Uno Stato invasore non lo giustifica neanche il Covid

1. Se dovessi contrarre il Covid, star male e infine morire, tutto ciò che ho pensato e espresso sul primato della libertà sarà confermato e valido giacché la libertà è la stessa condizione umana dalla quale non mi è dato saltare fuori e anche volendola scambiare con la insicura sicurezza e la servile salvezza dalla morte sarebbe sempre la mia tragica libertà della vita ai cui doveri non posso, non voglio, non devo venir meno.

2. Lo Stato che non si ferma sull’uscio e ti entra in casa come un padrone è un invasore. Tutto qua. Non c’è altro da dire.

3. Lo scambio tra la sicurezza e la libertà non è neanche paragonabile a Parigi che “val bene una messa” perché almeno Parigi è esistente mentre la sicurezza è inesistente ed è addirittura esemplare insicurezza. Una trappola mentale e pratica. Dunque, è proprio stupidità (ottusità nel comprendere la democrazia liberale o la libertà e basta).

4. Lo stato d’emergenza è passato alla Camera con 253 voti favorevoli, 17 astenuti e 3 contrari. Siamo in emergenza.

5. Non si potrà sostare in piedi davanti ai locali (bar, ristoranti), dice il Dpcm di sua maestà. E, allora, cosa si farà? Beh, si andrà a casa di Tizio o di Caio oppure in auto e si creeranno comitive altrove, come è naturale e vitale che sia. Sono gli effetti delle leggi stupide che sono gli effetti delle scelte sbagliate: occuparsi delle vite altrui, e colpevolizzare, invece che garantire il servizio sanitario della sorveglianza attiva.

6. Conte: “L’intervista di Casellati? Non l’ho letta”. La seconda carica dello Stato chiedeva al governo di dire la verità al Paese, dati certi, e non essere superficiali con le libertà individuali. La prima carica dello Stato, invece, rispondendo al premier inglese ha detto che gli Italiani amano la libertà “ma anche la serietà”.

7. Con il Covid, che è una cartina di tornasole,gli antifascisti sono fascisti e i fascisti sono antifascisti.

8. Scenario A

Siamo essere-vivente.

Il virus infetta e non sappiamo come fermarlo. Il governo, non potendo fermare il virus, ferma l’essere-vivente, di cui non è padrone e non sa nulla, imponendo regole di comportamento: coperture, distanze, isolamenti, chiusure, multe, arresti. Il virus non si ferma e così oltre al danno virale c’è il danno civile (economico, sociale, morale con colpevolizzazione, capro espiatorio).

Scenario B

Siamo essere-vivente.

Il virus infetta e non sappiamo come fermarlo.

Il governo, non potendo fermare il virus, lo controlla con la “sorveglianza attiva”, tracciamento, potenziamento medicina di base, protegge i più deboli, con responsabilità non crea allarme e fornisce dati certi e veri che l’essere-vivente giudica e così agisce. Il virus non si ferma ma il contagio è, forse, controllato e al dato virale non si aggiunge il danno civile. La vita, inarrestabile, continua senza colpevoli.

Trova le differenze.

9. Il progresso

primo lockdown: chiusi in casa

secondo lockdown: chiusi in casa con mascherina

terzo lockdown: chiusi in bagno con mascherina affogati nel lavandino

quarto lockdown: chiusi nel loculo

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
78 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Carlo Lauletta
Carlo Lauletta
21 Novembre 2020 0:46

a CULLÀ Replico. Lei definisce “fesserie” ciò che ho scritto io, e questo non è molto educato. Dopodiché mi limito a commentare la prima delle Sue affermazioni: confondere il libero arbitrio con la libertà politica è un errore marchiano. Certo che è un errore marchiano, e diffuso, ma è proprio quello che avevo illustrato!

aldo
aldo
14 Ottobre 2020 16:20

Alla faccia di chi sostiene che il fascismo è un lontano ricordo, purtroppo è più vivo che mai ….ha solo cambiato colore

Patti
Patti
14 Ottobre 2020 13:10

https://youtu.be/0O3JeM42tko

Vogliamo farci delle belle e sane risate tutte noi MENTÌ PENSANTI e non terrorizzati dal virus infinito, e che ogni giorno siamo riuniti qui sulla “Zuppa di Porro”? Guardate il link sopra, e sentite questa esilarante rassegna stampa di qualche giorno fa e, soprattutto, ascoltate BENE dal minuto 13.50 più o meno, quello che il giornalista legge dal Fatto Quotidiano.. e capirete quanto durerà ancora questo stillicidio mondiale basato sul covid…
Da lì, se tutti gli altri sonnolenti non si SVEGLIANO, significa che gli piace stare segregati a casa e questo governo di VENDUTI…
E ricordate SEMPRE quello che dicevano gli antichi greci (o erano gli antichi latini? Boh, ora mi sfugge):
“…arriverà un giorno in cui si verrà ad essere chiamati per essersi venduti per denaro…”.
I politici e i corrotti/corruttori in primissssss

Giorgio Colomba
Giorgio Colomba
14 Ottobre 2020 11:01

“Stato”? Questa sorta di Leviatano de’ noantri grillopiddino in cui ci troviamo obtorto collo immersi causa grazia ricevuta da parte di un inquilino del Colle degno erede del predecessore, di uno “Stato” propriamente detto non è che un pallido (e squallido) simulacro.

Riccardo
Riccardo
14 Ottobre 2020 9:32

Ma come , se i liberal progressisti falliti riciclati saraceni giallorossi sono totalitalisti , allora vuol dire che il vayrus comunista cinese é davvero forte ! ?

Dr. Valerio Cigaina
Dr. Valerio Cigaina
14 Ottobre 2020 7:59

Caro Porro, Lei e’ uno dei pochi, nel panorama giornalistico italiano, ad interpretare correttamente e coraggiosamente il lavoro di gionalista che, visti i tempi attuali, si dimostra ancor piu’ vitale di quello del chirurgo che deve amputare un arto in preda a gangrena. Se posso dare il mio contributo, la prego di non esitare a chiamarmi. Grazie con tutto il cuore.

Chiara
Chiara
14 Ottobre 2020 3:03

Se dovessi contrarre il Covid, star male e infine morire, non cambierei idea sul primato della libertà.

E contro lo Stato invasore, che facciamo?
Cantiamo Bella ciao!? Ma partigiani non ce n’è più a portarci via.

Marco Montanari Altini
Marco Montanari Altini
14 Ottobre 2020 1:25

Bello !!!