Cronaca

Strage a Mosca, “gli attentatori fermati vicino al confine con l’Ucraina”

L’Fsb informa Putin: arrestate 11 persone tra cui i quattro terroristi. Ma la Casa Bianca smentisce: “Nessun coinvolgimento di Kiev”

Live Aggiornato
2024-03-23T18:13:22+01:00

Spento l'incendio al Crocus

L’incendio, dopo tante ore di lavoro da parte dei vigili dei fuoco russi, è stato finalmente domato. Le vittime sono almeno 143, centinaia i feriti. Ma molte persone potrebbero ancora trovarsi sotto le macerie della sala concerti vicino a Mosca.

2024-03-23T18:12:00+01:00

"Gli Stati Uniti avevano allertato Mosca sull'Isis"

Secondo il NYT, che cita fonti dell’intelligence americana, gli Stati Uniti avrebbero informato Mosca di un pericolo imminente riguardante l’Isis. La cellula afghana dello Stato Islamico, detta Ispk, infatti, pare fosse molto attiva negli ultimi tempi e pare avesse messo la Russia nel mirino.

I leader dell’Isis hanno accusato il Cremlino di essere nemico dell’Islam a causa degli interventi militari “in Afghanistan, Cecenia e Siria”.

2024-03-23T18:09:56+01:00

Tusk: "Attentato non sia pretesto per escalation"

“Auspichiamo che questa terribile tragedia non diventi un pretesto per una escalation di violenza e aggressione”, lo scrive su X il primo ministro polacco Donald Tusk.

2024-03-23T15:59:51+01:00

L'Isis pubblica la foto dei terroristi

L’Isis torna a rivendicare l’attacco Crocus City Hall di Mosca e pubblica la foto di quattro “combattenti”. “L’attacco si inserisce nel contesto di una guerra furiosa tra lo Stato Islamico e i Paesi che combattono l’Islam”, ha aggiunto l’agenzia Amaq.

 

2024-03-23T14:09:58+01:00

Vladimir Putin: "Puniremo i responsabili"

Il presidente russo si è rivolto alla nazione con un video andato in onda su tutte le televisioni.

“Tutti e quattro autori diretti dell’attacco terroristico, tutti coloro che hanno sparato e ucciso persone, sono stati arrestati – ha detto – Cercavano di nascondersi e si dirigevano verso l’Ucraina, dove, secondo le prime indagini, era stato predisposto un varco dal lato ucraino per attraversare i confine”.

Leggi qui il discorso integrale

2024-03-23T14:06:48+01:00

La Nato: "Nulla giustifica questi attacchi"

Su X la portavoce della Nato, Farah Dakhlallah, scrive: “Condanniamo in modo inequivocabile gli attacchi che hanno preso di mira a Mosca chi partecipava a un concerto. Nulla può giustificare crimini così efferati. Le nostre più sentite condoglianze alle vittime e alle loro famiglie”.

2024-03-23T14:05:18+01:00

L'Ucraina assicura: "Non c'entriamo nulla"

Mikhailo Podolyak, consigliere della presidenza ucraina di Volodymyr Zelensky, su X scrive: “Ci aspettavamo la versione dei funzionari russi della ‘traccia ucraina’ nell’attacco terroristico al Crocus City Hall. Primitivismo e prevedibilità sono le caratteristiche ideali dei servizi di sicurezza russi. Ancora una volta, l’Fsb lo conferma ma qualsiasi tentativo di collegare l’Ucraina all’attacco terroristico è assolutamente insostenibile”. Insomma: “l’Ucraina non ha il benché minimo collegamento con questo incidente”.

2024-03-23T14:03:42+01:00

Tajani: italiani avvertiti dall'8 marzo

A Mosca ci sono 2.700 italiani registrati all’Aire e al momento non ci sono notizie di connazionali coinvolti. “Il ministero degli Esteri sul sito Viaggiare informati, insieme alla nostra rappresentanza diplomatica italiana a Mosca, fino dall’8 marzo aveva invitato gli italiani a non partecipare a eventi dove c’era molta gente – fa sapere il ministro Antonio Tajani – perché la polizia russa aveva arrestato i componenti di una cellula terroristica di matrice jihadista e quindi c’erano dei pericoli di attentati a Mosca”.

Per il titolare della Farnesina, “probabilmente le persone ricercate vengono dalle regioni più vicine all’Afghanistan. Il fenomeno del terrorismo non va mai sottovalutato, affronteremo la questione del terrorismo anche al G7 diCapri e al vertice della Nato che si svolgerà subito dopo Pasqua a Bruxelles. Evidentemente anche la polizia russa era in allerta, stiamo seguendo 24 ore su 24 la situazione, il n ostro consolato è rimasto aperto tutta la notte e lo stesso l’ambasciata”.

2024-03-23T14:00:08+01:00

I morti salgono a 115

“Sul luogo dell’attacco terroristico nella sala concerti del Crocus City Hall, quando i servizi di emergenza hanno rimosso le macerie, sono stati trovati altri corpi. Il bilancio delle vittime è quindi attualmente di 115 persone”. Lo riferiscono gli investigatori russi.

2024-03-23T00:00:00+01:00

Kiev: "Provocazione di Putin"

La direzione principale dell’intelligence del Ministero della Difesa ritiene che l’attacco di Mosca sia una “provocazione di Putin”. Per Andrey Yusov “si tratta di una provocazione deliberata dei servizi speciali di Putin, da cui la comunità internazionale ha messo in guardia. Il tiranno del Cremlino ha iniziato la sua carriera con questo e vuole finirla con gli stessi crimini contro i suoi stessi cittadini”.

2024-03-23T10:29:49+01:00

La relazione del Comitato investigativo: "Così sono morte le vittime"

Sul canale telegram del comitato investigativo che indaga sulla strage, si legge:

“Al momento è stato accertato che il numero dei decessi è di 93 persone. Il bilancio delle vittime aumenterà ulteriormente. Secondo i dati preliminari, le cause della morte sarebbero ferite da arma da fuoco e avvelenamento da prodotti della combustione”.

Gli investigatori sul posto hanno trovato “armi automatiche” le quali, “insieme alle munizioni lasciate, sono state scoperte e sequestrate dagli investigatori dell’ICR. Sulla base di queste prove materiali vengono attualmente effettuati esami balistici, genetici e impronte digitali”.

“È stato inoltre accertato – si legge ancora – che i terroristi hanno utilizzato un liquido infiammabile per appiccare il fuoco ai locali della sala da concerto, dove si trovavano gli spettatori, compresi i feriti”.

2024-03-23T10:09:32+01:00

"Attentatori arrestati vicino al confine ucraino"

Secondo quanto riporta Ria Novosti, l’agenzia di stampa russa, i servizi segreti avrebbero arrestato i sospetti attentatori nella regione di Bryansk, “vicino al confine con l’Ucraina”. Secondo l’Fsb i terroristi avrebbero avuto “contatti” in Ucraina.

Al momento sono state arrestate 11 persone, tra cui i quattro attentatori armati. “Il direttore dell’FSB Bortnikov ha riferito a Putin della detenzione di 11 persone, tutti e quattro terroristi direttamente coinvolti nell’attacco terroristico”, ha riferito il servizio stampa del Cremlino.

Sequestrati una pistola, una cartuccia per fucile d’assalto kalshnikov e passaporti tagiki.

L’agenzia di stampa Ria Novosti aggiunge che, secondo i servizi segreti, “dopo aver commesso l’attacco terroristico, hanno cercato di scappare in macchina e di attraversare il confine russo-ucraino. I terroristi avevano contatti in Ucraina e utilizzavano armi preparate in anticipo in un nascondiglio”. I sospetti sono stati trasferiti a Mosca e è in corso la ricerca dei complici.

Ma la Casa Bianca conferma: “Non c’è alcuna indicazione al momento che l’Ucraina o gli ucraini siano stati coinvolti nell’attentato”, come spiegato da John Kirby, portavoce del Consiglio di Sicurezza.

2024-03-23T10:09:29+01:00

Tajani: "Ferma condanna"

Il ministro degli Esteri italiano, Antonio Tajani, condanna “fermamente” l’attentato terroristico a Mosca. “Probabilmente è veritiera la rivendicazione dell’Isis – aggiunge al Tg1 – aspettiamo però tutte le analisi che devono essere fatte”.

2024-03-23T10:03:07+01:00

La fuga degli attentatori

Secondo quanto emerso in un primo momento, gli attentatori sarebbero fuggiti su una Renault bianca. L’Isis ha rivendicato l’attacco, una dichiarazione ritenuta credibile dagli Stati Uniti che nei giorni scorsi avevano avvertito l’intelligence del Cremlino.

Una fonte dell’intelligence russa, alla Tass, ha fatto sapere che “Queste informazioni sono state effettivamente ricevute, ma si trattava di informazioni di carattere generale, senza dettagli specifici”.

Leggi qui la ricostruzione della fuga e la rivendicazione dell’Isis

2024-03-23T10:01:38+01:00

L'attentato a Mosca

Ieri sera, venerdì 22 marzo, nella sala concerti Crocus City Hall, a Krasnogorsk, nella periferia nord di Mosca, quattro persone hanno aperto il fuoco contro le persone in coda per entrare allo show. Si parla di oltre 100 morti e centinaia di feriti. Sul posto erano attese almeno 6mila persone per assistere al concerto.

Il palazzo è poi andato a fuoco.

Leggi qui la ricostruzione di quanto avvenuto e guarda i video choc

Iscrivi al canale whatsapp di nicolaporro.it

SEDUTE SATIRICHE

www.nicolaporro.it vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli