in

Saviano sale sulla nave Ong. Per presentare il suo libro…

Dimensioni testo

Aveva detto di volerci mettere il corpo, di fare scudo con la sua presenza alle navi Ong cariche di immigrati. E alla fine il corpo ce lo metterà ma in porto e per presentare un suo libro. Roberto Saviano si imbarcherà sulla nave Open Arms ormeggiata a Napoli per presentare la sua ultima fatica letteraria, In mare non esistono taxi, edita da Contrasto. Roberto Saviano, ai microfoni di Circo Massimo su Radio Capital, ha così presentato l’iniziativa e il «blitz» a bordo del vascello della Ong spagnola: «Per me è davvero super emozionante. Innanzitutto ritorno a Napoli, cosa non facile per me e sempre carica di emotività».
Poi Saviano ha lanciato il suo anatema contro chi critica le Ong: «Quella nave ha salvato migliaia di persone e combatte la valanga di fango e di bugie che vengono sistematicamente dette su queste ambulanze del mare». La presentazione a bordo della nave, prosegue lo scrittore, «per me ha un significato importantissimo. Napoli è città che resiste aprendo i porti: esserci è un momento di sintesi. Dobbiamo ragionare su questa propaganda continua che ha il solo obiettivo di distrarre dai reali temi che non sanno affrontare, da quelli fiscali a quelli economici, passando per la sicurezza e la gestione dei migranti. Preferiscono togliere diritti e millantare accuse».

L’unico rischio è che sia tutta propaganda (di se stesso e dei propri libri).

Alessandro Gnocchi, 21 giugno 2019