in ,

Quella dittatura sanitaria che vorrebbe negarci il mare

Due mesi di arresti domiciliari, guanti, mascherine, distanziamento ci hanno trasformato.

Dimensioni testo

Stamani alle 7 sono andato a vedere il mare. Per diversi minuti ho abbassato la mascherina e ho respirato. La porto, ma la odio. Ringrazio Dio di non avermi fatto nascere in quell’immensa caverna di pipistrelli che è la Cina nazicomunista di Xi Jinping. Ho respirato l’aria del mare, a lungo. Poi in lontananza si è palesata la polizia. Il cuore ha accelerato. Mi chiederanno perché guardo il mare? Cosa devo rispondere? Hanno proseguito. Due mesi di arresti domiciliari, guanti, mascherina, distanziamento, mi hanno trasformato. Mi comporto come un evaso. Il dramma è che mi sento un evaso. Come sono ridotto, come mi hanno ridotto, come ho accettato di essere ridotto.

Ho fatto un sogno: per dissociarmi marciavo, solo e in silenzio, verso Palazzo Chigi, il Palazzo della Consulta, il Quirinale. Guardavo per alcuni minuti la facciata dei tre Palazzi, e poi, sempre in silenzio, e con la mascherina, tornavo a casa, placato. Chissà come sarà il risveglio dei cittadini quando il pettine arriverà ai nodi dell’economia. Nessuno di noi ne ha la più pallida idea. Stiamo uscendo dalla crisi affranti, incattiviti, maturi per il divano del reddito di cittadinanza. La mascherina ci rende irriconoscibili e muti. Il distanziamento ci degrada ad animali feroci. Lo zoo digitale ci attende.

Ricordo il primo dopoguerra, cantavamo, ballavamo, le ragazze si slacciavano i reggiseni, noi ragazzi ci lavavamo più spesso, fiduciosi. Il dopo crisi avrebbe dovuto essere un momento esaltante, ove sarebbero sbocciati grandi amori, grandi amicizie, grandi sogni. Quando guardi il mare vedi cose che altri non vedono. Come le sto vedendo io in questo momento: la Corsica, offuscata da nuvole nere non si staglia all’orizzonte, ma io la vedo. Impossibile da Bordighera vedere Porquerolles, ma io la vedo. Come ne usciranno i millenial? In teoria sono i futuri leader del mondo. Mi chiedo, sapranno che sono destinati al divano, allo zoo, all’irrilevanza dei kapò?

E la generazione Z, quella dei miei nipoti? Per due mesi sono vissuti in simbiosi con i loro genitori, cosa mai successa prima. La casa si è trasformata per loro in uno scambiatore di calore, quell’apparecchiatura che scambia energia termica di un fluido termovettore con altri fluidi aventi temperature diverse. Come usciranno dallo scambiatore? E i loro amici, gli insegnanti?  Sapranno riconoscersi? E ancora. I miei concittadini, anziché continuare a subire le nevrosi di quattro esaltati, si faranno domande? Perché chi ama la libertà, chi come me è stato concepito e seguito passo passo da mamma, da papà, dai nonni, per essere un uomo libero, non può che farsi domande, di continuo. Mai accettare le risposte preconfezionate dai Goebbels di turno. Per due mesi ho ascoltato solo menzogne, giochi di parole, fake truth in purezza.

Sento “ne usciremo tutti insieme”. E al contempo ci impongono il distanziamento. Si rendono conto che il distanziamento è l’opposto di libertà? Poi dicono “non disturbate il manovratore”.  Si rendono conto che parliamo della mia libertà, della mia vita. Non siamo su un tram, ma nella vita vera. Nel Cameo precedente ho scritto “No Pasaran”, addirittura tutto maiuscolo. È stato un ultimo, fanciullesco tentativo di raccontare una bugia a me, ai miei cari, ai miei amici, ai lettori. I colpevoli morali del disastro (la filiera dei sociopatici del Ceo capitalism) in realtà hanno vinto. Ci hanno imprigionato, ci hanno vessato, ci hanno manipolato, e noi abbiamo accettato tutto. Il “fascism” (nell’accezione anglosassone del termine) si è palesato, e noi zitti.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
35 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Luigi GARGARELLI
Luigi GARGARELLI
10 Maggio 2020 12:14

Penso che andare in spiaggia, al momento non sia tanto sicuro ancora, perché è insicuro lo stare sdraiati al sole, gli uni vicino agli altri, seppure a dovuta distanza di sicurezza per il contenimento della fase 2. Lo so che è dura da accettare, l ‘ estate giunge alle porte, e la voglia di fare il bagno al mare, oppure distendersi sulla sdraia a prendere il sole è tanta, ma la nostra salute e la nostra vita, lo è ancor di più. Vedremo più in là quanto sarà sicuro, anche solo passeggiare, lungo il litorale marino, magari solo per annusare la bella aria carica di iodio, ma se la protezione civile nazionale già afferma di aver ricevuta una e – mail ministeriale che ci impone il divieto di stare in spiaggia fermi a prendere il sole, e questa notizia di già ci preoccupa e sconforta, ma se bisognerà ingoiare questa ulteriore pillola, per il nostro bene salutare; . Lo faremo perché la nostra vita è più importante del mare; so di certo che non esiste al momento nessun decreto che vieta di visitare i luoghi marini, ma solo per passeggiate, senza sostare; per evitare assemblamenti di persone, ci saranno comunque i pubblici ufficiali, sulle spiagge che circoleranno di continuo per ricordarcelo. Di certo se non verrà pubblicato un comunicato da… Leggi il resto »

Valeria Caldelli
Valeria Caldelli
10 Maggio 2020 10:05

‘Fatti non foste a viver come bruti’ . Gia’ Dante ci sollecitava. Ma noi non l’ abbiamo ancora capito….e’ triste

Davide V8
Davide V8
10 Maggio 2020 2:52

Circa la dittatura sanitaria, gli “eroi” e coloro che “eseguono solo gli ordini”, segnalo questo scandaloso TSO e sequestro di persona, che stanno avvenendo nel silenzio generale dei media di regime:
https://www.byoblu.com/2020/05/08/cosa-e-successo-a-dario-musso-perche-gli-e-stato-fatto-un-tso-chiediamo-informazioni-ufficiali-byoblu24/

Davide
Davide
9 Maggio 2020 19:51

Non la penso come te, liberi da cosa, torneremo nuovamente schiavi del lavoro, in questi 2 mesi ho avuto più tempo per me, per stare con la mia famiglia,abbiamo fatto un sacco di cose insieme, smettetela di sentirvi prigionieri,è stata un’esperienza ,certo che la gente sta buttando nel cesso 2 mesi di sacrifici comportandosi dal 4 maggio come se niente fosse;forse lavorare tutti un po’ meno sarebbe meglio, la vita è una sola e breve,perché non trascorrerla nel modo migliore?
Certo siamo abituati a troppe cose inutili e per averle siamo disposti a buttare via anche 12 ore al giorno di lavoro, ma ne vale la pena?
Vivere è meglio di sopravvivere

stefano
stefano
9 Maggio 2020 19:48

Si parla di un PIL 2020 A – 9,5 % previsione ottimistica e comunque tutta da verificare.
Sè al contrario che all’estero vicino ( dove si stanno già organizzando e bene, a partire dal mese di luglio) quì dovessimo saltare una intera stagione senza stranieri (il turismo italiano non porta nulla o molto poco e per lo più si muove all’estero) , il PIL 2020 sarà – 18 %.

Luca
Luca
9 Maggio 2020 18:09

Un bellissimo esercizio di stile che con la realtà ha a che fare come i sogni raccontati nel “romanzetto”. Ogni riga di questo articolo dimostra l’ignoranza in materia scientifica e la sconsideratezza di chi scrive, e raggiunge l’apice quando paragona la fine della crisi attuale con il dopoguerra, un evento che è sempre stato sotto il controllo dell’uomo a differenza della crisi attuale. La libertà di ognuno finisce dove lede la libertà altrui, ma sembra che 30000 morti ancora non bastino per capirlo.

Pigi
Pigi
9 Maggio 2020 18:08

Purtroppo le forze dell’ordine hanno dimostrato che sono disponibili ad andare contro la popolazione, se trovano un governo che le convince che è doveroso.
E nello stesso tempo, si girano dall’altra parte se, nel 25 aprile, a sinistra fanno lo stesso
Credo che per tanti siano una disillusione.
Per chi scrive no: molti hanno sfogato contro i propri cittadini la frustrazione accumulata prendendo busse dai delinquenti e dagli extracomunitari, senza poter reagire perché venivano condannati dai giudici sinistri.
Ora si troveranno senza alcuna comprensione dai propri concittadini. Bel risultato.

Sal
Sal
9 Maggio 2020 17:21

Quante ne ho lette in questo forum sulla polizia!
La polizia sacra! I poliziotti che sacrificano ogni giorno la loro vita! I poliziotti (quasi) assassinati dalla corazzata guidata da Carola! I poliziotti in pericolo per gli extracomunitari cattivi e puzzolenti! I poliziotti che hanno diritto di difendersi ad ogni costo (anche a costo della vita degli altri)!

Ed eccoli qui oggi i poliziotti nella foto: ridotti (SECONDO QUALCUNO) a due sgherri a caccia di onesti cittadini martiri della libertà per il solo gusto sadico di multarli ed applicare la dittatura di Conte!
Complimenti!