in

No vax e no cure: il nuovo mostro inventato dai media

stampa no vax

Dimensioni testo

Vi proponiamo ampi stralci dell’articolo di Alessandro Rico, uscito su La Verità di oggi e commentato nella Zuppa di Porro stamattina.

Sono come i kamikaze? Sono vittime della propaganda? Danneggiano solo sé stessi? O si mettono anche ad aggredire medici e infermieri? Hanno diritto di autodeterminarsi, al pari dei paraplegici che invocano il suicidio assistito? Oppure bisogna forzarli a inocularsi il vaccino? Dobbiamo presentar loro il conto del ricovero in terapia intensiva? O li dobbiamo «curare sempre»?

Dopo mesi di grottesca mostrificazione di chi si oppone all’iniezione antivirus, il regime ha aggiornato la dottrina ufficiale. E sui giornali, alla figura del sociopatico che dribbla la siringa, mettendo in pericolo la salute pubblica e la ripresa economica, sta subentrando quella del no vax che respinge ogni terapia. Il medico si prodiga per salvarlo, ma lui glielo impedisce. Si tratta di un’aneddotica, spesso vaga e inaccurata, spacciata per statistica. Tuttavia, al Messaggero, i sanitari raccontano: «È un dramma, li vediamo morire». E gli anestesisti, su La 7, denunciano: in troppi stanno rifiutando le cure. La notizia, semmai, è che le cure esistono: non erano, appunto, una bufala dei no vax?

C’è poi chi, come Gabriele Romagnoli sulla Stampa, prova a entrare «nella testa» di questi poveri squilibrati. […] Costoro, comunque, non vanno liquidati con «sarcasmo», «derisione», o «condanna», ammonisce Donatella Di Cesare. Di chi è la colpa, se s’infliggono dei danni? […

Qualcuno ricorda che, fino a poco tempo fa, i no vax erano quelli che il ricovero nemmeno lo meritavano, che dovevano pagarselo di tasca propria? Qualcuno è solleticato dal sospetto che la ghettizzazione del renitente abbia radicalizzato e spinto all’irrazionalità certe posizioni – le quali, giova ribadirlo, nessuna legge ha bandito, visto che, per il momento, il vaccino non è obbligatorio?
Lunedì, lo stesso quotidiano torinese, che ieri pontificava sui moventi «incomprensibili» dei no cure, aveva rilanciato l’«allarme» del Sant’Orsola di Bologna: «Un no vax in terapia intensiva costa 3.300 euro al giorno». Solo una settimana fa, i media italiani gongolavano per una sentenza della Corte costituzionale tedesca, che […] darebbe «la precedenza ai vaccinati» in rianimazione. A fine agosto, alla Regione Lazio veniva addirittura attribuito un «piano» per costringere i no vax a rimborsare gli ospedali, con tanto di proclami bellicosi dell’assessore alla Sanità, Alessio D’Amato. La guerra (in)civile, alimentata per opportunismo politico negli ultimi mesi, avrà mica giocato qualche ruolo, nella polarizzazione financo autolesionista di cui ora, con la faccia fresca, gli ex odiatori si scandalizzano […]?