in

Se la fluidità vince il Nobel

Dimensioni testo

Svante Pääbo, biologo svedese, ha vinto – come noto – il premio Nobel per la medicina per le sue ricerche sull’origine dell’uomo. Così almeno stupidamente pensavo.

Dicevo: pensavo che quel genio di Svante avesse vinto il massimo riconoscimento a cui puoi spiegare uno scienziato per il suo genio scientifico. Poi mi imbatto nell’articolo pubblicato ieri dalla Stampa firma di Maria Laura Rodotà, nota simpatizzante di sinistra e figlia di tanto padre, e scopro di essere davvero un cretino. La Rodotà, infatti, scrive: “Di sicuro, quella dell’Accademia delle scienze svedese è una delle poche scelte progressiste viste ultimamente. Per vari motivi…”

Continua ascoltando il podcast di Alessandro Sallusti del 5 ottobre 2022