in

La censura contro i russi

Wimbledon, Djokovic contro la cancel culture: “I tennisti russi non hanno colpe”

Il tennista numero uno al mondo commenta la decisione di escludere gli atleti russi dal torneo più importante

djokovic wimbledon russia

Dimensioni testo

Wimbledon ufficializza: i tennisti russi e bielorussi non potranno partecipare al torneo tennistico più importante di tutti. La motivazione è di puro carattere politico: “In questo modo, Putin non potrà usare il più iconico dei tornei per legittimare gli orrori che sta infliggendo al popolo ucraino”, si legge in una nota del ministro dello Sport britannico, Nigel Huddleston. In virtù di questa decisione, il prossimo luglio, non potranno prendere parte al grande Slam il russo Daniil Medvedev, numero due del mondo, e la bielorussa numero quattro, Aryna Sabalenka.

La decisione è stata assunta dal governo Uk, nonostante la condanna dell’invasione da parte di entrambi gli atleti, pur senza dichiarare esplicitamente le responsabilità di Mosca. Il caso rientra all’interno di una cornice che ben conosciamo anche in Italia. A pochi giorni dall’inizio dell’invasione di Putin, infatti, l’Università Bicocca di Milano decise di cancellare un corso sul grande autore russo Dostoevskij. Nello stesso periodo, il celebre direttore d’orchestra, Valerij Abisalovič Gergiev, veniva sollevato dalla direzione dell’opera “Dama di picche”, che si sarebbe dovuta inscenare al teatro La Scala.

I musicisti, i letterati, gli atleti, i semplici cittadini russi sono censurati in quanto russi. La cultura e lo sport vengono rigidamente selezionati secondo criteri di nazionalità e provenienza; proprio il contrario di quanto affermavano estenuanti messaggi, in nome del pluralismo, del cosmopolitismo e dell’integrazione, propinati dalle frange politically correct. Oggi, nel tentativo di combattere la guerra in Ucraina, l’Occidente si sta progressivamente “russificando”, rischiando di cadere nella trappola autoritaria che, guarda caso, trova a Mosca il proprio pane quotidiano: censura, pensiero unico, illiberalità.

Prende posizione, ancora una volta, il numero uno al mondo, Novak Djokovic: “Una decisione folle. Quando il governo interferisce con lo sport, il risultato non è mai buono”. E prosegue: “Essendo cresciuto durante i conflitti civili che hanno seguito il crollo della Jugoslavia, sono anch’io figlio della guerra, non la sosterrò mai. Ma i tennisti, gli atleti non c’entrano niente”. Dello stesso pensiero del tennista serbo è anche l’Atp, definendo “un precedente dannoso” la scelta di escludere i tennisti in base alla loro nazionalità, e non secondo il più classico dei criteri di selezione sportiva: la classifica.