in

Venezuela, Biden scagiona i nipoti narcotrafficanti di Maduro

Ogni giorno uno sguardo esclusivo sul tutto il mondo sudamericano

maduro immigrati

Dimensioni testo

: - :

Biden fa liberare e restituire a Maduro i suoi nipoti, che stavano scontando 18 anni di carcere negli Usa per narcotraffico

La decisione di Biden di consegnare a Maduro i due nipoti della moglie, entrambi condannati per traffico di droga a New York, avvia una nuova fase di collaborazione diretta tra Washington e Caracas e ha rotto il complesso e delicato consenso bipartisan che negli ultimi anni aveva prevalso negli Stati Uniti rispetto alla politica verso il Venezuela. In cambio del rilascio da parte del chavismo di sette americani le cui famiglie avevano denunciato detenzioni arbitrarie e torture, Biden ha accettato di rilasciare due prigionieri condannati a 18 anni di carcere per aver cercato di contrabbandare 800 chili di cocaina da Haiti. Lo scambio di prigionieri è avvenuto sabato scorso sull’isola caraibica di Saint Vincent e Grenadine, controllata da un alleato di Maduro.

Secondo il senatore repubblicano Marco Rubio, la Casa Bianca “ha rilasciato sette ostaggi innocenti in cambio di due trafficanti di droga condannati che sono pure i nipoti di un dittatore”. “Questo è il motivo per cui i terroristi e i tiranni continuano a prendere ostaggi statunitensi: sanno di poter ottenere qualcosa in cambio”, ha aggiunto. Questo è il sentimento di molti altri repubblicani che hanno accolto con favore il ritorno degli ostaggi negli Stati Uniti, ma ritengono pericoloso che il governo americano rilasci detenuti come Efrain Campos e Francisco Flores, soprannominati dalla diaspora venezuelana “i narco sobrinos”. Mentre le concessioni per la liberazione di ostaggi sono comuni, è raro che il presidente degli Stati Uniti intervenga presso la magistratura per consentire il rilascio di persone condannate per un grave crimine provato dall’accusa con prove in un tribunale. Ted Cruz, senatore repubblicano del Texas, si è detto profondamente “turbato dall’allarmante aumento della presa di ostaggi da parte di regimi e gruppi terroristici nemici degli Stati Uniti e dal loro ricatto nei confronti dell’amministrazione Biden”.

Biden ha annunciato solo la liberazione di sette ostaggi americani della dittatura chavista, ma non ha fatto alcun riferimento alla liberazione dei nipoti di Maduro. Il regime chavista ha invece festeggiato e dichiarato di aver accolto con favore il rilascio di “due giovani venezuelani ingiustamente imprigionati in quel Paese”. I contatti tra la Casa Bianca e la dittatura chavista sono iniziati a marzo, quando Juan González, responsabile dell’America Latina nel Consiglio di Sicurezza Nazionale della Casa Bianca, James Story, ambasciatore degli Stati Uniti in Venezuela, e Roger Carstens, inviato speciale del Presidente degli Stati Uniti per il rilascio degli ostaggi, si sono recati a Caracas per incontrare personalmente Maduro. Negli incontri che si sono svolti a Caracas e in Messico tra il regime di Maduro e il team di Biden, quest’estate il chavismo offrì di rilasciare gli americani in cambio di Alex Saab, il prestanome di Maduro, estradato negli Stati Uniti da Capo Verde e accusato di narcotraffico e gravi reati.

Brasile: Lula e i “ritorni” sempre pessimi in America Latina

L’America Latina ha sempre avuto una brutta esperienza con i “secondi tempi” presidenziali. Di solito, un ex presidente viene rieletto grazie al ricordo di una buona amministrazione. La tentazione di rivolgersi a un vecchio presidente è più comune nelle situazioni di crisi, con la nostalgia dei bei tempi passati e pensando che la sola presenza di una persona al potere risolverà tutto, e questo è il problema dell’America latina. È improbabile che una seconda esperienza presidenziale di Lula possa eguagliare la prima, perché il contesto economico è completamente diverso. Tra il 2004 e il 2014 il Brasile, insieme al resto della regione, ha vissuto un “decennio d’oro” grazie al superciclo delle materie prime, il cui prezzo ha catapultato le economie dell’America Latina in particolare, beneficiando del balzo della Cina che è diventata il principale partner commerciale della regione.

Questo è stato il momento in cui il Brasile ha potuto cercare di mettersi al passo con le grandi potenze (il gruppo BRICS è diventato popolare); sembrava che il Paese stesse divorando il mondo: organizzazione della Coppa del Mondo di calcio del 2014 e dei Giochi Olimpici di Rio de Janeiro nel 2016. Questi eventi, programmati in anticipo, si sono svolti però quando il Brasile stava ricominciando a vacillare. Con la fine del “decennio d’oro”, sono sorti problemi economici ed è stata scoperta la corruzione, soprattutto quella legata a Odebrecht, una grande società di costruzioni e ingegneria: la situazione ha portato all’impeachment della Rousseff e all’incarcerazione di Lula. Da Carlos Andrés Pérez in Venezuela, che innescò al suo ritorno il seme dell’ascesa di Hugo Chávez a Getúlio Vargas in Brasile, che addirittura si suicidò, dal disastroso rientro di Perón in Argentina, preludio della dittatura, a Daniel Ortega in Nicaragua, tutti i ritorni qui hanno portato a disastri.

A Cuba tornano le proteste e i temibili “berretti neri” e le brigate di pronto intervento scendono in strada a manganellare

Le organizzazioni della società civile hanno denunciato decine di arresti nel quarto giorno di fila di manifestazioni anti regime. Le manifestazioni si svolgono soprattutto di sera e coinvolgono intere famiglie: adulti, giovani, madri con bambini in braccio e persino anziani. Bloccano il traffico nelle strade o nei viali principali con bidoni della spazzatura e detriti, a cui hanno persino dato fuoco; sbattono pentole e padelle e gridano “accendete la corrente” e “libertà”. Intanto, la militarizzazione sta prendendo il sopravvento in tutto il Paese per paura che si diffonda come l’11 luglio dell’anno scorso, quando migliaia di cubani protestarono contro la tirannia socialista.

Secondo il gruppo di lavoro Justice 11-J, sono state effettuate decine di arresti, ma la cifra è ancora imprecisa. I video che circolano su internet e condivisi dai media indipendenti dentro e fuori l’isola mostrano le mobilitazioni militari e paramilitari degli ultimi giorni: interi camion di giovani in abiti civili armati di bastoni mandati in strada per attaccare i manifestanti. Il regime ha anche tirato fuori i temuti “berretti neri”, i commando di truppe speciali che sono stati dispiegati in piena forza l’11 settembre, e i loro sostenitori conosciuti come “brigate di risposta rapida” per contrastare le proteste popolari. Tutti hanno marciato gridando slogan come “Io sono Fidel” e “Viva la Rivoluzione”. Le strade della capitale sono state presidiate ieri da polizia e paramilitari; all’aeroporto internazionale “José Martí” e in Plaza de la Revolución, sede del Consiglio di Stato e dei Ministri, la sorveglianza è aumentata.

Paolo Manzo, 3 ottobre 2022

Tutto sull’America Latina e il suo impatto su economia e politica del vecchio continente. Iscriviti gratis alla newsletter di Paolo Manzo http://paolomanzo.substack.com. Dopo una settimana se vuoi con un abbonamento di 30 euro l’anno avrai diritto oltre che alla newsletter a webinar e dossier di inchiesta esclusivi.