in

Perché dico no alla Commissione Segre - Seconda parte

Dimensioni testo

Sempre riferito all’incitamento all’odio, di cui non si conoscono i termini, mi torna in mente che all’indomani del terremoto ad Haiti del 2010, il governo israeliano inviò aiuti e anche un ospedale da campo dove vennero curate centinaia di persone e, a detta di tutti i presenti sul posto, l’ospedale israeliano era di eccellenza al contrario di quello che succedeva, ad esempio, in altri posti dove le infezioni dilagavano. Nonostante questo il 22 gennaio 2010 la Cnn diffuse un servizio dove dava la notizia che i soldati israeliani trafficano con organi estratti dai cadaveri dei piccoli bambini di Haiti dopo il terremoto così come facevano a Gaza con quelli dei bimbi palestinesi. Notizia poi ripresa anche da diversi quotidiani italiani. Che dietro a questa follia riportata in mondovisione ci sia odio o almeno antipatia per Israele è chiaro, che venga ripresa e pubblicata in Italia senza alcun controllo solo perché lo ha detto la Cnn come la vogliamo chiamare? Incitamento all’odio o incompetenti all’opera su ordine di un editore?

In ogni caso rimane che dopo la votazione di ieri ci sarà un organo governativo che vigilerà su tutto ciò che verrà detto o scritto e che andrà bene o no a secondo l’umore di chi presiederà quella stessa commissione. Con l’assurdo che ogni giornalista si dovrà autocensurare prima che arrivi la censura legale. Ieri c’è stato un grande battimano e, come spesso accade, la gente rinuncia a pezzi della sua libertà proprio battendo le mani.

Io avrei consigliato una vera applicazione delle leggi esistenti contro chi palesemente semina odio, mentre preferisco lasciare che i pazzi urlino alla luna se questo può permettere il mantenimento delle libertà a cominciare da quella della manifestazione del pensiero. Con la speranza che le cose vengano messe subito in chiaro prima che gli stessi pazzi prendano le chiavi del manicomio.

Michael Sfaradi, 31 ottobre 2019

Occhio, l’Iran prepara la guerra a Israele

Ebrei sotto attacco in Medio Oriente e in Europa (ma nessuno lo dice)