Politica

Piombino si o Piombino no?

“Meglio galleggiante”. L’incredibile gaffe di Conte sul rigassificatore

Dopo l’errore al voto in Parlamento, i Cinque Stelle scivolano di nuovo su Piombino

10.6k 17
conte rigassificatore Piombino

Va bene, sarà colpa della risposta un po’ troppo breve richiesta dal format. Sarà che per spiegarsi bene, come al solito, ai politici servono voli pindarici e rispondere “sì o no” è sempre un tantino complicato. Però è evidente che col rigassificatore di Piombino i Cinque Stelle devono avere qualche problema. Perché prima fanno un pastrocchio in Parlamento che la metà basta; poi Conte si fa spernacchiare dai social per la sua intervista a Torcha.

Veniamo al punto. Come sapete, i Cinque Stelle locali e nazionali sono contrari al rigassificatore. Non sono gli unici ad avere dei problemi in questo senso: Fratelli d’Italia è favorevole a livello nazionale e contraria a livello locale, tanto che Meloni si destreggia in un “valuteremo alternative, ma poi lo faremo”. Il Pd lo stesso: a Piombino non ne vogliono sentir parlare, ma il governatore Giani ne è commissario straordinario a Roma spingono per realizzarlo. Lo stesso dicasi per buona parte degli altri partiti, da Forza Italia alla Lega.

Bene. L’altro giorno alla Camera è stata presentato un ordine del giorno che impegna il governo ad accelerare il più possibile sul rigassificatore. A sorpresa, i deputati grillini hanno votato sì. Scoppiato lo “scandalo”, il gruppo parlamentare è corso ai ripari parlando di “errore materiale” e promettendo “un ordine del giorno in senso contrario” al Senato.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Torcha (@torcha)

Va bene. Ma intanto l’elettore medio un po’ di dubbi se li fa venire: ma questi hanno sbagliato davvero, e quindi sono un po’ distratti, oppure ci prendono in giro? Capita. Poi, però, lo stesso elettore medio atterra sui social di Torcha e vede una intervista “sì o no” ai leader italiani, con incluso Giuseppe Conte. Alla domanda “rigassificatore a Piombino, sì o no”, Giuseppi risponde: “No, preferiamo quelli temporanei galleggianti“. Ora, magari siamo in errore noi eh: ma la Golar Tundra, la nave rigassificatrice comprata dalla Snam è – appunto – una barca e dunque galleggiante. Inoltre sarà temporanea, visto che si parla di tre anni di attività nel porto di Piombino e poi dovrebbe essere spostata. Quindi, non si capisce a cosa dovrebbe essere contrario Conte, se lui preferisce “quelli temporanei galleggianti”, visto che la nave è “galleggiante” e pure “temporanea”.

Forse intendeva un’altra cosa, ovvero che preferisce quelli ormeggiati al largo e non in porto. Di sicuro dalla risposta non si capisce. Poche idee, ma ben confuse.

www.nicolaporro.it vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli