Commenti all'articolo Vi racconto Tokyo e il Giappone

Torna all'articolo
Avatar
guest
11 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
mauro
mauro
12 Agosto 2019 12:28

Il Giappone è affascinante, un fascino che non è immediatamente comprensibile e rifugge dai canoni più comuni ( e come potrebbe essere non immediatamente comprensibile se fosse in accordo ai canoni più comuni).
Un Paese dove chi fa (in genere con altissima percentuale) è contento del suo mestiere non alberga vistose invidie ed è sempre contento se può essere utile a qualcuno od alla comunità.
Ho visto una signora rincorrere un signore per restituire il portafoglio ( e perdere una corsa in metropolitana per questo).
Un oste mi ha servito in una bettolaccia ciò che chiedevo mangiare senza che fosse nel menù però ho dovuto attendere la fine della corsa sulla quale aveva scommesso (e perso).
Alla stazione di Umeda (Osaka, 2002) una impiegata delle informazioni mi ha dedicato con soddisfazione 15′ per organizzarmi gli spostamenti per Fuji-san (il Fuji) trascrivendo dettagliatamente gli orari (treni bus).
A New York sono stato insultato perché chiedevo lumi.
Quando nel 2009 sempre a Osaka feci riparare la mia nikkormat, acquistata (per nuova) nel ’71 in Italia, mi dissero che in realtà la guarnizione di battuta dello specchio (reflex) era già stata sostituita (ma mai da me).
Ah Giappone , mi manchi.

David Valdo
David Valdo
9 Agosto 2019 4:01

Sarebbe molto utile un viaggio studio per politici italiani in giappone per capire certe qualità positive di un popolo che ha una mentalità di vivere socialmente responsabile : cercare di non disturbare altri (prossima volta viaggi in subway), niente scritte sui muri o cose gettate per terra (ad esempio i fan puliscono i loro posti dopo una partita di calcio) ecc. Consiglio anche uno studio su singapore https://www.channelnewsasia.com/news/singapore/remaking-singapore-5-big-projects-set-to-raise-the-game-11793370. Basta volere imparere e vedere che si potrebbe migliorare moltissimo in italia. Saluti ..david valdo

Giorgio
Giorgio
6 Agosto 2019 20:09

Curiosa la scelta di fare un video sul distretto del lusso.Personalmente se vado in un paese cosi’ diverso dal mio preferirei andare nei supermercati e nei baretti frequentati nel dopolavoro,penso sia un modo migliore per capire qualcosa di un’altra cultura.Ovviamente non siamo tutti uguali.

Elisabetta
Elisabetta
6 Agosto 2019 20:05

Per lei ci vuole un bravo” esorcista”
Lo dice la psicologa mancata ma talentuosa che è in me….

Dopo Dylan Dog pure Kill Bill… la catarsi è doverosa non opzionale ma non credo che sia l’unico ad averne necessità temo che sia circondato da Suoi consimili anche più estremisti di Lei.

Il kill bill è stato casuale con don’t let me be understood… l’introduzione a ritmo spagnoleggiante mi ha attirato. Punto.

La prossima foto che guarderò sul web saranno le Sue, quelle del Dr. Lapo Elkann diventano animate, fanno le linguacce con l’occhiolino. Chissa le Sue che effetti animati avranno?

Qualcuno esperto di informatica lo ha definito un effetto da malware…
Secondo me da inesperta, c’è ‘imbarazzo della scelta tra troians, spyware. worms etc…
Rischio di farmi una cultura approfondita sui sistemi di spionaggio informatici pur non avendo interesse per essi.

Sajonara.
Non faccia supoku ( non sò come si scrive ma la pronuncia è così)

zazza
zazza
6 Agosto 2019 18:47

Egregio Dott. Porro,

frequento il Giappone con una certa regolarità, conoscendo anche la lingua, e le posso fornire qualche chiarimento.
La gente non si scompone per il terremoto, perchè, a meno che non scatti l’allarme tramite apposita app (e in quel caso se ne sarebbe accorto) si tratta di scosse che non producono effetti pericolosi.
Vedo che e’ andato in giro anche in auto. A Tokyo glielo sconsiglio considerato il traffico. I mezzi pubblici sono decisamente più efficienti. Basta evitare l’ora di punta.
Narita è l’areoporto equivalente a Malpensa. L’equivalente di Milano Linate, che esiste, è Haneda, ed è meglio posizionato ma molto più sovraccarico.

Infine, le dico che il Giappone è molto più di Tokyo, ci sono grandi città, come Nagoya, che sono letteralmente snobbate, senza motivo, dai turisti.

ARMANDO TERRAMOCCIA
ARMANDO TERRAMOCCIA
6 Agosto 2019 18:05

Caro PORRO , quello che stai facendo in 40 giorni io l’ho fatto per 40 anni. Giri il mondo , vedi meraviglie che altri vedono solo in TV ma non hai il tempo per conoscerlo. La prossima volta fermati un attimo di più ( anche con una guida ) , vedrai che il Giappone ed i Giapponesi sono ancora meglio di quanto tu possa pensare. Buon proseguimento.