Esteri

“Una nuova era, viva la libertà”. Il discorso integrale di Milei

Il presidente argentino sale ufficialmente al potere. L’omaggio ai suoi cani che portano il nome dei grandi liberali

5.6k 32
Javier Milei Argentina

Pubblichiamo la traduzione del discorso integrale che Javier Milei ha tenuto oggi 10 dicembre in occasione della cerimonia di investitura da presidente dell’Argentina.

_____

Onorevoli Ministri della Corte, onorevoli governatori, onorevoli deputati e senatori nazionali, presidenti e dignitari stranieri, Argentini, oggi inizia una nuova era in Argentina.

Oggi poniamo fine ad una lunga e triste storia di decadenza e declino e iniziamo il percorso di ricostruzione del nostro Paese. Gli argentini, con forza, hanno espresso una volontà di cambiamento senza ritorno. Non c’è modo di tornare indietro. Oggi seppelliamo decenni di fallimenti, liti intestinali e dispute senza senso. Combattimenti che hanno solo distrutto il nostro amato Paese e ci hanno lasciato in rovina. Oggi inizia una nuova era in Argentina. Un’era di pace e prosperità. Un’era di crescita e sviluppo. Un’era di libertà e progresso.

200 anni fa, un gruppo di cittadini argentini riuniti a San Miguel de Tucumán, dichiarò al mondo che le province unite del Río de la Plata non erano più una colonia spagnola e che da quel momento storico saremmo stati un territorio libero e sovrano. Per decenni abbiamo dovuto affrontare dispute interne sulla forma istituzionale di cui il nostro Paese aveva bisogno.

Nel 1853, dopo 40 anni dalla dichiarazione di indipendenza, sotto gli auspici di un piccolo gruppo di giovani idealisti che oggi conosciamo come la Generazione del ’37, abbiamo deciso come popolo di abbracciare le idee di libertà . È stata così sancita una Costituzione liberale con l’obiettivo di garantire i benefici della libertà a noi, ai nostri posteri e a tutti gli uomini del mondo che vogliono abitare il suolo argentino. Ciò che avvenne dopo l’approvazione di quella costituzione, con forti radici liberali, fu l’espansione economica più imponente della nostra storia. Da paese di barbari impegnati in una guerra totale, siamo diventati la prima potenza mondiale. All’inizio del XX secolo eravamo il faro di luce dell’Occidente.

Le nostre coste hanno accolto a braccia aperte milioni di immigrati fuggiti da un’Europa devastata in cerca di un orizzonte di progresso. Sfortunatamente, la nostra leadership ha deciso di abbandonare il modello che ci aveva reso ricchi e di abbracciare le idee impoverenti del collettivismo.

Per più di 100 anni, i politici hanno insistito nel difendere un modello che genera solo povertà, stagnazione e miseria. Un modello che considera che i cittadini esistono per servire la politica e non che la politica esiste per servire i cittadini. Un modello che considera che il compito di un politico è quello di indirizzare la vita degli individui in tutti gli ambiti e ambiti possibili. Un modello che considera lo Stato come un bottino di guerra da distribuire tra amici. Signori, quel modello ha fallito. Ha fallito in tutto il mondo, ma soprattutto ha fallito nel nostro Paese.

Proprio come la caduta del muro di Berlino ha segnato la fine di un periodo tragico per il mondo, queste elezioni hanno segnato il punto di rottura della nostra storia.

Il discorso di Javier Milei: l’eredità ricevuta

In questi giorni molti hanno parlato dell’eredità che riceveremo. Vorrei essere molto chiaro su questo punto. Nessun governo ha ricevuto un’eredità peggiore di quella che stiamo ricevendo noi. Il kirchnerismo, che ai suoi inizi avrebbe dovuto avere surplus gemelli, cioè surplus fiscale ed esterno, oggi ci lascia con deficit gemelli pari al 17% del PIL.

A loro volta, di questi 17 punti di Pil, 15 corrispondono al deficit consolidato tra il Tesoro e la Banca Centrale. Pertanto, non esiste una soluzione praticabile che eviti di attaccare il deficit fiscale. Allo stesso tempo, di questi 15 punti di deficit fiscale, 5 corrispondono al Tesoro Nazionale e 10 alla Banca Centrale, quindi la soluzione implica, da un lato, un aggiustamento fiscale nel settore pubblico nazionale di cinque punti di PIL, che a differenza del passato ricadrà quasi interamente sullo Stato e non sul settore privato.

D’altro canto è necessario risanare le passività remunerate della Banca Centrale, responsabili del suo deficit di 10 punti. In questo modo si porrebbe fine all’emissione di moneta e con essa all’unica causa di inflazione empiricamente certa e valida in termini teorici. Tuttavia, dato che la politica monetaria agisce con un ritardo che varia dai 18 ai 24 mesi, anche se smettessimo di emettere moneta oggi, continueremo a pagare i costi della furia monetaria del governo uscente. Aver emesso 20 punti di Pil come è stato fatto nel governo uscente non è gratis. Lo pagheremo con l’inflazione.

Allo stesso tempo, il tasso di cambio, un’altra eredità di questo governo, non solo costituisce un incubo sociale e produttivo, perché implica alti tassi di interesse, basso livello di attività, basso livello di occupazione formale e miserabili salari reali che guidano l’aumento dei poveri senzatetto, ma anche il surplus di denaro nell’economia oggi è il doppio di quello che era prima del Rodrigazo.

Per avere un’idea di cosa ciò significhi, ricordiamo che il Rodrigazo ha moltiplicato il tasso di inflazione per sei volte, quindi un evento simile significherebbe moltiplicare il tasso di inflazione per 12 volte, e dato che ha viaggiato ad una velocità di 300%, potremmo arrivare a un tasso annuo di 3.600.

Ma non preoccupatevi, non finisce qui: l’eredità continua.

Allo stesso tempo, data la situazione dei debiti remunerati della Banca Centrale, peggiore di quella esistente prima dell’iperinflazione di Alfonsín, in brevissimo tempo la quantità di denaro potrebbe quadruplicare e quindi portare ad un’inflazione a livelli del 15.000% annuo.

Questa è l’eredità che ci lasciano: un’inflazione radicata del 15.000% annuo, per la quale combatteremo con le unghie e con i denti per sradicarla.

Inoltre, questa cifra che sembra assurda, voglio farvi sapere che implica un’inflazione del 52% mensile, mentre oggi viaggia già ad un ritmo, secondo stime private, che oscilla tra il 20% e il 40% mensile per i mesi tra dicembre e febbraio.

Cioè, il governo uscente ci ha lasciato con un’iperinflazione ed è nostra massima priorità compiere tutti gli sforzi possibili per evitare una simile catastrofe, che porterebbe a una povertà superiore al 90% e a un’indigenza superiore al 50%.

Non esiste quindi una soluzione alternativa all’adeguamento. D’altra parte, l’eredità non finisce qui, poiché gli squilibri tariffari sono paragonabili al disastro lasciato dal kirchnerismo nel 2015.

A livello di cambio, il divario oscilla tra il 150% e il 200% , livelli simili anche a quelli che avevamo nel Rodrigazo.

A sua volta, il debito con gli importatori supera i 30 miliardi di dollari e i profitti trattenuti dalle società straniere raggiungono i 10.000 milioni di dollari.

Il debito della Banca Centrale e della YPF ammonta a 25.000 milioni di dollari e il debito pendente del Tesoro ammonta a ulteriori 35.000 milioni di dollari.

La bomba in termini di debito ammonta cioè a 100 miliardi di dollari, che andranno ad aggiungersi ai quasi 420 miliardi di debito già esistente.

Naturalmente a questi problemi bisogna aggiungere anche le scadenze del debito di quest’anno, dove le scadenze del debito in pesos equivalgono a 90 miliardi di dollari e 25.000 milioni di dollari in valuta estera con organismi di credito multilaterali.

Tuttavia, con i mercati finanziari chiusi e l’accordo con il FMI caduto a causa dei brutali default del governo uscente, il rinnovo del debito è estremamente impegnativo anche per il mitico ciclope.

Come se tutto ciò non bastasse, ciò accade in un’economia che non cresce dal 2011.

E in linea con quanto sopra, l’occupazione formale nel settore privato rimane stagnante a 6 milioni di posti di lavoro, raggiungendo il punto in cui è superata del 33% dall’occupazione informale.

Non dovrebbe quindi sorprendere nessuno che siano stati distrutti gli stipendi reali, che si aggirano intorno ai 300 dollari al mese, che non solo sono 6 volte inferiori a quelli di convertibilità, ma se si fosse mantenuto il trend di quegli anni, o come lo chiamavano, del maledetto neoliberismo, oggi oscillerebbero tra i 3.000 e i 3.500 dollari al mese.

Ci hanno rovinato la vita. Ci hanno fatto abbassare lo stipendio di 10 volte.

Pertanto, non dovremmo sorprenderci che il populismo peronista ci stia lasciando il 45% di poveri e il 10% di indigenti.

Dopo questa situazione, che appare evidentemente irreparabile, deve essere chiaro che non esiste alcuna alternativa possibile all’aggiustamento.

Non c’è nemmeno spazio per la discussione tra shock e gradualismo. In primo luogo perché da un punto di vista empirico tutti i programmi gradualisti finirono male, mentre tutti i programmi shock, tranne quello del 1959, ebbero successo.

In secondo luogo, perché da un punto di vista teorico, se un paese non ha reputazione, come purtroppo è il caso dell’Argentina, gli imprenditori non investiranno finché non vedranno l’aggiustamento fiscale, rendendolo recessivo.

In terzo luogo, e non meno importante, per raggiungere la gradualità sono necessari finanziamenti.

E purtroppo, devo dirtelo ancora una volta, non ci sono soldi. La conclusione è che non esiste alternativa all’aggiustamento, né allo shock.

L’impatto delle misure choc

Naturalmente, ciò avrà un impatto negativo sul livello di attività, occupazione, salari reali e numero di persone povere e indigenti.

Ci sarà questa inflazione, è vero, ma non è qualcosa di molto diverso da quanto accaduto negli ultimi 12 anni.

Ricordiamo che negli ultimi 12 anni il PIL pro capite è sceso del 15% in un contesto in cui accumuliamo un’inflazione del 5000%. Pertanto, viviamo in questa inflazione da più di un decennio. Pertanto, questa è l’ultima brutta bevanda per iniziare la ricostruzione dell’Argentina.

Allo stesso tempo, dopo il riassetto macroeconomico che promuoveremo, che sarà tanto meno doloroso quanto maggiore sarà la riduzione del rischio paese e quanto migliore sarà il nostro contenimento da parte del Ministero del Capitale Umano, la situazione inizierà a migliorare.

Cioè, ci sarà la luce alla fine della strada. Nel caso alternativo, la proposta sentimentale progressista la cui unica fonte di finanziamento è l’emissione di moneta porterà ad un’iperinflazione che porterà il paese alla peggiore crisi della sua storia, oltre al fatto che ci metteranno in una spirale decadente che ci identificherà con l’oscurità del Venezuela di Chávez e Maduro.

Pertanto, dopo una situazione del genere, non vi è dubbio che l’unica opposizione possibile è l’aggiustamento, un aggiustamento ordinato che ricada con tutta la sua forza sullo Stato e non sul settore privato.

Sicurezza

Sappiamo che sarà dura, per questo voglio riportarvi anche una frase straordinaria di uno dei migliori presidenti della storia argentina, che è stato Julio Argentino Roca.

“Nulla di grande, di stabile e di duraturo non si ottiene nel mondo riguardo alla libertà degli uomini e all’esaltazione dei popoli, se non a prezzo di sforzi supremi e di dolorosi sacrifici”

Ma le nostre sfide non si fermano solo al livello economico. Il livello di degrado nel nostro Paese è tale da coprire tutti gli ambiti della vita comunitaria. In termini di sicurezza, l’Argentina è diventata un bagno di sangue.

I criminali sono liberi, mentre i bravi argentini sono rinchiusi dietro le sbarre.

Il traffico di droga si è lentamente impadronito delle nostre strade, al punto che una delle città più importanti del nostro Paese è stata sequestrata dai narcotrafficanti e dalla violenza.

Le nostre forze di sicurezza sono state umiliate e maltrattate per decenni. Sono state abbandonate da una classe politica che ha voltato le spalle a chi si prende cura di noi. L’anomia è tale che solo il 3% dei reati viene condannato.

La sequela dei crimini è finita. Sul piano sociale, ci troviamo di fronte ad un paese in cui metà della popolazione è povera e con un tessuto sociale completamente distrutto.

Più di 20 milioni di argentini non possono vivere una vita dignitosa perché sono prigionieri di un sistema che genera solo più povertà.

Come dice il grande Jesús Huerta de Soto, i piani contro la povertà generano più povertà. L’unica via d’uscita dalla povertà è avere più libertà.

Allo stesso tempo, questa notte andranno a dormire 6 milioni di ragazzi affamati, quelli che camminano scalzi per strada e altri che sono caduti nella droga.

Formazione scolastica

Lo stesso accade in materia educativa. Per darvi un’idea del peggioramento che stiamo vivendo, solo il 16% dei nostri figli frequenta tempestivamente la scuola. Solo il 16%. Solo 16 su 100. Ciò significa che l’84% dei nostri figli non finisce la scuola in tempo.

Allo stesso tempo, il 70% dei bambini che finiscono la scuola non sono in grado di risolvere un problema di matematica di base o di comprendere un testo.

Infatti, nelle ultime valutazioni PISA, l’Argentina è al 66° posto su 81 e al settimo posto in America Latina, e l’Argentina è stata il primo paese a porre fine all’analfabetismo nel mondo .

Se Sarmiento si alzasse e vedesse cosa hanno fatto con l’istruzione….

Salute

Dal punto di vista sanitario il sistema è completamente al collasso. Gli ospedali vengono distrutti, i medici vengono pagati una miseria e gli argentini non hanno accesso all’assistenza sanitaria di base.

Tant’è che durante la pandemia, se noi argentini avessimo fatto cose come la media dei paesi del mondo, avremmo avuto 30mila morti. Ma grazie allo “Stato Te Cuida” e alla sua inefficienza hanno perso la vita 130.000 argentini.

Questo è lo Stato attuale di cui tanto parlano i politici.

Un argomento che usano per giustificare l’enorme aumento della spesa pubblica che non fa altro che avvantaggiarli.

In tutti gli ambiti, ovunque si guardi, la situazione in Argentina è un’emergenza. Se guardiamo alle infrastrutture del nostro Paese, la situazione è la stessa. Solo il 16% delle nostre strade sono asfaltate e solo l’11% sono in buone condizioni.

Non è quindi un caso che circa 15.000 argentini muoiano ogni anno in incidenti stradali.

Ciò che voglio illustrare con tutto questo è che la situazione in Argentina è critica ed emergenziale.

Non abbiamo alternative e non abbiamo nemmeno tempo. Non c’è spazio per discussioni sterili. Il nostro Paese richiede azione e azione immediata. La classe politica lascia un Paese sull’orlo della crisi più profonda della nostra storia.

Ognuno di loro dovrà prendersi cura della propria responsabilità. Non starà a me segnalarli. Non cerchiamo né desideriamo che svanisca.

Il messaggio finale di Milei sulla situazione economica

Non vorremmo dover prendere le decisioni difficili che dovranno essere prese nelle prossime settimane. Ma sfortunatamente non ci hanno lasciato scelta. Tuttavia, il nostro impegno nei confronti degli argentini è inalterabile.

Prenderemo tutte le decisioni necessarie per risolvere il problema causato da 100 anni di sprechi da parte della classe politica.

Sappiamo che nel breve periodo la situazione peggiorerà, ma poi vedremo i frutti dei nostri sforzi, avendo creato le basi per una crescita solida e sostenibile nel tempo.

Sappiamo anche che non tutto è perduto, le sfide che abbiamo davanti sono enormi, ma lo è anche la nostra capacità di superarle.

Non sarà facile: anni di fallimenti non verranno cancellati in un giorno, ma un giorno tutto inizierà, ed è oggi quel giorno.

Oggi smettiamo di ripercorrere la strada della decadenza e cominciamo a percorrere la strada della prosperità.

Abbiamo tutto per essere il Paese che abbiamo sempre sognato, abbiamo le risorse, abbiamo le persone, abbiamo la creatività e, cosa ancora più importante, abbiamo la resilienza per andare avanti.

Oggi abbracciamo ancora una volta le idee di libertà, quelle idee che sono riassunte nella definizione di liberalismo, del nostro più grande eroe delle idee di libertà, il professor Alberto Venegas Lynch, che dice che il liberalismo è il rispetto illimitato del progetto di vita degli altri, basato sul principio di non aggressione, in difesa del diritto alla vita, alla libertà e alla proprietà, le cui istituzioni fondamentali sono la proprietà privata, i mercati liberi dall’intervento statale, la libera concorrenza, la divisione del lavoro e la cooperazione sociale.

In quella frase di 57 parole è riassunta l’essenza del nuovo contratto sociale scelto dagli argentini.

Questo nuovo contratto sociale ci offre un paese diverso, un paese in cui lo Stato non orienta le nostre vite, ma tutela i nostri diritti, un paese in cui chi lo fa, lo paga.

Un Paese in cui chi taglia la strada, violando i diritti dei suoi concittadini, non riceve assistenza dalla società, nei nostri termini, chi taglia non viene pagato.

Un Paese che permette tutto entro la legge, ma fuori dalla legge non consente nulla.

Un Paese che sostiene chi ha bisogno, ma non si lascia ricattare da chi usa chi ha di meno per arricchirsi.

Il messaggio alla politica

Per quanto riguarda la classe politica argentina, voglio dirvi che non veniamo per perseguitare nessuno, non veniamo a risolvere vecchie vendette, né a discutere spazi di potere.

Il nostro progetto non è un progetto energetico, il nostro progetto è un progetto nazionale.

Non chiediamo un accompagnamento cieco, ma non tollereremo l’ipocrisia, la disonestà o l’ambizione di potere che interferiscano con il cambiamento che noi argentini scegliamo.

Diamo il benvenuto a tutti i leader politici, sindacali e imprenditoriali che vogliono unirsi alla nuova Argentina.

Quindi non importa da dove vieni, non importa cosa hai fatto prima, l’unica cosa che conta è dove vuoi andare.

Coloro che vogliono usare la violenza o l’estorsione per fermare il cambiamento, vi diciamo che incontreranno un presidente dalle convinzioni incrollabili che utilizzerà tutte le risorse dello Stato per portare avanti i cambiamenti di cui il nostro Paese ha bisogno.

Non ci arrenderemo, non torneremo indietro, non ci arrenderemo, andremo avanti con i cambiamenti di cui il Paese ha bisogno, perché siamo sicuri che abbracciare le idee di libertà sia la soluzione l’unico modo in cui potremo uscire dal buco in cui ci hanno messo.

Quindi, e per concludere, sia chiaro che oggi inizia una nuova era in Argentina.

La sfida che abbiamo davanti è titanica, ma la vera forza di un popolo si misura nel modo in cui affronta le sfide quando si presentano.

E ogni volta che crediamo che la nostra capacità di superare queste sfide sia stata raggiunta, guardiamo al cielo e ricordiamo che quella capacità potrebbe benissimo essere illimitata.

La sfida è enorme, ma la affronteremo con convinzione, lavoreremo instancabilmente e raggiungeremo la nostra meta.

Non è un caso che questa inaugurazione presidenziale avvenga durante la festa di Hanukkah, la festa della luce, poiché celebra la vera essenza della libertà.

La Guerra dei Maccabei è il simbolo del trionfo dei deboli sui potenti, dei pochi sui molti, della luce sulle tenebre e, soprattutto, della verità sulla menzogna.

Perché sai che preferisco dirti una scomoda verità piuttosto che una comoda bugia.

Sono convinto che andremo avanti.

Ricordo quando due anni fa, insieme al dottor Villarruel, oggi Vice Presidente della Nazione , entrammo in questa Camera come deputati.

Ricordo che in un’intervista mi avevano detto, ma se siete in due su 257 non potrete fare niente.

E ricordo anche che quel giorno la risposta fu una citazione dal libro dei Maccabei 3,19, che dice che la vittoria in battaglia non dipende dal numero dei soldati, ma dalle forze che vengono dal cielo.

Pertanto, Dio benedica gli argentini e che le forze del cielo ci accompagnino in questa sfida.

Grazie mille, sarà difficile, ma ce la faremo. Viva la libertà, dannazione! Viva la libertà, dannazione! Viva la libertà, dannazione! Viva la libertà, dannazione! Alzati, usciamo.

Javier Milei, 10 dicembre 2023

www.nicolaporro.it vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli