L’inconsistente fanatismo delle “sardine” - Seconda parte

Condividi questo articolo


Hanno scelto l’apparente identità delle sardine, così innocue, così proletarie. Ma di popolo lì in mezzo c’era poco; c’erano diecimila persone convinte di essere geneticamente superiori, moralmente migliori, culturalmente imparagonabili, eticamente diverse, politicamente nel giusto in tutto e per tutto, senza mai un dubbio, uno scrupolo, un sospetto di rispetto, doverosamente schierate in falange per odiare in nome dell’amore. Salvini va a volte di grana grossa, ma quando Zingaretti dice che “loro” stanno con la parte migliore, la parte degna del paese, che loro amano non odiano, quando lui e gli altri della sua fazione parlano delle “destre” e la faccia gli si contorce in uno schifo come se avessero ingoiato un topo morto, che cosa sono? Sardine, certo. Guardale, quante sono, quanto sono stipate in piazza Maggiore, che è roba loro e lì dentro i “fascisti” non possono entrare, peggio dei cani. Vigilano le sardine Erasmus. Ma quanto stanno sulle palle.

Max Del Papa, 16 novembre 2019

 

Odiatori democratici

Saviano & Co, dove soffia davvero il vento dell’intolleranza


Condividi questo articolo


Un commento

Scrivi un commento
  1. Tra le sardine ci sono sinceri democratici che minacciano di morte un leader politico in campagna elettorale. Ma Claudia fusani lo ignora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *