Vietato intervistare Luttwak (se non sei Formigli)

Condividi questo articolo


Annalisa Chirico è stata attaccata sui social dopo aver intervistato Edward Luttwak. La colpa della giornalista sarebbe quella di aver ricevuto risposte politicamente scorrette dal noto politologo in merito alle elezioni americane. Ecco il suo video-commento.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


16 Commenti

Scrivi un commento
  1. Luttwak dice il vero, ma è una verità che gli è concessa solo se “bilanciata” dal solito conduttore de sinistra che ne fa di ogni per imbrigliare il politologo ed imbrogliare gli ascoltatori.

  2. La cosa più divertente di tutta questa storia è che se la tipa fosse stata di sinistra sarebbe stata sbranata per la sua pochezza.

  3. Questi sinistri sono uguali in tutto il mondo. Pensate solo a quello che gli stanno facendo a Trump. Da mesi che denuncia il pericolo del voto per corrispondenza, infatti si e’ avverato. Le televisioni americane che censurano mentre parla il Presidente della nazione. Ritengo siano segnali molto gravi, prodromi di regimi.
    Comq brava Chirico

  4. Più parla e meno è comprensibile questo Lutwak.
    Mi sono sempre chiesto cosa l’intervistano a fare Floris e Formigli.
    Meglio che va dalla Chirico.
    Chirico, ma quanto contano sti like social.

  5. Una piccola lezione di giornalismo l’ha data ieri sera Mr.Rampini a Mr. Formigli , ma la cosa è passata inosservata e , se non l’avete visto tra una pubblicità e l’altra ( come faccio io ) pazienza.

  6. Sono davvero così importanti i giudizi sui social?
    Può essere, chi riscuote un milione di like attirerà pubblicità, quindi soldi.
    Suppongo anche chi sollevi un milione di dislike.
    Bene o male, l’importante è che se ne parli, no?
    Testa dritta, quindi, meglio le critiche dopo un Luttwak,
    che i complimenti dopo un Friedman.

  7. Ora che Biden sta vincendo, sarebbe elegante che i giornalisti di sinistra rendessero a Trump l’onore delle armi, riconoscendogli anche quello che ha fatto di buono.
    E poi a loro farei qualche domanda: se a fare affari sporchi in Ucraina ci fosse andato il figlio di Trump e non il figlio di Biden, che cosa avreste detto? Se a fare orge con adolescenti sull’isola di Epstein ci fosse andato Trump e non Biden, che cosa avreste detto? Perché le molestie di Trump sono gravi e quelle di Biden no? Ma vi rendete conto per chi state sbavando?
    Infine sull’accusa di razzismo: che cisa ha fatto di preciso Trump contro gli afroamericani?
    Volete considerare razzismo il fatto che NON abbia mai molestato donne di colore?

    • I giornali di sinistra fanno il loro mestiere, come quelli di destra:
      espongono un punto di vista sulla cronaca.
      Sta al cittadino scegliere cosa leggere.
      La televisione è più complessa: già la sera del 4 novembre, ore 20:40,
      due ragazze si baciano appassionatamente in uno spot pubblicitario,
      a sottolineare che Biden, e quindi la “libertà” era in vantaggio.
      E che era in approvazione il DdL Zan.
      È una propaganda più subdola, che colpisce anche chi non ha fatto tale scelta.
      Chiaramente, ciascuno baci chi vuole, noi siamo liberali.

      • Il mestiere dei giornalisti di sinistra è semplicemente quello di fare propaganda di regime, quindi distorcere la verità, ometterla, focalizzare l’attenzione su ciò che vogliono distogliendola da ciò che non vogliono, e via dicendo.

        • @davide v8…invece Maglie ( brrr) , Capezzone ( brrr) , Del Debbio ( brrr) , Giordano ( piu’ brrr di tutti ) )…tutti un concentrato di obiettivita’ …tutti pronti a spergiurare , per esempio , che il povero Donald l’hanno fregato….e con prove alla mano documenti seri dei brogli…mica bruscolini…of course. E mettiamoci pure Porro va , con cui civilmente almeno credo abbiamo più volte polemizzato. Ma almeno lui lo trovo personalmente simpatico. P.S.Che poi…anche qui…c’e’ chi la vede nera e chi bianca. Tutto normale in fondo.

  8. Mamma che antipatica. Lutwak invece è un grande anche se viene intervistato soprattutto perché avendo vissuto a Palermo sa l’italaino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *