Scadenza Imu 2020, l’esproprio è servito - Seconda parte

Condividi questo articolo


Il Governo si è occupato di Imu con una sola misura, molto limitata, contenuta nel “decreto rilancio”, che elimina l’obbligo del pagamento della prima rata dell’imposta per una serie di immobili utilizzati per attività turistiche “a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate”. A parte la condizione introdotta, che ne impedirà l’applicazione per molti alberghi, la norma “dimentica” una categoria di soggetti che stanno soffrendo allo stesso modo di quelli agevolati e che come gli altri hanno consentito di far crescere il prodotto interno lordo italiano attraverso l’ospitalità a turisti italiani e stranieri: i proprietari di case locate a fini turistici. Perché questa discriminazione? Dopo averli caricati di obblighi, di loro ci si dimentica proprio quando c’è bisogno di sostenerli?

Dell’Imu e delle sue assurdità si potrebbe parlare e scrivere per ore. Una cosa, però, è certa. Se nessuno interverrà, i Comuni si preparino: il 16 giugno i conti non torneranno. E non si tratterà di evasione fiscale.

Giorgio Spaziani Testa, 3 giugno 2020

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


7 Commenti

Scrivi un commento
  1. E’ tutto giustissimo. Ma allora perche se ne parla cosi’ poco? Perche’ le.associazioni.piccoli proprietari non fanno.emergere la questione in modo.piu incisivo ? perche I piccoli proprietari.tacciono? Il governo.usa.anche l’ipocrisia di voler.mostrare che I proprietari.sono.ricchi e fa nascere
    con.gli inquilini.una guerra tra poveri.
    Gradirei.si sollevasse.il.problema.e sono.pronto ad.eventuale.iniziativa o segnalazione nelle sedi.opportuna perche’ amo.I fatti. Attendo notizie.

  2. La più grossa vigliaccate che potevano fare. Costretti a mangiare pane e mortadella per pagare il pizzo come la mafia. La cosa più ingiusta estorcere denaro a chi a ricevuto in eredità una vecchia casa . Chi fa l operaio mi spiegate come fa ?

  3. Non sembra un torto dover pagare per l’acqua potabile, fogna , immondizia,etc. , in relazione all’uso. Per esempio,una casa con due bagni potrebbe usare piu’ acqua e fogna di un’altra con solo un bagno . Casa affittata al turismo , piu’ immondizia ,piu’ gente sui trasporti pubblici e piu’ frequente l’uso dagli ospiti di tutti i servizi pubblici . Giusto che i proprietari di case vacanze in affitto paghino per l’appoggio. Le tasse devono essere proporzionate allo scopo. In Nord America le case,anche le prime ,sono tassate relativamente al valore di mercato e non mi sembra giusto. Una patrimoniale che gia’ dagli anni ottanta cacciava di casa nonnine vedove che hanno per forza dovuto vendere le loro case familiari per causa di valori eccessivi, con le tasse basate su percentuali del valore catastale oggi diventate onerose. In Italia siete fortunati che il diritto della prima casa senza oneri e’ gia’ rispettato. Non perdetelo.

  4. Le fornisco un idea, Spaziani, visto che siamo in periodo di MONETA FISCALE e di facile smobilizzo dei crediti, perchè CONFEDILIZIA, non propone la possibilità di smobilizzo degli immobili accatastati contro cessione degli stessi allo Stato in cambio di un credito d’imposta pari alla rendita catastale rivalutata presa a base per la tassazione IMU ???? Sarà forse la volta buona che si pone fine fine all’ESTORSIONE. Lo stato potrebbe a sua volta usare tali immobili cartolarizzati ceduti dai contribuenti contro il suddetto credito d’imposta per pagare le innumerevoli categorie di accoolazzati GRANDI PRENDITORI DI SPESA PUBBLICA IMPRODUTTIVA.

  5. Buongiorno,
    alla morte di ns. madre, 5 anni fa, abbiamo ereditato, 3 fratelli, una intera palazzina, 2 locali p.t +1° piano, che fin dal 2015 sfitta, l’abbiamo messa in vendita riducendo di molto il suo valore, ma senza successo. Chiaramente non si può ridurre a rudere. Purtroppo, noi 3 fratelli non navighiamo in buone acque, sopratutto in questo periodo. Abbiamo deciso di non pagare l’IMU, € 2.400,00 annui per difficoltà economiche. Vi chiedo è mai possibile che per una casa “abbandonata” (sfitta) per tanti anni dobbiamo continuare a pagare questa tangente? Non c’è modo di ovviare?
    ringrazio chi ci può dare lumi in merito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *