in

Registrato il primo figlio di due mamme. Sicuri sia un atto di civiltà?

Il 23 aprile, il Comune di Torino ha registrato nell’anagrafe cittadina, il figlio di due mamme nato nel nostro Paese. Si tratta del primo riconoscimento alla nascita di un bimbo di una coppia dello stesso sesso. Le due donne hanno rivendicato l’evento come un’importante vittoria di civiltà. Sarà, ma dimenticano un dettaglio non da poco…

Il commento nel breve video sotto

15 Commenti

Scrivi un commento
  1. No,i bambini non sono oggetti di desiderio,sono persone! Queste sono pagliacciate. La coppia uomo – donna è fondamentale e lo dicono numerosi psichiatri. E poi,il documento non dice la verità:da 2 donne non viene fuori nessun bambino;il bambino si chiederà da dove è saltato il suo cromosoma y…. vediamo cosa gli diranno.

  2. Che vergogna! Pensano, pur essendo omosessuali, di avere diritto a tutto: non e’ cosi’! Un conto sono le unioni civili ma un figlio no, un figlio e’ un atto d’amore non di egoismo! Non e’ il frutto di una donazione eterologa o peggio ancora di un utero in affitto, pratica aberrante! Un figlio in una coppia omosessuale e’ contronatura! Un figlio ha diritto di avere un padre e una madre! La teoria gender e’ un fallimento totale! Felicissima di pensarla cosi’ e di essere “all’antica”! I valori morali, etici, religiosi vengono prima del proprio egoismo!

  3. Per farla breve, se due persone dello stesso non possono fare un figlio naturalmente, non ne hanno diritto per legge. E non per una patologia come in una coppa sterile. Sarebbe come se un uomo volesse le ali o le ruote, Siamo nati senza, non ne abbiamo diritto, Non è difficile.

  4. Salve Nicola, mi permetto di darti del tu… ti seguo spesso e condivido molto dei tuoi pensieri, anche se non sono molto liberale come te… Rispetto i diritti di tutti ma credo che piano piano stiamo superando ogni limite… Credo che la società si stia disgregando proprio perché sta venendo meno la figura della famiglia tradizionale.. non perchè sia un cattolico.. ma la famiglia tradizionale ha rappresentato un cardine fondamentale per le generazioni passate… noi non sappiamo i figli di queste adozioni psicologicamente come accetteranno, come cresceranno non avendo le figure maschili e femminili di riferimento.. Per me stiamo sbagliando… Vorrei chiederti una cosa… Mi piacerebbe che facessi una sorta di indagine sulla vicenda Alitalia… io ci lavoro e ti posso assicurare che molto diversa da come la raccontano… posso fornirti dei video ed altro se vorrai. Cordialità Alessandro

  5. E’ un grande atto di egoismo I figli necessitano di due figure ben distinte: una mamma e un papa’. In molte coppie separate,e’ dimostrato, i figli risentono sempre della mancanza di una delle figure che non e’ piu’ presente in quell’ambito familiare. Queste ” forzature” rappresentano un segno di inciviltà e menefreghismo per il prossimo e sono una esaltazione del proprio ego.

  6. Sempre peggio la cosiddetta civiltà occidentale. A quando la legalizzazione dellunione tra una bestia e un umano?
    Forse ci meritiamo di finire, di cessare di esistere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *