in

Nel 2019 c’è ancora chi protesta per l’apertura di un fast-food

Dimensioni testo

Una palazzina l’Università di Torino ristrutturata da una società privata (50 milioni spesi) in cambio del diritto di avere degli spazi commerciali.  Insomma, un’operazione di project financing interessante, all’interno dei cui spazi ci sarebbe dovuta essere oggi un’inaugurazione di un Burger King e McDonald’s, con quest’ultima che se l’è fatta sotto a causa dei flash mob degli studenti.

Roba da non credere! Nel 2019 c’è gente ancora arrabbiata per l’apertura di un fast food. Non è tutto. Egidio Dansero, delegato del rettore per la sostenibilità ambientale (!), si dice “trasecolato” perché “così si banalizza lo spazio urbano”. T-r-a-s-e-c-o-l-a-t-o. Ma pensate a studiare, a divertirvi! Mi sembra assurdo che ci sia chi sostiene che i fast food devono stare a una distanza inferiore di 400 metri dalle scuole.

Solo in un paese sovietico non c’è la libertà di mangiare un hamburger. Ecco, anch’io sono trasecolato.