in

Guerra in Ucraina

Ucraina, chiusi i negoziati: “Noi neutrali”, “Lasciamo Kiev”. Un ruolo per l’Italia

Primo giorno di negoziazione ad Ankara tra Russia e Ucraina. Prime aperture

erdogan negoxiati turchia

Dimensioni testo

Che sarebbe stata una giornata all’insegna dei negoziati lo si era capito da due segnali: primo, il fatto che le delegazioni di Mosca e Kiev si sono incontrate a Istanbul e non in Bielorussia, dunque un territorio e un mediatore migliori per arrivare alla pace; secondo, la Russia ha gettato una secchiata d’acqua sugli “insulti personali” rivolti da Biden a Vladimir Putin. In sintesi: per Dmitry Peskov le parole del presidente Usa “non possono non lasciare il segno”, hanno un “impatto negativo” sui rapporti bilaterali, ma comunque “il dialogo è necessario”. Quindi il Cremlino per stavolta sorvola. E infatti qualche passo in avanti Ucraina e Russia lo hanno fatto (anche se la strada è “ancora lunga”): sono moltissime le novità emerse dalla nutrita riunione alla corte di Erdogan, incontro cui ha partecipato anche Roman Abramovich, nonostante il presunto avvelenamento subito a inizio marzo.

Kiev: pronti a dichiararci neutrali

Partiamo dalle aperture fatte da Kiev: l’Ucraina sarebbe favorevole a dichiararsi neutrale in base ad un sistema di garanzie adeguate. Lo aveva detto anche Zelensky nei giorni scorsi, chiedendo pure a Mario Draghi e all’Italia di svolgere un ruolo in tal senso. Insieme a Roma, Kiev ha chiesto la partecipazione di Regno Unito, Cina, Polonia, Stati Uniti, Francia, Turchia, Germania, Canada e Israele. “I Paesi garanti dovranno fornirci assistenza militare, forze armate, armamenti, cieli chiusi – ha detto David Arahamiya, capo negoziatore ucraino -: tutto ciò di cui abbiamo tanto bisogno ora e che non possiamo ottenere”. Si tratterebbe di una nuova “alleanza”, con un meccanismo di garanzia simile a quello dell’articolo 5 della Nato, ma senza entrare nella Nato. “Insistiamo che questo sia un accordo internazionale – dice il negoziatore ucraino – firmato da tutti i garanti della sicurezza, ratificato, per non ripetere l’errore che si è già fatto nel Memorandum di Budapest che si è rivelato solo un pezzo di carta”.

Mosca: “Riduciamo lo sforzo bellico”

Resta ovviamente il nodo del Donbass. Ieri il ministero degli Esteri di Mosca aveva annunciato che gli sforzi russi si sarebbero concentrati sul Sud Est dell’Ucraina. Oggi il ministro Sergei Shoigu ha confermato che “l’obiettivo primario è liberare il Donbass”: “Il potenziale di combattimento delle forze armate ucraine – ha detto – è stato significativamente ridotto, il che consente di concentrare gli sforzi sul raggiungimento dell’obiettivo principale: la liberazione del Donbass”.

L’Ucraina, che a parole non intende ovviamente rinunciare a parti del suo territorio, oggi ha però aperto uno spiraglio: ha proposto consultazioni di 15 anni sullo status della Crimea senza l’uso delle armi. Anche Mosca ha fatto sapere che sul tavolo di Istanbul c’è “il riconoscimento delle attuali realtà territoriali” dell’Ucraina. Per Medinsky, capo negoziatore di Putin, le parti sono più vicine ad un accordo. Se lo Zar potesse rivendicare la liberazione del Donbass, la conquista di Mariupol e la distruzione di infrastrutture civili e militari inflitte a Kiev, potrebbe anche valutare “accettabile” il risultato e cantare vittoria.