in

C’è chi dice Sì

Zuppa di Porro: rassegna stampa dell’11 novembre 2018.

00:00 Virginia Raggi, assolta, attacca i giornalisti. Certo, siamo sciacalli e puttane. Ma quando fa comodo a voi…

04:22 Tav, a Torino 40.000 persone per dire Sì. Ho goduto nel vederla.

07:43 Beppe Sala contro la chiusura della domenica. E spiega perché Milano funziona meglio di Roma.

09:00 Carige può saltare. occhio!

10:05 Manovra, Alesina e Giavazzi spiegano perché con la spesa pubblica non si cresce.

10:45 Il degrado di Roma. Ci vorrebbe un commissario, anzi una “dittatura romana”. Ecco l’ho detta…

Condividi questo articolo
  • 42
    Shares

6 Commenti

Scrivi un commento
  1. Una osservazione che non ha niente a che fare con il suo blog ma solo con una mia ossessione, Il disegno del ponte Morandi con campate lunghe sospese sostenute da tiranti e stralli in calcestruzzo armato e in vicinanaza del mare é uno sbaglio grossolano. Questi ponti si fanno in acciaio e per dargli un esempio per traffigo e durata lmenziono solo il ponte di Brooklin
    inaugurato nel 1883. Autostrade come esperto in ponti non poteva non saperlolo e approfittó dell¡offerta del governo i cui tecnici probabilmente lo sapevano pure. Un esperto in pomti non poteva non conoscre un ponte tanto simbolico. La vera responsabilitá sta a monte.

  2. Non si inganni , il M5S ha due direttrici per arrivare al potere assoluto. La prima é l’assalto e il controllo dei media piú che dei giorrnali per far sentir solo lla sua voce. La seconda é L’abolizione della proscrizione dopo il primo grado di giudizio assolto o punito, questa é un’arma mortale per eliminare nemici politici , basta un PM con ambizioni politiche, stile Di Pietro e De Magistris, per portare in giudizio un potenziale nemico, e presto fatto lo avete inabilitato alla vita politica. Questa fu la tattica di Chavez e degli altri dittatori del Centro e Sud America che travestiscono una tirannia da democrazia. Se lsi perde a battaglia della proscrizione, l’Italia sará governata da una oorda di vermi che usciranno da sotto i sassi.

  3. Molti criticano Salvini per essersi alleato coi 5s. A mio modesto parere Salvini ha messo in pratica l’antico detto “Se non puoi battere il tuo nemico alleati con lui”. È l’unico modo per sterilizzare il minchioprogramma di questa banda di scappati di casa: le contraddizioni grilline finiranno con il farli implodere. Se dobbiamo credere ai sondaggi e’ quello che già sta succedendo.

  4. Come a Torino ci fu allora la marcia dei quarantamila e sabato abbiamo visto la manifestazione pro TAV, benché io abbia una certa idiosincrasia per le piazze,sarebbe forse auspicabile vedere una manifestazione pro TAP in Puglia,una pro terzo valico e gronda a Genova (il Morandi si spera non ne abbia bisogno),una pro pedemontana in Veneto,pro tunnel del Brennero in Trentino e così via in un’Italia che ha bisogno di opere e lavoro , per dire no a chi dice no trincerandosi dietro rapporti costi/benefici che devono essere preliminari ad un’opera, oltreché fatti da persone dotate di cultura e competenze specifiche,non certo inventati a metà di un’opera dai personaggi di quart’ordine proiettati oggi al governo del nostro ex grande paese.

  5. I negozi devono stare aperti quando lo vuole il proprietario. A meno che il Governo riduca le tasse per i giorni e le ore che li vuole chiusi. I propietari pagano tasse esagerate su tutto, anche sulle insegne. Poi lo stesso governo vuole imporre quando devono lavorare.
    Piu’ presto si va a nuove elezioni e meglio sara’. Almeno la Lega e FDI prenderano la maggioranza e vivremo in un Paese civile.
    Purtroppo quali saranno i deputati che appena eletti avranno il coraggio di votare per avere un nuovo governo e correre il rischio di non essere rieletti? Questo e’ l’unico punto dolente della questione. Nessun deputato avra’ il coraggio di rischiare ancora le urne. Hanno lo stipendio e prebende assicurate per cinque anni e come diceva Longanesi “hanno famiglia”.

  6. Banca Monte dei Paschi di Siena, Carige, come hanno gestito bene l’economia gli “amici degli amici” del PD!! E noi a metterci ancora soldi, non solo ma hanno ancora il coraggio di parlare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.