Commenti all'articolo Bocciati! Grazie anche a loro due

Torna all'articolo
Avatar
guest
37 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Edoardo Fumagalli
Edoardo Fumagalli
23 Novembre 2018 12:44

Ehhh. solo in Italia si parla delle stesse cose.
Spread, Non Spread, Marcati e non mercati.
Quello che si vede, infatti è che non ci sono dirette conseguenze. Il premio nobel della economia, Stglitz, lo ha detto, bisogna intervenire con un interesse di cambio. Ma finchè noi siamo alla mercè di chi in casa propria era arrivato al 7,% di spread (Moscovici, nel suo mandato di ministro delle finanze) e a noi ci tirano il naso. Bene, c….i vostri. Continuate così.
Vi fate sempre infinocchiare dalla EU. Siete gli unici che vi bocciano il bilancio del governo (o manovra di bilancio), e vi multano, ancora prima della sua attuazione. Di solito si chiede un intervento di riprogrammazione della manovra solo nel caso si sfori, e non in previsione dello stesso e quindi multarvi. Mi fate morire dal ridere. L’Italia è la terza economia della EU. Di cosa si sta parlando? Salvini fa bene a dire ca…te, infatti dalla EU arrivano solo ca…te.
Basta! Mostrate un po di palle!
O mi sa che le stesse, sono state consumate nell’ultimo conflitto?
Poi per quello che riguarda le banche, lo continuo a dire, sono loro che oramai hanno il controllo di tutto. Lo hanno dato i politici che da 5 anni, non fanno altro che sostenere questa Eu.
E basta!
Pensateci bene, gente.

Andrea Salvadore
Andrea Salvadore
23 Novembre 2018 3:53

Mi ricordo come Scelba la finí coi continui cortei comunisti che creavano disturi e violenze: usó la CELERE e tutto finí come di incanto. Quattro bastonate tolsero la voglia di far cas…ai progressisti dell’epoca,
Repetita juvant.

Carlo Pastore
Carlo Pastore
22 Novembre 2018 22:03

Avete presente il film “V per Vendetta”
A me é piaciuto molto il finale.
Non sono ne di Destra ne di Sinistra.
Sono per la maggioranza tutti delle Mele Marce, ma che hanno non pochi scheletri da nascondere.

Orlo
Orlo
22 Novembre 2018 20:15

Dai,Nicola! È sempre colpa di quelli prima? Ma nn doveva essere il governo del cambiamento? Nn è che a Renzi la flessibilità l’abbiano concessa perché è simpatico. L’hanno concessa sull’onda di riforme del lavoro,della scuola,degli appalti pubblici. Insomma nn erano “regalati”,ma dovuti. Per nn parlare del successo di Expo che è totalmente merito del suo governo,con conseguente rilancio di Milano che ad oggi ha ben 10 milioni all’anno di turisti ed è,insieme a Torino la nostra carta d’identità mondiale di come potrebbe essere un’Italia leggermente più lungimirante e nn “pagliacciata” da buffoni tristi che vedono i problemi del Paese incistarsi solamente in problematiche dell’immigrazione senza vederne invece le eventuali possibilità,anche lavorative. Pensare l’immigrazione solo come un problema ha privato le finanze autoctone dai molti vantaggi economici e di impiego di qualità,che sarebbero scaturiti da una delega alla UE di impiantare hot spot in nostro territorio,gestiti totalmente con denaro comunitario. Ma si preferisce farsi pagliacci con quota 100 e reddito di cittadinanza. Mi pare che le colpe di una eventuale disfatta italiana sia da imputare,in toto,alle due forze politiche che attualmente calcano il terreno di governo. A nessun’altro che a loro. Dolce&Gabbana sono la quintessenza di un’arroganza tutta italiana,dove si confonde la cortesia con debolezza e la superbia per forza. Sono due pagliacci che con la loro “moda” cafona hanno sdoganato… Leggi il resto »