in

Virus da laboratorio, spunta un nuovo video: “Pipistrelli vivi”

Dimensioni testo

Prima considerata teoria complottista, e un po’ troppo trumpiana per essere presa sul serio, ora è diventata seria pista investigativa indicata dallo stesso Joe Biden. L’ipotesi che il virus Sar-CoV-2 sia uscito dal laboratorio cinese di Wuhan non è ancora una certezza, ma neppure una fake news da scartare del tutto. Anzi. Le intelligence di tutto il mondo, soprattutto quella Usa, stanno cercando di approfondire il caso. Il supervirologo Fauci non scarta l’ipotesi. Per Jamie Metzl, membro della commissione di esperti sull’editing del genoma umano dell’Oms, ci sono addirittura l’85% delle probabilità che l’origine del Covid sia proprio quello. E da qualche tempo si moltiplicano video dall’interno del laboratorio incriminato che dimostrerebbero standard di sicurezza non proprio elevati.

Tra i primi a parlarne siamo stati proprio noi, un paio di settimane fa. Vi avevamo mostrato il servizio trasmesso nel 2017 dal tg della televisione di Stato cinese in cui la virologa Cui Jie raccontava di come fosse stata morsa da un pipistrello. Non era la prima volta. Già a gennaio alcuni scienziati del laboratorio avevano detto di essere stati a loro volta azzannati. E altri non nascondevano di aver ricevuto schizzi di sangue addosso durante gli esperimenti. Bene. Lunedì sera la tv SkyNews Australia ha mandato in onda un altro filmato che sarebbe stato girato sempre nel 2017 in cui si vedono pipistrelli vivi all’interno del laboratorio dell’Hubei. Fino ad oggi, la circostanza che vi fossero degli animali vivi in gabbia era sempre stata negata. E non ne aveva parlato neppure la squadra di scienziati inviata sul posto dell’Oms. Lo zoologo Peter Dasak, che faceva parte della missione a Wuhan, aveva addirittura ritenuto una “cospirazione” suggerire che all’interno del laboratorio vi fossero degli animali vivi. Il video sembra però dimostrare il contrario: nelle immagini si vedono alcuni scienziati dar da mangiare vermi ai pipistrelli.

Intanto in queste ore il New York Times ha provato a contattare Shi Zhengli, anche nota come Bat Woman, la scienziata cinese del Wuhan Institute of Virology. Lei sostiene che il virus non sia mai uscito dal suo laboratorio. Rigetta ogni accusa. Parla di “spazzatura”. Di notizie politicizzate. E nega anche che tre ricercatori si siano ammalati nel novembre 2019, come invece diffuso dall’intelligence americana. “Non esistono prove”, dice. Ma i dubbi sono fortissimi. E adesso parlarne non è più bollato come complottista.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
10 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Elena
Elena
16 Giugno 2021 21:01

Fate bene a scrivere di questo, spero lo leggiamo in tanti

Davide V8
Davide V8
16 Giugno 2021 15:52

Rand Paul chiede che chi è coinvolto con Wuhan ed i suoi studi, come Daszak, sia escluso dalle indagini per stabilire l’origine del virus.

https://www.zerohedge.com/covid-19/watch-rand-paul-demands-exclusion-wuhan-lab-funders-investigations

Cosa che dovrebbe essere *ovvia*, ma in questo regime sanitocratico le cose ovvie vengono escluse da lascienza e dai loro sostenitori politici.

Servono i libertari, come sempre.

Olympe de Gouges
Olympe de Gouges
16 Giugno 2021 15:40

E i covidioti scrivevano ‘gombloddo’………… poveretti

art3mide
art3mide
16 Giugno 2021 9:46

“Scienziati cinesi creano supervirus polmonare da pipistrelli e topi. Serve solo per motivi di studio ma sono tante le proteste”.”
“E’ un esperimento certo ma preoccupa tanti scienziati – un gruppo di ricercatori cinesi innesta una proteina presa dai pipistrelli sul virus della Sars, la polmonite acuta, ricavato da topi. E ne esce un supervirus che potrebbe colpire l’uomo”
Tgr Leonardo 2015.
Esperimento condotto in collaborazione fra l’Accademia delle scienze cinese e l’università della North Carolina, cui partecipò anche l’università di Wuhan.
Servizio che nel marzo 2020 fu subito bollato come non pertinente.

Giuseppe
Giuseppe
16 Giugno 2021 8:13

Abbiamo lo stabulario ma senza animali vivi. Bevetele pure queste assurdità ma non credete che chi legge sia scemo.

Tommaso_Ve
Tommaso_Ve
16 Giugno 2021 6:45

Come ho scritto nei commenti, numerosi ricercatori hanno ammesso di essere stati morsi dai pipistrelli fonte BBC (peccato non studiassero crotali). Questo implica tre conseguenze 1) i pipistrelli erano vivi. 2) i ricercatori erano dei pirla 3) se i pipistrelli erano infetti hanno infettato anche i ricercatori.
La mia conclusione è che se hanno creato un virus ci sono riusciti per pura fortuna. Fortuna loro non certo nostra. Il comunismo ha fatto il resto.

Flavio Pantarotto
Flavio Pantarotto
15 Giugno 2021 21:19

Perché la muraglia cinese è nel Guinness dei primati? Perché è lunga?
No, perché è l’unica cosa cinese a durare così a lungo.
Scherzi a parte, credo che certe cose “delicate” non andrebbero date in mano a chi non lo fa per scelta o vocazione, ma perché il Partito lo ha “scelto per un ruolo di così grande responsabilità”. Fa pensare al genio supermegadirettore della centrale di Chernobyl, in divisa militare.
A proposito, i contatori Geiger scricchiolano, da quelle parti.

Davide V8
Davide V8
15 Giugno 2021 21:15

Ahiahiai, le balle vengono allo scoperto, così come la tecnica di cercare di screditare qualsiasi cosa come “complottismo”.

I pipistrelli c’erano inequivocabilmente, quindi sappiamo per certo come Daszak abbia raccontato *balle*.
Probabilmente per coprirsi.

Giustamente, lascienza lo ha messo come giudice (imparziale, va da sè) per stabilire le origini del sars cov 2.