in

“Mafiosi, ignoranti, ladri”. Sgarbi contro i politici (e le pale eoliche)

In questo estratto da Quarta Repubblica, Vittorio Sgarbi se la prende con l’ipocrisia e la retorica dei politici che a parole si dicono sensibili all’ambiente, ma poi “fischiettano” e fanno finta di non vedere i tanti ecomostri sparsi nella pensiola (pale eoliche in primis).

Dalla trasmissione del 18 marzo 2019.

Condividi questo articolo
  • 541
    Shares

6 Commenti

Scrivi un commento
  1. Sgarbi ha ragione. Il nostro paese è il più bello del mondo. Non è la Germania, o la Francia con territori privi di ogni qualsivoglia bellezza. Sono paesi che sono privi di bellezze artistiche e naturali. Il nostro paese va trattato con i guanti; è un gioiello, una bella donna, non si può devastarlo in questo modo. Mi spiace vederlo deturpato.

  2. A me SGARBI piace quando parla di Arte ( vedere vecchi interventi a Virus ) e ce la fa capire ( tenta di farcela capire ) , ma mi sta sui koglioni quando vuole fare quello per cui non è portato : il politico ed il pastore di capre.

  3. Il problema non e’ la pala eolica in se’, dato che in tutta Europa le installano, ma una pianificazione su come è dove e’ conveniente installarle, inoltre si cade sempre nello stesso errore che si fa anche con le opere pubbliche, bisogna pianificare, controllare chi le installa e verificare che poi entrino in funzione, senza dimenticare che come anche per i pannelli solari, non esiste obbligo per il gestore della rete, di acquistare l’ energia prodotta da un privato produttore, poi cosa c’ entra la solita mafia, lo stato deve controllare come sempre è in tutti i campi, altrimenti non si fa nulla e si cade nello stesso errore dei no Tav che non vogliono le grandi opere per non incorrere nel rischio di infiltrazioni mafiose.
    La pala eolica e’ tutta di metallo riciclabile e non inquina, dove sta’ il problema, e’ solo una questione ideologica.

    • Lei dimentica l’olio che contiene,ha mai visto un filmato di una eolica in fuoco ??? Pure essa potrebbe inquinare se succedono dei problemi,inoltre si dovranno reciclare una quantità di olio di lubrificazione degli ingranaggi,con cosa lo recicla ? come può constatare non si ha nulla senza pagare lo scotto dovuto. Per salvare il mondo,adesso mi prenderò un sacco di legnate virtuali,si dovrebbe diminuire la popolazione del mondo in modo drastico,altro che pensare a chi pagherà le pensioni degli anziani,penso che se avessero pagato i contributi se le siano pagate se poi lo stato ha adoperato le somme versate per le pensioni per l’assistenza a tutti (welfare) avrebbero commesso un schippo “legale”ai pensionandi e pensionati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *