Tassa sulla casa, la fregatura in 5 punti

Condividi questo articolo


La parolina magica, come sempre, è “semplificazione”. Questa volta è stata usata per far passare per una novità positiva l’unificazione, con la manovra, dell’Imu e della Tasi. Dal 2020 – è stato il messaggio – anziché due imposte sugli immobili ce ne sarà solo una. Evviva. In realtà, di buone notizie per i proprietari italiani non ce ne sono. La patrimoniale sul mattone ha cambiato nome ma continuerà a pesare come prima, se non di più: 22 miliardi di euro l’anno. Dal 2012 – primo anno dopo la manovra Monti – i miliardi sono addirittura 183, con buona pace di chi farnetica della mancanza di una tassazione patrimoniale nel nostro Paese.

A parlar chiaro, del resto, è stato lo stesso Servizio Studi del Senato: “Viene prevista – si legge in uno dei dossier di approfondimento della legge di bilancio – una sola forma di prelievo patrimoniale immobiliare che ricalca, in gran parte, la disciplina Imu e, dunque, riprende l’assetto anteriore alla legge di stabilità 2014”. La benedizione dell’Imu-Monti, insomma. Con l’aggiunta di alcuni peggioramenti. Vediamo quali.

1.È stata aumentata dal 4 al 5 per mille l’aliquota “di base” per l’abitazione principale e dal 7,6 all’8,6 per mille quella per gli altri immobili.

2.Viene consentito ad alcuni Comuni (fra i quali Roma e Milano), senza alcuna giustificazione e con dubbia legittimità costituzionale, di raggiungere un’aliquota massima più alta rispetto a tutti gli altri: 11,4 per mille anziché 10,6.

3.Con l’eliminazione della Tasi è stato soppresso l’obbligo per i Comuni di individuare i “servizi indivisibili” e di indicare analiticamente, per ciascuno di essi, “i relativi costi alla cui copertura il tributo è diretto”. In sostanza, l’unica parvenza di service tax, da tutti a parole invocata, è stata eliminata anziché essere rafforzata. Era un modo, sia pur timido, per consentire ai cittadini di controllare un po’ i loro amministratori. Via anche questo.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


26 Commenti

Scrivi un commento
    • In Germania no, è falso ciò che dice.

      In Usa e Svizzera sì, ma in compenso le entrate dello stato (più alte della pressione fiscale, per motivi sui cui non mi dilungo) sono circa 17 punti di pil più basse: 48/49% del pil in Italia, contro 31/32% in Usa e Svizzera.

      Paghiamo più del 50% in più di questi due paesi, nel complesso.

      Per avere un’idea di cosa si stia parlando, quei 17 punti di pil valgono quasi 300 miliardi di euro, quasi il doppio del gettito Irpef (165 miliardi circa) o Iva (140 miliardi circa).

      In pratica pagando quanto pagano negli Usa o in Svizzera potremmo ABOLIRE in toto l’Irpef E l’Iva, questa è la situazione.

      Così fosse, l’IMU sarebbe vista in tutt’altro modo, non trova?

      Ed in Italia la tassazione patrimoniale è più alta della media ocse.

      Dimentichiamo che, comprando un immobile, ad esempio c’è l’imposta di registro pari al 10%?

      Il suo è il solito paragone senza senso e fuorviante.

      Usa e Svizzera sono meglio perchè si pagano nel complesso drammaticamente meno imposte, non perchè pagare più tasse sugli immobili consenta di ridurre tutto il resto: questa è la solita favoletta FALSA che usano i ladri di professione per espropriare gli italiani.

  1. Quando incominceremo ad imparare dai francesi…..vedi loro proteste per riforma delle pensioni. Noi italiani siamo solo capaci e ci limitiamo al bla bla….

  2. Prima 6 per mille sui conti correnti adesso c’è una patrimoniale che al netto delle svalutazioni e della riduzione delle rendite immobiliari ed essendo indetraibile erode il 10 % dei valori reali, in pratica dopo 10 anni hai perso tutto. Truffatori che verranno smascherati ladri dentro lo stato,orrore di uomini senza testa e morale.Solo con il petrolio della Basilicata potremo chiudere i buffi bastardi di una classe politica che continua a rubare le vite degli italiani. Dovranno ripagare tutto il maltolto e presto.

  3. Cosa si aspetta per una sana ribellione fiscale?

    Che ci abbiano espropriato tutto?

    Che poi avere una imposta invece che due sia meglio è vero. Più che altro il problema è il punto 4), che sposta l’onere solo sui proprietari, alla faccia dei “servizi”.

    Ma in generale il problema è l’esproprio ordinario, grazie al capo della banda bassotti di qualche anno fa, che ancora non ha capito il disastro che ha compiuto, perchè è troppo presuntuoso per prendere in considerazione l’ipotesi di non capire l’economia ed il mondo in cui vive.

    Sarà inutile piangere quando saremo tutti dei poveretti che vivono di sussidi pubblici.

    • In effetti occorrerebbe reagire energicamente. Questi capiscono solo le maniere forti (vedi Francia: appena cominci a creare disordini abbassano subito la cresta e fanno marcia indietro, sono pure vigliacchi). Ed è chiaro che vogliono toglierci anche l’ultimo baluardo: la casa in cui viviamo.

      • La casa e la possibilità di avere qualche entrata che non sia fare il soldatino dipendente a bassa produttività, ed in concorrenza salariale con le orde di disperati low cost che volontariamente importano nel paese.

  4. perchè lo scrivente non fa un esempio pratico in modo che tutti possano capire e valutare la reale portata di questa nuova tassa?

  5. Quando apriranno gli occhi quelli che potrebbero fare qualche cosa? MAI !!!

    Prima dovranno aprire gli occhi tutti gli elettori che hanno votato chi ci sta governando eche, presumibilmente, malgrado i sondaggi, alla fine finiranno con il farlo!

  6. E perchè Confedilizia non organizza una protesta fiscale incisiva e perdurante?

    Inutile lamentarsi a parole , e sperare che “aprano gli occhi coloro che potrebbero fare qualcosa”.

    Chi potrebbe far qualcosa se non proprio gli stessi proprietari immobiliari debitamente attrezzati , rappresentati e determinati?

    I politici?

    Gli amici dei politici?

    Chi?

    Confedilizia ha una base liberale ormai spenta che va riattizzata con un pesante innesco libertario.

    Confedilizia ha un notevole potere contrattuale , sol che volesse dimostrarlo ed usarlo.

    Un potere contrattuale che si misura in decine di miliardi all’anno.

    Non ci si può ergere a difensori della proprietà edilizia ed esser al contempo rispettosi osservanti di norme liberticide , vessatorie, furtive.

    Bastiat scriveva : “Private l’uomo della sua proprietà e lo priverete della sua libertà, della sua individualità e della sua personalità”

    Lo statoladro sono decenni che prosciuga ed attenta alla proprietà immobiliare degli ormai sudditi.

    Confedilizia dov’è?

    • Perchè Confedilizia rappresenta i paperoni dell’immobiliare e a quelli che le tasse ed onoeri vari aumentino non gli cambia la vita, loro hanno gli strumenti per aggirare certi problemi.

        • Aderiscono alla Confedilizia anche Associazioni di settore, fra cui l’ADSI-Associazione dimore storiche italiane; l’AMPIC-Associazione multiproprietari italiani Confedilizia; l’ANBBA-Associazione nazionale dei bed & breakfast e degli affittacamere; l’ANCE-Associazione nazionale costruttori edili; l’ANIA-Associazione nazionale imprese assicuratrici; l’ASAGES-Associazione archivi gentilizi e storici; l’ASPESI-Associazione nazionale tra società di promozione e sviluppo immobiliare; l’ASSINDATCOLF-Associazione sindacale nazionale datori di lavoro colf; la CONFCASALINGHE-Confederazione nazionale casalinghe; il CNR CASA-Coordinamento nazionale case riscatto edilizia pubblica; la DOMUSCONSUMATORI-Associazione tutela consumatori ed utenti; la FIAIP-Federazione italiana agenti immobiliari professionali; la FIDALDO-Federazione italiana datori di lavoro domestico; il FIMPE-Fondo integrativo multiservizi proprietari edilizi. Apposite sezioni della Confedilizia organizzano i trusts immobiliari (ASSOTRUSTS-Coordinamento trusts immobiliari Confedilizia), i fondi immobiliari (COFIC-Coordinamento fondi immobiliari Confedilizia) e gli italiani all’estero (CITES-Coordinamento italiani all’estero).

          Gli interessi di Mario Rossi palazzinaro di Canicatti, hanno un peso specifico superiore ad ogni singolo soggetto sopra riportato.figuroamoci tutti messi insieme dentro Confedilizia, Mario Rossi serve a contribuire con la quota associativa, quello vale per Confedilizia .

          Se desidera approfondimao ogni sigla riportata

          • ANBBA-Associazione nazionale dei bed & breakfast e degli affittacamere.

            Sarebbero questi ,e non solo loro nell’elenco, i “Paperoni dell’immobiliare”?

          • Credoo che lei debba dare prima un’occhiata ai Bed and Breakfast della Toscana e non solo, dove la differenza tra un Hotel a cinque stelle è puramente formale.

      • Per evitare i problemi della proprietà immobiliare e del risparmio immobiliare in italia esiste solo un modo.

        Non avere immobili, espatriare coi risparmi.

        Altrimenti lo statoladro ti rovina.

        Lo stato rappresenta il problema per risparmio e settore immobiliare.

        Lo stato vuole i soldi dei sudditi.

        E gli statalisti sono tutti complici , il più spesso inconsapevoli ma anche talora in malafede, dello statoladro.

        Sono coloro che direttamente o indirettamente introducono ed approfittano delle razzie pubbliche a danno dei risparmiatori e dei produttori.

        Poi, sui giornali economici si legge che l’italia ha l’economia ferma da 20 anni.

        Confedilizia accoglie tra gli iscritti proprietari piccolissimi e grandi, la maggioranza dei quali condivide idee liberali.

        Accogliere è un verbo diverso da rappresentare e difendere efficacemente.

    • Meraviglioso Bastiat, come sempre.

      E sì, confedilizia non è minimamente credibile in quanto da sempre abituata ad approvare qualsivoglia provvedimento indegno e liberticida, purchè portasse acqua al suo mulino.

  7. Ciao Elisabetta solo per chiarire:

    SGR Il Fondo italiano per l’Efficienza Energetica

    CDP IL fondo italiano per l’innovazione

    Fraterno abbraccio

    • No CDP stà per Cassa Depositi e Prestiti ed SGR stà per , CDP Investimenti Sgr (CDPI Sgr) è una società di gestione del risparmio costituita il 24 febbraio 2009 per iniziativa di Cassa depositi e prestiti S.p.A., unitamente ad ACRI – Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio S.p.A. e ad ABI – Associazione Bancaria Italiana.

      Il capitale di CDPI Sgr è dunque detenuto, a partire dalla sua istituzione, per il 70% da CDP S.p.A. e per il 15% ciascuna dall’ACRI e dall’ABI.

      CDPI Sgr gestisce:

      • il “Fondo Investimenti per l’Abitare” (FIA), fondo d’investimento alternativo immobiliare riservato, operante nel settore dell’edilizia privata sociale (social housing) con la finalità di incrementare sul territorio italiano l’offerta di alloggi sociali per la locazione a canone calmierato e la vendita a prezzi convenzionati, a supporto ed integrazione delle politiche di settore dello Stato e degli enti locali.
      • Il “ Fondo FIA2” fondo d’investimento alternativo immobiliare riservato, operante nei settori dello smart housing, dello smart working e a supporto della ricerca, innovazione, tecnologia, istruzione e formazione.
      • Il “Fondo Investimenti per la Valorizzazione” (FIV), fondo d’investimento alternativo immobiliare multicomparto riservato, articolato nel Comparto Plus e nel Comparto Extra, che operano per stimolare e ottimizzare i processi di dismissione di patrimoni immobiliari da parte di enti pubblici società da questi ultimi controllate, anche indirettamente, e per lo sviluppo del patrimonio immobiliare riferibile alle società del Gruppo CDP.
      • Il “Fondo Investimenti per il Turismo” (FIT) e il “Fondo Turismo 1”, fondi d’investimento alternativi immobiliari riservati, dedicati a investimenti nei settori turistico, alberghiero, delle attività ricettive in generale e delle attività ricreative.

      Dal sito ufficiale.

  8. https://www.investireoggi.it/economia/limiti-ai-pagamenti-in-contante-la-bce-tira-le-orecchie-allitalia-colpite-i-piu-deboli/

    • Si la barzelletta della UE, quella che ha introdotto il Beilin,che ha mandato/imposto Mario Monti ( sarebbe il caso che qualcno riflettetsse sulla panzana del sovranismo alla Salvini e Meloni) per obbligare anche i pensionati a ricevere gli stipendi in banca, ( favore alle banche), quella UE viene si arma di ipocrisia per lettori smemorati e cerca di mistificare che Conte sia una sua indiretta creatura benedetta dall’antro degli Inferi/UE.

      • L’unico senso che ha quell’articolo è che la BCE campa in gran parte sul nero del mercato reale, e con quello che sopravvive ancora una parte della piccola media impresa italiana, che deve essere portata a tirarlo fuori tutto per foraggiare quel pozzo senza fine di mercato finanziario che trova nelle banche centrali il suo intermediario per eccellenza.

  9. Il Presidente di Confedilizia di persona personalmente.

    Come contabilizzano le multinazionali e grandi imprese le porprietà immobiliari alla voce IMU/TASI ed IRPEF?

    Lei non stà parlando degli aggravi inesistenti per i colossi sopramenzionati, ma per i beoti proprietari di immobili che hanno una persona fisica e non giuridica e se giuridica dipende,come pollo da spennare./titolare del diritto di proprietà.

    Daltronde i fondi immobiliari spalmano i costi di proprietà e tassazioni,( tanto per menzionarne uno di giochini di bilancio) gioco impossibile per i corn uti e mazziati piccoli e medi proprietari.

    Beh quale è il problema per vossia?

    L’edilizia è ferma, ma per i beoti geometri , mastri e costruttori che non hanno respiro all’estero.

    Lei rappresenta di certo quelli come Ansaldo, mica Mario Rossi palazzinaro di Canicattì.

    E si il diritto di proprietà e gli oneri derivanti, sono gli stessi sia per Ansaldo che per Mario Rossi.

    A che punto è il fondo immobiliare di CDP? Fondo itlainao immobiliare SGR? Quell’SGR la dice lunga!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *