in

L’imprevisto sondaggio su Giorgia Meloni

Il leader di Fratelli d’Italia fa il botto. Secondo Morning Consult il premier italiano è il più apprezzato d’Europa

giorgia meloni sondaggio

Dimensioni testo

Giorgia Meloni tra i leader più apprezzati del mondo, il primo in Europa. A sancirlo è un sondaggio globale della Morning Consult, importante casa sondaggistica americana, che da tempo monitora il livello di “approvazione” dei leader di governo nei più grandi Paesi del mondo.

L’aggiornamento è settimanale e l’ultimo è solo del 12 gennaio, fresco fresco. Nei sondaggi realizzati tra il 4 e il 10 gennaio 2023, calcolati su una basa mobile di sette giorni e realizzati intervistando residenti italiani, si legge chiaramente che il premier si piazza al quarto posto nel mondo per risposte positive. Per la precisione, il 48% degli italiani approva il suo operato, contro il 44% di contrari e l’8% di indecisi. È l’unico leader europeo ad avere, al momento, un gradimento maggiore rispetto ai contrari. Sopra di lei si piazzano solo Narendra Modi (India), Andrés Manuel Lopez Obrador (Messico) e Antonio Albanese (Australia). Tutti gli altri, vengono dietri: Joe Biden (42% di apprezzamento), Justin Trudeau (40%), Pedro Sanchez (37%, Rishi Sunak (31%), Emmmanuel Macron (31%) e Olaf Scholz (31%).

Certo: a differenza degli altri leader, Meloni è appena arrivata al governo e di solito per un certo tempo l’esecutivo nuovo gode di una sorta di luna di miele. Però i dati sull’andamento nel tempo dell’apprezzamento non fanno al momento pensare a chissà quale calo se non quello fisiologico. Partita il 31 ottobre dal 50% di approvazione, è arrivata fino al 55% a novembre per poi riscendere intorno al 48%. Sali e scendi comprensibili. Semmai a dover accendere un campanello d’allarme per il premier nostrano dovrebbe essere la curva dei contrari: partita molto bassa ad ottobre (34%), è salita più rapidamente raggiungendo adesso quota 44%. Sintomo che gli “indecisi” iniziali hanno in parte sviluppato sentimenti negativi.

Lo abbiamo segnalato anche noi qualche giorno fa, riportando il sondaggio di Alessandra Ghisleri. La gestione del “caso benzinai”, con molta confusione, un po’ di demagogia e diversi errori, ha scontentato in parte l’elettorato italiano, anche quello più vicino alla coalizione di centrodestra. Niente di allarmante, forse. Ma un segnale. Che la leader più apprezzata d’Europa deve tenere in considerazione. Se luna di miele è ancora, sempre meglio fare in modo che duri il più a lungo possibile.