non si fattura comunque, al massimo frenano i consumi laddove si sarebbe fatturato. Per i sostenitori della linea dura a 1.000 euro, tuttavia, il fatto che il presunto (e, diciamolo, più che possibile) evasore con molto denaro contante in tasca non possa pagare in contanti in Italia la vacanza presso un grande albergo, la borsetta di grido in una boutique di importanti catene di marca, lo scooter presso un concessionario o il televisore al plasma in un centro commerciale della grande distribuzione (tutte operazioni che vengono fatturate quale che sia la forma di pagamento, per caratteristiche organizzative del venditore) costituisce una sufficiente consolazione e supporta il convincimento che tolga a quel punto il “gusto” di evadere a monte denaro che poi non può spendere.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Condividi questo articolo

5 Commenti

Scrivi un commento
  1. Obiettivo pagante:
    Si qualifica tale un obiettivo per cui valga la pena spendere risorse per conseguirlo.
    Fintanto che la pressione fiscale sarà così alta sarà facile che l’evasione sia un obiettivo pagante.
    Se la pressione fiscale fosse veramente bassa non varrebbe la pena evadere.
    Potrei spendere ma non lo faccio, tra spesometro, fisco spione e quant’altro non voglio che qualche solerte funzionario mi dedichi le sue ferali attenzioni, e ( già capitato a me che ho sempre pagato tutte le tasse) in quel caso sono patemi e centinaia di euro che se ne vanno in spese di professionisti e documenti.

  2. E non si combatte nemmeno riducendo per poi annullare le detrazioni a coloro che onestamente dichiarano piu di 100 mila euro annui…. mi viene sempre piu da pensare che coloro che hanno redatto la manovra vogliano dare prova di meritarsi i benefici della 104.
    È la peggior manovra di sempre….È un incentivo alla evasione … piu dichiaro oltre i 100 e piu riduco i benefici sulle mie tasse…. morale superato 99mila l unico stimolo è o non incassare o …. pensateci un po’?Questi non sanno che se devi imbiancare casa NESSUNO ha piu la partita iva per farti la fattura… altro che pagare con il bancomat. E la storia del totoscontrini costringerà gli esercenti a subire le richieste dei clienti che per aumentare la probabilità di vincita al bar per 2 caffe 2 brioches e un bicchiere d acqua… chiederanno 5 scontrini invece di 1. Non sanno come funzionano le frodi carosello… non è una manovra è la migliore scelta per favorire il nero e reprimere la crescita.

  3. Vediamo di riassumere una logica di mercato:
    Instaurato o i oculato o ancora impiantato una consapevole dimensione di un’attività celebrale o qualsivoglia riconosciuto e tracciabile pensiero,
    Definire valore scorretto ciò che dovrebbe essere e rimanere libero e altrettanto illogico.
    Dire che in un area, dove si vendono pensieri o idee che libri o idee di destra o di sinistra non si possono vendere a taluni secondo interpretazioni personali,
    È moralmente falso e i logico nella tracciabilita’ di quel valore culturale che tale dovrebbe mantenersi in assoluto scambio libero.
    Stessa cosa vale per la costituzionale cosa,
    Vietare valore contante sostituendolo con un virtuale è assolutamente falso,
    Giacché l’immissione consapevole associata al tempo e determinata e altrettanto tracciabile.
    Altro è la consapevolezza con quale libero mezzo si voglia pagare e l’immessiva valorizzazione o tutela di quella forma in nome di ogni buon e onesto scambio.

One Ping

  1. Pingback:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *