in

Cina, altra supercazzola di Conte

Zuppa di Porro: rassegna stampa del 13 marzo 2019.

00:00 Cina, altra supercazzola di Conte. Il Giornale titola Repubblica populista cinese. Ecco un po’ di numeri.

04:00 Brexit, per una volta a fare casino sono gli inglesi.

05:18 L’Europa, in compenso, non si mette d’accordo sulla web tax. Ognuno ricattato a modo suo.

05:50 È morto il signor Bolton, il signor nessuno che aveva in portafoglio i brand più importanti d’Italia.

06:55 Processo Ligresti, tutto da rifare e tutto per colpa dei magistrati. Che geni!

08:45 Repubblica titola “La terra è malata e la colpa è nostra”. Perché sono contro questo ambientalismo…

09:40 Il Sole dice quanto siamo incapaci di spendere i soldi dell’Unione Europea.

Condividi questo articolo
  • 101
    Shares

17 Commenti

Scrivi un commento
  1. La Germania e la Francia da molti anni hanno scambio commerciali con la Cina e possiamo esportare anche noi i nostri prodotti in Cina e possono lavorare le nostre imprese.

  2. Due cose intressanti che ambesue riguardano il Sud. La prima é la monumentale sparata del avvocatino di Foggia, altrimenti non conosciuto,. La seconda é l’indifferenza del Sud alle possibilitá di FARE, É UN PROBLEMA VECCHISSIMO GIA MENZIONATO AI TEMPI DI bERLUSCONI. Non c’é niente da fare il problema delle due Italie risale a circa mille anni, bisogna dargli autonomia e nessun aiuto dal governo centrale.

  3. La Grande Truffa del Riscaldamento Globale.
    Digitando questo titolo chi ha tempo (circa 75 minuti) trova un video con grafici e le affermazioni di numerosi scienziati internazionali che spiegano dati e motivazioni per negare la vulgata ambientalista.
    Come accennato qui sotto da Sandro Cecconi e da Cecco 61, anche in Italia sono reperibili le tesi del Prof. Rubbia, del Prof. Franco Battaglia, del Prof. Franco Prodi (fratello dell’ex. premier), tutti concordi almeno su un punto: è scientificamente falso attribuire alle attività umane l’altalenante temperatura del globo terrestre.

  4. Hai ragione che per una volta sono gli inglesi quelli da sfottere, pero’ un pelino i dettagli vanno guardati, quantomeno quelli che citi erroneamente. L’accordo e’ stato respinto “per l’ennesima volta”? Ma che stai a di’ Porro? Respinto per la seconda volta e perche’ sostanzialmente invariato. Gli inglesi sono governati da un governo inetto, su questo non ci piove, ma sono i eurofili o meglio conosciuti come “remainer” quelli che stanno ridicolizzando la Brexit nella speranza di cancellarla. Ieri la May e’ riuscita a dire “It’s better a bad deal than no deal”, quando neanche 2 anni fa si e’ fatta eleggere dicendo “It’s better no deal than a bad deal”. La stessa May era una remainer ai tempo del referendum del 2016 ed ha solo finto di cambiare pelle per poi cercar di fermare la Brexit con ogni mezzo. L’accordo siglato con l’UE sancierebbe l’opposto della Brexit, relegherebbe il Regno Unito in un limbo dove non hanno piu’ diritti di partecipazione alle decisioni dell’UE, ma dovendone rispettare le regole come ogni altro membro, questo senza nessuna possibilita’ di via d’uscita in quanto darebbero il veto all’UE sulla futura uscita del Regno Unito, un qualcosa che al momento non e’ previsto. E’ chiaro che il risultato finale sarebbe che dopo anni ed anni di questo limbo il Regno Unito rientrerebbe nell’UE. Qui non si tratta di essere favorevoli alla Brexit o meno, ma del fatto che tra le opzioni offerte dal governo in carica c’e’ tutto tranne l’uscita del Regno Unito, con buona pace degli elettori che gli hanno dato il mandato di portarla a buon fine. Speriamo che il governo cada e ci siano nuove elezioni generali, almeno la democrazia fara’ il suo corso. Tra la Brexit della May e rimanere nell’UE a tutti gli effetti e’ chiaro che al Regno Unito convenga la seconda opzione, peccato che non sia quello che il popolo britannico ha votato nel 2016. L’unica cosa certa e’ che la democrazia non ha niente a che fare con gli eurofili, siano britannici od altrove, se possibile non ti farebbero mai votare e se ti fanno votare poi rifiutano d’accettare il verdetto delle urne, un film gia’ visto parecchie volte purtroppo

    • Concordo su tutto, in particolare sul fatto che “la democrazia non ha niente a che fare con gli eurofili, britannici o no”. E purtroppo se la Brexit ci sarà il resto dell’ Europa avrà perso l’unica nazione che ancora la democrazia tenta di applicarla.

  5. Supercazzola, quella vera è rappresentata dalla Magistratura ( vado si fuori tema) , ma se è pur vero che summun ius summa ingiuria, è anche vero che c’è un limite all’ insensatezza.Certa gente invece delle cellule grigie ha la segatura nel cervello.

  6. Caro Nicola, va bene sei stanco, ma guarda che il problema della incapacita di spesa dei soldi EU non e dovuta alle leggi, regole, ma solo all’incapacita dei ministri che eleggiamo. Non sono capaci di dare una politica di sviluppo, che so il raddoppio della linea ferroviaria adriatica, invece della TAV, aumentare il trasporto dei treni pendolari, estendere le metropolitane, fare una linea elettrica per poter permettere di viaggiare sulle autostrade con le auto elettriche, mettere dei distributori di gas metano sulle sutostrade invece che uscire, come vedi c’e ne sarebbe se si vuoe investire, ma sai perfettamente come funziona, ognuno cerca di accontentare il proprio sponsor. Ciao

  7. “Cornice di obiettivi” e “principi e modalità di collaborazioni”,mi sembrano molto chiari.
    Magari è la stanchezza che ti limita,caro Nicola.
    Mi sembra chiaro che si stia facendo la cosa giusta e il Salvini silente di questi giorni ne sta rivelando i grossi limiti,nascosti solo agli occhi di chi ha il prosciutto “negroide” sugli stessi.
    Che oggi si stia in un gap negativo di 9 miliardi è un buon segnale per il futuro recupero e posizionamento in un trend positivo.
    Chi sta lavorando nello staff guidato da Geraci(tra l’altro in quota lega)è personale di alto livello che il paese asiatico conosce bene.
    Sarebbe il bel finale di un lavoro governativo che include 3 diversi esecutivi.
    Innegabile il contributo fondamentale dato dal Geraci.
    Invece di preoccuparsi di ciò che ne pensano gli oramai “socialisti” USA,si lasci completamente da parte l’antieuropeismo d’accatto e si incominci a essere propositivi in sede di consiglio dei ministri,in primis chiedendo un commissario ad hoc per la bri atto ad evitare lo scollamento dei vari Stati della UE che stanno firmando accordi e memorandum a macchia di leopardo,dando ulteriore peso specifico e politico alla Germania.
    Lamentarsi è abolito!
    Il chiagnifottismo nn porta il pil in alto e se si vuole contare in UE(e di riflesso nel mondo),nn basta fregiarsi di essere la seconda manifattura,ma strutturarsi per restarci tale.

  8. Porro, in merito al c.d. ambientalismo credono solo i bocconi. E sono molti perché è da fichi credere alle sciocchezze.

    Ad ogni modo ciò che mi fa veramente rabbia vera è che noi italiani abbiamo come Senatore a vita il Professor Rubbia che circa tre/4 anni orsono ha ridicolizzato la Commissione ambiente del parlamento, l’allora ministro compreso. E’ molto probabilmente il maggior o tra i maggiori esperti dell’evoluzione climatica e sicuramente uno dei tre maggiori al mondo in fatto di energia ma nessun media vuole intervistarlo su tali argomenti. Voi de Il Giornale compresi. Evidentemente pure la vostra linea editoriale è quella farlocca.

    Tutto ciò lo ritengo davvero folle e ignobile sotto ogni punto di vista in quanto non si da spazio alle voci critiche che non possono essere certamente di coloro come me che svolgono ben altre professioni.

    Mi accorgo sempre più della crassa ignoranza da parte della pletora di “giornalari” somaroni attualmente in Italia. Degli altri paesi non me ne può fregar di meno dal momento che vivo in Italia.

    • Ma no, ma no Sandro… Rubbia? E chi è Rubbia?!
      GRETA è il vero deus ex machina… l’ha incensata persino il nostro Augusto Presidente della nostra grandiosa Repubblica Banana… oops: Italiana.

      • Mi creda quando affermo che abbiamo “la sciocchezza e la stupidità” al potere. Esiste un report della NASA, sto parlando di vera scienza e non di “buatte” a un tanto alla tonnellata, che si aspetta un raffreddamento del clima e non un riscaldamento. Ovviamente di ciò in Italia non si deve parlare poiché alcuni squallidi debbono finire di imbeccare anche gli ultimi creduloni rimasti.

  9. La supercazzola è una caratteristica grillottera e tocca tenersela!
    È un fatto, le EVIDENZE sull’AMBIENTE degli studiosi seri vengono accuratamente OSCURATE.
    La Brexit non ha senso alcuno, né per uscire né per entrare. Il Regno Unito aveva interesse a restarne fuori fin dal primo momento. Ora ci sono interessi troppo grandi che a mio parere, non permetteranno l’uscita. Servirebbe una Thatcher, la May è un’energia fava lessa!

  10. In merito alla terra malata è buffo scoprire che per ogni presunto “scienziato”, che afferma la natura antropica del problema, ce ne sono almeno 100 che la negano portando a sostegno molti più dati scientifici, ma tutti accuratamente “oscurati” dalla stampa mainstream. Tutti i rapporti ONU o altre organizzazioni ambientaliste, oltre che essere spesso basati su pochissimi dati, quindi insufficienti per elaborare una teoria valida, sono riassunti da burocrati e spesso il sunto della ricerca contraddice clamorosamente i dati contenuti purché sia sempre e comunque colpa delle attività umane. Ancor più divertente il giornaletto della città in cui vivo, espressione diretta della Curia, apertamente schierata a sinistra. La “presunta” natura antropica del “presunto” riscaldamento globale è sicuramente vera perché l’ha detto pure il Papa e, se lo dice lui…

  11. C’E’ SOLO DA SPERARE CHE CONTE NON VENGA FATTO FUORI, COME E’ SUCCESSO A ENRICO MATTEI (PRESIDENTE DELL’ENI) QUANDO HA MANIFESTATO UNA CERTA APERTURA VERSO LA RUSSIA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *