in

Virus dal laboratorio: forse non era complottismo

Rassegna stampa del 25 maggio 2021

Dimensioni testo

00:00 Bongiorno ai commensali.
00:50 Sulla tragedia del Mottarone non si ancora molto, solo Travaglio sa che è colpa della deregulation.
03:20 Sul Foglio Ferrara fa un inno ad un mondo con meno regole. E io la penso come lui. Intanto, spunta un video di 14 secondo su cosa è successo al Mottarone. Libero però ha ragione: quando vai a cercare i responsabili poi non si sa neppure chi è il proprietario della funivia.
05:15 Mieli si chiede sul Corsera che fine abbia fatto la Loggia Ungheria.
05:45 Il centrodestra e i suoi candidati “civici” alle amministrative, ma sarebbe meglio dire due sconosciuti. E comunque c’è un candidato liberista: Bernaudo.
07:35 Giallo sui licenziamenti: Bonomi sul Messaggero grida al tradimento del patto; per il Fatto il governo sta ubbidendo a Confindustria; e intanto Draghi prova a mediare.
09:55 Le nomine in Italia? Ci pensa il professor Giavazzi.
10:10 Tassa di successione: Perotti e Boeri come la Fornero, i professori vivono su un altro mondo.
12:25 Il caso dell’aereo in Bielorussia e il pungo dell’Europa che non c’è.
13:55 Chi un anno fa affermava che il coronavirus era nato in laboratorio veniva accusato di essere complottista. E invece se oggi il Wall Street Journal e Fauci hanno dei dubbi tutti se ne stanno zitti.
16:00 Per Travaglio c’è arietta di regime. Ormai si può scrivere tutto.
16:21 Difendo la biografia di Roth di Monda su Rep: interessante.