in

Toh, il razzismo a Sondrio l’ha inventato una Sardina - Seconda parte

Dimensioni testo

No, guardando la pagina fb della fanciulla, che pure è consigliere comunale, nulla traspare di pensiero politico, è tutto un florilegio di buoni sentimenti e di moralismo, e probabilmente si è convinta di aver visto quelle scene e di aver sentito quelle voci. Con il fuoco nella mente della ideologia apparentemente debole ma in realtà totalitaria dell’anti razzismo, le deve essere apparso naturale ingigantire quello che forse è stato il commento a bassa voce di un tizio e trasformarlo in una sorta di mob razzista contro una madre sconvolta dal dolore.

E se le sardine sono queste, altro che amore: il loro totale impoliticismo si sposa con una ideologia talmente radicale da far costruire nelle loro menti un mondo inesistente. Nel quale vorrebbero probabilmente vederci tutti morti.

Marco Gervasoni, 19 dicembre 2019

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
130 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Laval
Laval
25 Dicembre 2019 8:29

Esistono varie versioni di cui la più importante è che nessuno ha disturbato la signora di colore, l’unica persona che lo ha fatto è la Francesca Gugiatti che ha fatto un gran casino, quello di scatenare l’odio. La consigliera comunale di Sondrio non è certamente una sprovveduta e sapeva quello che faceva, sapeva che avrebbe scatenato l’odio razziale e allora quale è la motivazione che l’ha spinta a farlo? La lista civica è di sinistra e riporto dal quotidiano comunista il manifesto: “Lista civica ultimo rifugio della sinistra”.

Laval
Laval
22 Dicembre 2019 13:12

RE: nino scala lombardo

Buongiorno Nino, solo per chiarire: Nella sala dell’ospedale a cui si fa riferimento erano presenti dei carabinieri i quali affermano che non c’era nessuno tranne l’inqualificabile. La stessa signora di colore conferma di non essere stata disturbata da nessuno.

Sempre disponibile al dialogo con lei che è una brava persona con cui si può dialogare con rispetto reciproco.

Italo lanza
Italo lanza
21 Dicembre 2019 16:54

Leggendo questo articolo, desidererei fare alcune riflessioni; noi eleggiamo i politici e li paghiamo profumatamente perché risolvano i problemi; invece loro trovano tutte le scuse, inventando delle difficoltà, che impediscono a loro di risolverli; queste difficoltà sono descritte con termini astratti (la burocrazia, l’Europa, nazioni straniere, disaccordi nella maggioranza ecc. ecc.). Questa notizia (falsa) diffusa da un assessore del PD nei riguardi di un’immigrata fa parte della tecnica, ben congeniata dai nostri politicanti, di far discutere quante più persone possibili su avvenimenti, che non hanno nulla a che fare con la soluzione dei problemi. Devo costatare che anche questa volta ci sono cascati in troppi come allocchi. Per fare un esempio: Chi vi scrive è un chirurgo ortopedico; immaginate che mi si presenti in Pronto soccorso uno che si è fratturato una gamba. E’ chiaro che debbo ingessarla; sono pagato per farlo. Invece cosa faccio? Trovo mille scuse per non farlo: la burocrazia ospedaliera non mi ha fornito le bende gessate, perché la Regione ha ridotto i finanziamenti e ci sono problemi di bilancio perché preferiscono finanziare altri settori, togliendolo alla sanità ecc. ecc. Cosa pensereste della mia fannullaggine? Vi mettereste a discutere, inveendo contro la regione, il suo bilancio o la burocrazia? Non sentireste il bisogno di offendermi, minacciarmi di passare a vie di fatto per indurmi a fare il… Leggi il resto »

Carlo
Carlo
21 Dicembre 2019 14:03

Ma questa sardina perché non ha reagito subito e denunciato queste o questa persona, con nome e cognome? Strano vero…!!

Laval
Laval
21 Dicembre 2019 12:52

Re nino scala lombardo

Correggo la parola pesciarola e metto sardina, tuttavia si è comportata come un pesciarola urlando al razzismo per il tornaconto politico e la cosa è molto grave, tra cui l’istigazione all’odio di cui vi fate promotori.

nino scala lombardo
nino scala lombardo
21 Dicembre 2019 10:55

@ Laval

La pesciarola? Forse che con l’insulto si ritiene di annullare il fenomeno delle sardine? Questo, sia volendolo esaltare, che controllare, è un fenomeno che andrebbe studiato e approfondito. Invece che si fa? Si tenta di snobbarlo, di eluderlo e schivarlo irridendolo, tranne poi ritrovarselo di fronte quale ostacolo insormontabile.

nino scala lombardo
nino scala lombardo
21 Dicembre 2019 10:34

@ Alfonso

Il razzismo lo portiamo dentro come un fantasma che volenti o nolernti ,bongrè malgrè, riemerga dal profondo. Non ci rendiamo conto invece di provenire tutti (dico tutti ) da una grande fossa tettonica nell’Africa del sud ( rift valley) milioni di anni fa, quando eravamo tutti neri, ma neri da far invidia alla notte. Stando almeno a Darwin e alle scoperte di antropologia evolutiva

Mauro
Mauro
21 Dicembre 2019 8:17

Perche’ bisogna sempre buttare tutto in politica? Io non so se realmente quei commenti razzisti ci siano stati in quel pronto soccorso, ne potete saperlo voi, visto che non c’eravamo ne io ne voi. Di certo commenti razzisti ne ho sentiti a centinaia in altre occasioni tra la gente comune, in qualsiasi luogo. E’ inutile dichiarare che il razzismo non esiste, esiste eccome, cosi come la guerra tra poveri alimentata giorno dopo giorno.