in

Perché i vegani non hanno nulla di etico

Dimensioni testo

Il collega Umberto Braccesi mi ha segnalato un articolo di Matteo Lenardon uscito tre anni fa (ma sempre attuale) sul blog The Vision. Parla della crescente diffusione della dieta c.d. vegana e merita riprenderlo perché, tanto per cambiare, non è tutto oro quel che riluce. Lo spunto è il Parma Etica Festival, tre giorni annuali in cui si parla di etica vegan. Ma perché la cucina vegana sarebbe «etica»? Perché risparmia gli animali e opera per il c.d. sviluppo sostenibile. Intanto ha il merito di aver lanciato la quinoa, frutto prima del tutto ignoto al mondo occidentale. Ebbene, da quando ne è stato caldeggiato il consumo se ne sono avvantaggiati soprattutto Perù e Bolivia, che erano i due Paesi più poveri del Sudamerica. E questo è bene.

Ma, essendo l’economia tiranna, il levitare del prezzo della quinoa fino a livelli inauditi ha fatto sì che quei due Paesi si siano specializzati. Questo significa praticamente conversione alla monocoltura e tanti saluti alla biodiversità. Così, gente che, non avendo molto d’altro, prima mangiava quinoa perché altamente proteica ora la vende per poter andare da McDonald’s. In Bolivia, dove quasi metà della popolazione è povera e un quarto dei bambini risultano malnutriti, si è aggiunta una nuova forma di banditismo, con rapimenti e attentati contro chi non cede il proprio terreno. Che, messo a quinoa, diventa fonte di gran lucro.

Passiamo agli anacardi, ottimi perché, trattati, permettono di sostituire il burro (di origine animale) specialmente nel dolci. Il 40% di essi proviene dal Vietnam, realtà comunista (anche se non lo si ricorda più) in cui gli operatori degli anacardi sono i tossici condannati al lavoro forzato: ognuno di loro deve fornire una quota minima giornaliera, sennò sono punizioni somministrate da secondini che non sono certo quelli di Santa Maria Capua Vetere. Ma la filiera degli anacardi non si esaurisce in Vietnam. Per la lavorazione finale passano in India, ovviamente nelle zone più povere. Qui donne accosciate anche dieci ore al giorno aprono a mano i gusci degli anacardi. I quali rilasciano però acidi che bruciano la pelle. E, con una paga quotidiana di poco superiore a un paio di euro, molte rinunciano a comprarsi guanti protettivi. Non solo. Essendo il prodotto molto prezioso, alla fine del turno vengono pure perquisite.