in

Report dalla Transnistria: la prossima guerra di Putin

Viaggio in Transnistria, uno dei possibili obiettivi dell’esercito russo

Dimensioni testo

Siamo riusciti a entrare in Transnistria, uno dei luoghi cruciali del conflitto ucraino. Per la comunità internazionale, la Transnistria è un territorio che si trova all’interno della Moldavia. Ma il suo legame con la Russia rimane forte, come dimostrano la sua bandiera e le scritte sui carri armeti nel video (le lingue ufficiali riconosciute dalla Transnistria, infatti, sono tre: il russo, l’ucraino e il moldavo però con l’alfabeto cirillico).

Sul territorio sono presenti diverse truppe dell’esercito russo. Ufficialmente per una missione di pace. Non si sa quanti ce ne siano in Transnistria. Di sicuro (nel video non si vede, perché per ragioni di sicurezza non ce l’hanno fatta inquadrare) c’è una base russa. In giro ci sono monumenti post-guerra del 1992 per celebrare l’indipendenza di questo territorio. Indipendenza che, però, di fatto non è mai avvenuta.

In un referendum del 2006, circa il 97 per cento della popolazione si è espressa per un ritorno nella federazione russa. Un particolare, questo, non da poco. Come rivelato qualche giorno fa dal presidente della Bielorussa Lukašėnka, infatti, la Transnistria potrebbe essere uno dei prossimi obiettivi della Russia. Un’ipotesi – così ci dicono – che avrebbe il favore della popolazione che qui vive.

Francesco Giubilei, 9 marzo 2022