in

Ci mancava la tassa sulla Panda

Zuppa di Porro: rassegna stampa del 6 dicembre 2018.

00:00 Il governo si è davvero bevuto il cervello: adesso si inventano la tassa sulla Panda.

04:53 Beppe Grillo gode come un riccio perché è prescritto.

06:03 Il cretino di giornata.

06:52 Cosa succede all’azienda farmaceutica Menarini? Prima gli sequestrano 1 miliardo e poi in appello dicono che non c’era alcun reato.

07:50 Spataro e il comunicato su Matteo Salvini: non convince neanche gli stessi magistrati.

09:00 Il decreto dignità dà i suoi frutti: 53.000 dipendenti in meno.

10:00 Big Data, il Daily Mail ci ricorda il casino delle informazioni che le multinazionali utilizzano contro di noi.

10:30 Vedi il Pd e quasi rimpiangi il governo. Ancora con i riti vecchi della politica…

11:30 Giuliano Ferrara su Macron.

12:12 Tassa Panda (reprise)

  • 549
    Shares

36 Commenti

Scrivi un commento
  1. Non sono certo che le auto elettriche sia meno polluanti e efficienti di quelle a benzina.
    Caricare una batteria consuma energia elettrica, ma la batteria migliore non restituirà più del 85% della energia spesa per caricare.
    L’auto elettrica percorre 200km, ma se deve fare 600km deve fermarsi 3 volte per caricare la batteria e invece di 5 ore ci vorranno 6.5 ore causa caricamento.
    Ci vuole tempo, ma sopratutto trovare le Stazioni che permettono di caricare, cosa non garantita.
    Se il rendimento delle batterie é del 85%, le centrali elettriche dovranno produrre ancora più energia e quindi potranno inquinare ancora di più.
    Le auto elettriche sono una bufola in quanto a energia pulita se le centrali inquineranno ancora di più.
    Vi immaginate caricare 37 millioni di batterie ?
    In termini di efficienza tra la sorgente electtrica principale e l’uso dell’auto elettrica, nessuno ne parla, perché ?

  2. Amici, spero che la grande sciagura delle macchine elettriche sia sventata. L’elettricità è molto, molto piu’ dannosa del motore a diesel!! Si dovrebbero costruire auto serie, con motori giusti e l’inquinamento sarebbe ridotto del 90%! Tutte queste macchinette scadenti, gente disonesta che non fa i tagliandi di controll, questo va scoraggiato! Qualche anno fa furono presentati quattro lombardi che avevano inventato un dispositivo da montare già in catena di montaggio e l’auto avrebbe consumato UN LITRO OGNI 100 Km. Di loro non si è saputo piu’ nulla. Ora le immense industrie d’oriente vogliono invadere il mercato con le pericolose macchine elettriche, e pagano i. responsabili delle varie sanità per affermare che il diesel è velenoso e fa venire il cancro…BUGIA!!
    Sono le fabbriche, i riscaldamenti delle case, i rifiuti a tonnellate ed infine la polvere sottile che c’è per le strade perchè non si lavano piu’ le strade con acqua e autobotte! BASTA BUGIE, E ATTENZIONE, DIFENDIAMOCI DALLE PERICOLOSISSIME AUTO ELETTRICHE . E inoltre, dove si prenderà tutta quella elettricità? Proteggetevi la salute, comprate macchine serie, con motore serio e non quelle hybrid o elettriche! uomo avvisato….

  3. …se devo pagare tassa preferisco pagare su Bentley che su Panda…si sta più comodi.
    https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  4. Finalmente! oltre che la peggiore macchina che si possa mai acquistare per la sua scarsa qualità, e la sua bruttura, questa panda è il simbolo del fallimento del mondo del lavoro! Fiat, dopo essersi pappata per decenni nostri soldi, senza mai produrre una macchina decente, ha deciso di chiudere, lasciare a casa migliaia di lavoratori, aprire la sede all’estero SENZA RESTITUIRE IL DENARO DATO DALLO STATO (NOSTRO) PER EVITARE LA CHIUSURA…che presa in giro per noi Italiani, che fregatura! penso che qui caro Nicola, chi sei è bevuto il cervello sono piuttosto quegli italiani che ancora comprano quella specie di auto. piu’ gli sbatti la m…sulla faccia, piu’ loro acquistano. Cornuti e mazziati no?…

  5. GRAZIE DOTT. PORRO , per le sue battaglie quotidiane. Capisco quanto sia difficile fare il suo lavoro in un paese con troppi vigliacchi, ipocriti, opportunisti.

    1) Prima legge dell’economia: fino a quando un popolo non si ribella,quelli che vivono molto bene grazie alle tasse, continueranno sempre ad aumentarle.Se qualcuno ha dei dubbi ripassare la STORIA mondiale.
    COROLLARIO: finchè il NORD continua a mantenere il SUD perchè questi dovrebbero cambiare?

    2) Per quelli che dicono “LASCIAMOLI LAVORARE” prego leggere il libro ” COME SI MANDA IN ROVINA UN PAESE” di Sergio Ricossa: sottotitolo CINQUANT’ANNI DI MALAECONOMIA. Dal 1944 al 1994. In verità cambierei solo il sottotitolo dopo aver letto il libro. Scriverei , “Cosa inventarsi per trasferire ricchezza dai settori produttivi ai parassiti”. Tra l’altro mi sembra un problema che in Francia si erano posti verso il 1789. Da noi è stato ed è ancora sottovaluto o mistificato in nome della solidarietà. GLI ESPERIMENTI DEL NUOVO GOVERNO SONO GIA’ STATI ESEGUITI ANCHE SE CON NOMI DIVERSI. Per favore non facciamo come il PCI che negli ultimi 30 anni ha continuato a cambiare il nome senza modificare la sostanza.

  6. È probabile che anche l’industrializzazione dell’economia produttivista finirà con una naturale evoluzione verso tecnologie innovative, efficienti e più green,ma in effetti incentivare potrebbe fermare una via virtuosa già intrapresa,come successo con il fotovoltaico che si è innovato molto più velocemente quando è uscito dal mercato protetto.
    Oltremodo ci sono imbarazzanti situazioni che mettono sotto tassazione le ibride rispetto alle diesel.
    Se lo scopo è limitare l’inquinamento diffuso accentrandolo negli centrali,molto meglio gestibili nella manutenzione e nel controllo costante delle emissioni,si dovrebbe agire sulle polveri sottili(il famoso pm10)e nn sulla emissione di co2 che nn intacca la salute.

  7. Beh ! Per certuni affetti da inguaribile imbecillita’ più dell’incentivo per l’auto elettrica servirebbe una norma che incentivi per loro la …. sedia elettrica !

  8. Ho pura che se continuano a “lavorare” così, noi moriremo.
    Ora le tasse in più (ma non dovevano diminuire) sull’auto (oggetto supertassato in Italia da sempre.
    A proposito della paghetta ai fannulloni chiamata reddito di cittadinanza. L’ho sentita oggi, mentre ero dal gommista per il classico cambio gomme stagionale, questi racconta che ha avto un lavorano, mi pare tunisino ma non sono sicuro, di cui era soddisfatto. Decide di metterlo in regola e dopo aver richiesto tutti i permessi per concludere, quelli gli dice che non vuole essere regolarizzato, perché un suo consulente (quelli che assistono gli immigrati, gli avrebbe detto che avendo un lavoro regolare poi non percepirebbe più 40€ e non avrebbe più la casa dal comune e neppure il mangiare gratis e vedrebbe sparire anche i viaggi organizzati per gli immigrati in giro per l’Italia. Il giorno dopo, questo non si è più presentato al lavoro. Allora mi sono chiesto, ma con il reddito_maledetto, quanti si comporteranno in questo modo. Lavoro in nero, e paghetta.
    Tutto questo è vergognoso.
    Continui così Porro, la sua è una voce perfettamente in sintonia con la mia, purtroppo, ec anche io mi arrabbio come una bestia.

  9. Gli incentivi sono immorali perché vanno contro a qualsiasi responsabilità fiscale individuale, manipolano il mercato, puniscono le case automobilistiche che riescono a vendere auto a prezzi competitivi e premiano le case automobilistiche che vendono auto a prezzi fuori mercato.

    In Italia al momento non si producono auto a batteria dunque questi incentivi funzionano come dei sussidi all’industria automobilistica straniera che tolgono produzione e posti di lavoro in Italia per darli a Francia, Germania, Giappone.
    Tutte le altre auto sarebbero penalizzate con conseguente crollo di vendite e di IVA-bollo pagati.
    Le tasse ammazzano le vendite, ed anche lo stato incassa meno, aumenta il deficit etc…

    Tutto questo basato sulla solita menzogna secondo cui le macchine a batteria sarebbero magicamente ad “emissioni zero” quando invece già quattro ricerche indicano che, considerando l’intero ciclo di vita delle auto, la produzione di inquinanti delle auto a batteria è simile a quella delle auto a benzina e superiore a quella delle auto diesel (pochi giorni fa anche il CNR).

    L’incentivo che vorrebbero stanziare è di 300 milioni, ma in base al volume di vendite dei primi 11 mesi del 2018, questa cifra basterebbe solo a coprire le vendite di auto a basse emissioni che già vengono comprate comunque senza incentivi (8%), senza dunque nessun effetto verso la crescita.

    • Sono totalmente d’accordo.
      Aggiungo che le stupide tesi sulle responsabilità umane del riscaldamento globale fanno ridere i polli ma nel contempo indicano il ” DELIRIO DI ONNIPOTENZA ” che esprimono i cosiddetti grandi della terra quando dichiarano impunemente che le loro ricette sono in grado di ridurre un fenomeno naturale.
      Già che ci sono provino a fermare le eruzioni dei vulcani o il ripetersi dei terremoti.

  10. Mamma mia. Tanti discorsi, tutti inutili. Nella totale inutilita’ dei tuoi discorsi, tanta confusione. Prendi meno caffe’, dormi di piu’, conduci una vita sana. Questo ti potrebbe aiutare a tornare in te.

  11. Questa pagliacciata non si cura se non nette qualche condizione di esperienza amministativa e di tasso educativo sulla eligibilitá al pqrlamento. Sarebbe una riforma costituzionale che purtroppo non ci garantirebbe il buon senso degli eletti, dad la perversione umana del carattere dell’italiano ma certo diminuirebbe il rischio di errori politici,. Na gli errori politici, ovvero le leggi, si possono cambiare in forma relativamente facile quando se ne vede l’errore mentre l’errore nella costituzione é molto piu difficile a correggere. La soluzione é di dar piccoli passi ed in questo caso scegliere tra l’affamare i politici con ostacoli alla professionalizzazione della carrira del eletto limitandol la durata del suo impiego continuo in istituzioni dello stato e tra condizionare la eligibbilitá al parlamento/senato con criteri severi.
    .

  12. Ovviamente il green si fa incentivando chi acquista elettrico e NON penalizzando chi non ce l’ha o non può permetterselo. Con ciò detto, stavolta quella di Porro è stata la solita polemica contro il governo in stile Repubblica (e purtroppo anche in stile “Giornale”), ovvero pretestuosa e prematura, visto che tale tassa non ci sarà. A meno che Porro non pensi che grazie allla sua zuppa la tassa sia stata ritirata? Vabè, personalmente preferirei che il governo (e la Lega in particolare) venisse criticato per ciò che fa, anziché assistere al quotidiano processo alle intenzioni. Un saluto.

  13. Io la guardo perche’ a tratti mi piace e poi mi sei simpatico, pero’ la tua ossessione antigovernativa ti sta sfuggendo di mano. Concludi dicendo che li hai lasciati lavorare 6 mesi? non mi pare, sono mesi che ci fai 2 palle cosi’ tutti i giorni, oggi 5 minuti sulla tassa della panda. Guarda che ieri sono successe tante cose piu’ interessanti, sei distratto o accecato dalla frustrazione? Penso che solo degli irriducibili forzisti oggi possano apprezzare 3/4 della zuppa, peccato, spero che tornerai presto in forma. P.S. la voto piu’ ancora di ieri la Lega, mi consenta, meglio alleati con i 5S che con il piddi alleato dei vetusti centrodestristi liberali

    • Saranno pure successe cose, ma i 5s hanno concentrato tutta la loro materia cerebrale già carente di neuroni nel proporre l’ennesimo provvedimento ad minchiam. Che solo l’opposizione di Salvini ha stoppato. Non meritano niente di meno di quello che Porro manda loro a dire. Salvini penso. ne dica loro di peggio, e se non lo fa di sicuro lo pensa.

  14. Caro Dr. Porro, ha perfettamente ragione su tutto il fronte. Quello che mi domando è come faccia Salvini a resistere. Se i “grullini” (non si tratta di un errore di battuta) continuano su questo binario, Salvini dopo le elezioni europee ritengo debba sfilarsi e chiedere le elezioni anticipate, anche perchè la sinistra è in via di autodistruzione, cosa di cui va ringraziato il famoso rottamatore “macroniano”. E’ fantastico come il senatore di Rignano sull’Arno non ne abbia azzeccata una. Non è che FI stia molto meglio, ma il Pd è in completo stato confusionale e non credo si possa riprendere; ormai anche lo zoccolo duro, quello con i paraocchi indottrinato da decenni, comincia lentamente a rendersi conto della dura realtà, cioè che sono stati utilizzati/beffati.

  15. Che c’azzecca il decreto dignità coi 53.000 occupati in meno? Potevi scrivere : unioni omosessuali, 53.000 occupati in meno. O qualsiasi altra cosa.

  16. Credo che i pochi veri statisti che la nostra bella Italia ebbe ai suoi albori di Repubblica (De Nicola,Einaudi,De Gasperi),saranno felici di essere passati a miglior vita per non vedere quale pena ci hanno lasciato in eredità nel tempo. Veramente quest’ultima trovata sulla tassazione delle auto,non certo studiata per diminuire l’inquinamento, ma per reperire ancora altri fondi atti a rimpinguare le casse dello Stato da destinare ad altre Idiozie non certo differenti al reddito di inclusione ideato dall’auto rottamatosi PD ,delle si può definire il fiore all’occhiello delle trovate del M5s. Mi auguro che
    l’On. Salvini si decida al più presto di staccare la spina e farci andare a nuove elezioni onde evitare ancora altre trovate più distruttive. Cerchi di non perdere i voti di tutto il Nord Italia.

  17. Non si tratta di essere favorevoli all’inquinamento, ma tutti questi miti relativi al cambiamento del clima e fenomeni relativi, attribuiti all’azione umana, diffusi dagli orfani del collettivismo, sono semplici fandonie inventate da chi ha perso la battaglia economica e cerca di resuscitarla attraverso la nuova religione dell’E-COMUNISMO.

    La gente che non s’informa corre dietro a questi indottrinati che agiscono anche per interesse visto i soliti politicanti populisti, per mostrarsi sensibili alla “salvezza” del pianeta, si affrettano ad elargire sussidi e stanziamenti ai compagni, anche delle ONG che a loro volta retribuiscono con propaganda gratuita, a favore di tesi non solo false, ma scientificamente addirittura grottesche, sovente manipulando dati sul riscaldamento globale, su semplice tesi teoriche..

    Non è una novità, le manipolazioni della politica, per interessi oscuri promossi da grandi lobbisti ci hanno imposto proibizioni oltremodo ambigue; come hanno fatto per proibire il DDT che, a suo tempo, aveva eliminato la malaria nei Paesi occidentali e che ancora oggi uccide milioni di Africani ed Asiatici; oppure la sostituzione del CFC, usato nei frigoriferi; in ambedue i casi i rispettivi brevetti stavano scadendo e bisognava scandalosamente sostituirli con qualcosa di nuovo per poter imporre prodotti coperti da brevetti ed a prezzi molto più lucrativi.

    Anche il tanto discriminato CO2, non è nemmeno quel veleno di cui ci propino tante leggende; infatti, le piante si nutrono di CO2, il nostro organismo è composto di CO2…

    Non mi stancherò mai di insistere che gli ingenui che si prestano a tale isterico imbroglio farebbero bene a leggere PIANETA BLU NON VERDE dell’ex presidente ceco Václav Klaus: https://www.ibs.it/pianeta-blu-non-verde-cosa-libro-vaclav-klaus/e/9788864400020 o per chi legge inglese, CLIMATE CONFUSION di uno dei pochi climatologi al mondo, Roy W. Spencer: https://www.ibs.it/climate-confusion-how-global-warming-libro-inglese-roy-w-spencer/e/9781594033452.

    Purtroppo, i nostri politicanti – non solo italiani – hanno buone ragioni per seguire queste ambigue correnti perché di fatto, il fallimento del collettivismo ha tolto loro argomenti che hanno sostenuto per oltre un secolo, ma la maschera è caduta e così si rifugiano nell’ambientalismo.

    Macron, ora, giustamente paga per essersi accodato alle – per i parametri dei cosiddetti e pretesi progressisti di piantone, per seguire le loro tendenze “politicamente corrette” ed ora ne seguirà le conseguenze; non ci resta che fagli i nostri più sinceri calorosi complimenti!

    • Sono d’accordo: quanta CO2 ha mandato nella atmosfera la eruzione del Krakatoa o i 473 giorni consecutivi di eruzione dell’Etna? L’uomo aiuta di gran lunga l’inquinamento del pianeta, ma basta un evento naturale per magnificarlo di migliaia di volte. La terra è stata calda o fredda quando l’uomo non era nemmeno in vista, ma i nostri ecologisti da salotto (per inciso guido un’auto ibrida ed ho una caldaia a condensazione perchè di più non posso fare) vorrebbero impedire ad un povero contadino indonesiano di piantare una palma da olio perchè a loro fa tanto male, ma non lo sanno con certezza, e taglia altri alberi o a un povero cristo di bruciare lega nel camino di casa…

    • Finalmente leggo un commento documentato sulle BALLE dell’ambientalismo di regime.
      Ovviamente condivido e ne ringrazio l’autore.

    • Condivido totalmente. Oltre al link di cui sopra potete digitare sul vostro motore di ricerca “Franco Battaglia meteoclima.net”. Una delle rare voci fuori dal coro della vulgata del global warming.

  18. Forse si è perso di vista lo scopo.
    La Fiat ha sempre fatto macchine di me.. a nostre spese. Ora se il motore ha emissioni alte perche è un progetto di 20 anni fa, non è di certo colpa del governo.
    Giusto pochi giorni fa la panda è stata bocciata per quanto riguardano le sicurezze attive da Euro NCap.
    Al massimo lamentiamoci con gli Agnelli, che pensano che fare prodotti scarsi, paga.
    Comunque la tassa è solo sull’acquisto, vorrà dire che quelli della fiat dovranno adeguarsi a standard di qualità più alti per vendere.

  19. Salvini manda a casa questi sinistrati sono come il cancro non guariscono e neanche la chemio li può guarire loro vogliono solo i soldi del nord per mantenere il sud!!!

  20. Vero sul caso Panda. Ma non capisco cosa centra la questione politica degli accordi tra Lega e 5M.
    Il problema che i 5M sono pieni di sinistri. Ma la Lega, deve tener duro. Prima o poi riescono a cambiare le cose.
    Forse si vuole fare la solita spallata a questo governo per aiutare i soliti amici della europa? Berlusconi o Renzi.
    Se loro sbagliano, protestiamo. Per lo meno questo è l’unico governo che potrebbe starci a sentire.

    Salut

    • rispondo a me stesso.
      Il problema comunque è sempre dell’Italia. Con tutti i casini che sono stati fatti per sostenere questa europa a spada tratta a spese dei contribuenti italiani e delle imprese. Ho detto tutto.
      Ma mai abbassarsi alla EU.
      cioa!

    • hei. Ho letto or ora che la tassa non la si fa più.
      Un consiglio. Basta fare commenti a questo governo prima che siano pasate 24 ore.
      In italia di solito dopo una sbronza, tutto viene rivisto come serve.
      RIsponodo a me stesso, perchè sono un fanatico di me stesso
      ciao a tutti!

  21. I gilet gialli vogliono la testa di Macron in quanto rappresentante di quelle élites col birignao ambientalista che pur inquinando molto più dei diesel hanno la sfacciataggine di far pagare una tassa a “protezione dell’ambiente” a chi usa l’auto per sbarcare a fatica il lunario. Se dovesse passare la “tassa sulla Panda” si dovrebbero a maggior ragione incazzare tutti quegli italiani che non possono permettersi una “mobilità ecocompatibile”: peraltro l’incentivo all’acquisto di auto elettriche suona per loro un po’ come l’invito a mangiare brioches rivolto a chi non aveva pane per sfamarsi al tempo di Luigi XVI. E ancor di più dovrebbero incazzarsi sapendo che qualche auto elettrica in più alla qualità dell’aria ci fa un baffo giacché la massima quota dell’inquinamento dipende dagli impianti di riscaldamento obsoleti. La scelta dei 5s quindi avrà la stessa efficacia della danza della pioggia degli sciamani, cui gli stupidi dell’ambientalismo ideologico grillino si ispirano. Sapranno gli italiani e Salvini con loro mandarli una buona volta e per sempre affa…?

  22. Queste tasse ‘ecologiche’ sono la conseguenza dell’aver accettato supinamente i diktat della nefasta COP21 voluta da Macron e da Segolene Royal. Bene ha fatto TRUMP ad uscire da COP21

  23. Che deficienti, ma il bello è ora vedere gli ecologisti e i trombettieri del riscaldamento globale a carico degli altri, protestare per una misura ecologista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *