Zuppa di Porro: rassegna stampa del 23 luglio 2020

Ancora non ci sono i fondi, ma già litigano per gestirli

Condividi questo articolo


00:00 Sequestrata una caserma dei Carabinieri a Piacenza dove pare si tenessero torture e estorsioni…

01:30 Ci sono due grandi scontri nel governo giallorosso…

05:30 Il Fatto Quotidiano se la prende con Matteo Salvini… che resta solo.

05:55 Di Battista super Contiano dice che lo voterebbe se si iscrivesse al Movimento 5 Stelle.

06:20 Continua la lite sul Mes, da leggere Sallusti sul Giornale che invita a non fare gli schizzinosi.

07:20 Caos scuola, ma ci pensano Arcuri e Azzolina a risolvere i problemi…

09:10 Il Sole 24 Ore esulta per il “sorpasso delle rinnovabili”.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


9 Commenti

Scrivi un commento
  1. Chi va al mulino, si infarina! Questo il triste futuro che ci attende. Quel che è peggio, riscopriamo a commentare la decrescita felice e l’aumento del debito , tutti gli ex ministri (Padoan, piuttosto che Monti e company) che ci hanno ridotto allo sfacelo e che oggi ci consigliano su come risolvere i problemi che anche loro hanno creato..

  2. Avete letto la notizia :dodicenne in coma per utilizzo mascherina finiamola lo volete capire che a respirare anidride carbonica e peggio di non indossarla non siamo venuti al mondo con le protezione

  3. Nicola,
    La notizia più importante della giornata è che una Caserma di “carabinieri” è stato sequestrata, sostituita da due unità mobili, sei carabinieri arrestati e quattro indagati.
    Cosa avrebbero fatto coloro che difendono la patria e tutelano l’ordine e la sicurezza pubblica: sfruttamento prostituzione, droga, spaccio, pestaggio, emulazione di gomorra. POCA ROBA.
    Politicamente importante in quanto non parliamo di casi sporadici ma di casi ormai plurimi e sistemici, parliamo di forze armate quindi di rilievo anche POLITICO. (esempio Cucchi)
    Lo hai fatto passare per una vicenda di cronaca.
    “ce lo liquidiano subito come fatto di cronaca che di politica”,” questi qua avrebbero sfruttato …” – liquidiamo e avrebbero –
    Mi spiace caro Porro, non per polemizzare con lei, ma è più importante dei presunti bisticci giallorossi, della solitudine di Salvini, delle chiacchiere del cagnetto di Berlusconi, di Arcuri, non dei banchi che sono importantissimi …….
    Il free speech su argomento serio è diventato politicamento corretto.

    • Concordo circa l’importanza di questa vicenda.
      Bisogna svegliarsi e capire che quasi tutta la pubblica amministrazione si sente dio sceso in terra, e crede di poter disporre delle vite delle persone (tutte) a proprio piacimento, in quanto “loro” sono superiori, loro sono “il dio stato” e gli altri sono sudditi del regime.
      Si sentono pienamente giustificati ed autorizzati a prevaricare il prossimo.
      Poi ci sono eccessi più o meno gravi e sparsi, ma la linea di pensiero è questa, lo vediamo benissimo anche dai “rappresentanti” della pa che commentano su queste pagine, senza scomodare Arcuri o Lamorgese.
      Ed è l’esatto contrario delle fondamenta liberali.

    • Se è per questo Porro non ha parlato dello stupro di un ragazzo senegalese di 24anni su una donna di 45 che era in un parco con il proprio cane, il ragazzo non aveva permesso di soggiorno.
      E non Il solo Porro a non parlarne, non ho visto né le lacrime della Bellanova, né commenti sdegnati della Lamorgese né l’inginocchiamento della Boldrini.
      Quello è figlio della politica dell’accoglienza.
      Anche i clandestini sono mantenuti dallo stato.

      • Lei cita un fatto di cronaca che doveva essere GIUSTAMENTE evidenziato come una vicenda politica.
        Immigrazione e migranti sono un enorme problema POLITICO che va trattato seriamente da Italia e Europa e deve essere urgetemente risolto.
        SONO D’ACCORDISSIMO CON LEI.
        La vicenda di Piacenza PERO’ è stata trattata con sufficienza, PER LE PAROLE DETTE,” lo liquidiamo subito o questi quà avrebbero” ed ho criticato Nicola in merito.
        La posizione doveva essere più netta.
        Se l’argomento è trattato, dai POLITICI e dai COMMENTATORI, come propaganda politica, campagna elettorale o macchina del fango è sbagliato e io prendo le dovute distanza.
        Guardi a me non piacciono le finte lacrime, sdegni e inginocchiamenti. Le lascio alla classe politica.
        La SOSTANZA è evidenziare sempre il problema e cercare trovare la MIGLIORE SOLUZIONE.

        • Io capisco lo sdegno, la delusione.
          Ci si aspetta un comportamento integerrimo dalle forze dell’ordine.
          Vogliamo allora parlare di Magistratura?
          Non sono l’avvocato di Porro, ma non credo che abbia voluto in qualche modo giustificare il comportamento di quei carabinieri. Ma la zuppa parla di politica, e quello era cronaca. O vogliamo affermare che tutta l’Arma sia come quei soggetti?
          La stessa Arma che durante il periodo di lockdown si è spesa anche per sostenere i più deboli?
          Quindi quella è una brutta pagina che richiede pene esemplari per i soggetti coinvolti.
          Ma l’Arma è cosa diversa, ricordiamo tutti quelli che sono morti per mano mafiosa facendo il proprio dovere.

      • a Marina

        Come nessuno ha parlato (notizia di ieri) di un marocchino accusato di aver ucciso una donna di 56 anni nel suo domicilio…..
        aspettiamo il verbo, le lacrime e gli inginocchiamenti di chi di dovere !! VERGOGNA !!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *