in

Burioni piagnucola sul salottino di Fazio

Zuppa di Porro: rassegna stampa dell’8 giugno 2020

Dimensioni testo

00:00 I giornali non hanno una direzione precisa. Il Corriere della Sera riserva grande spazio alla bomba dei migranti che potrebbe arrivare dalla Libia con le Ong che ripartono.

01:35 Quel borioso di Roberto Burioni piagnucola perché ha deciso di non andare più in tv ma di tornare nelle aule. Ci spiace per i suoi studenti.

05:45 La compagnia dei medici mediatici raccontata da Piergiorgio Odifreddi sulla Stampa.

08:05 Da leggere Angelo Panebianco sul Corriere della Sera sul rischio dello statalismo.

09:08 Lite sugli Stati Generali con il premier Conte che sta perdendo consensi…

11:20 Le Sardine scendono in piazza e per il Corriere hanno “immesso buonsenso nell’aria inquinata della politica”.

14:40 Valentina Conte ci racconta che gli italiani in attesa della Cig sono più di un milione mentre Pasquale Tridico sullo stesso giornale parla di 400 mila.

18:10 Ormai il governatore Fontana viene attaccato per tutto, anche per la beneficenza…

19:20 Oggi è l’ultimo giorno di scuola e i professori fanno sciopero. Complimenti ai sindacati!

20:27 Salvini chiede elezioni a ottobre mentre Berlusconi annuncia di votare il taglio dei parlamentari.

22:05 Cascini accusa La Verità di manipolare le chat e Giacomo Amadori giustamente gli risponde.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
57 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Chiara
Chiara
9 Giugno 2020 1:30

Jacopo Fo inascoltabile! Peccato, decenni fa mi piaceva ma forse io sono cresciuta nel tempo.

Sempre la solita storia terroristica dei morti, non hanno altre argomentazioni, lui e tutti quegli oltre 80% di fifoni terrorizzati. Speravo che non ci fossero così tanti italiani irragionevoli. Riguardo ai numeri falsi dei morti covid credo che sia anche questo un sussulto di chi non vuole mollare l’effetto terrorismo dato che adesso c’è chi vuole vederci meglio.

Anche il giornalista che parla del numero di malati invece che di contagiati collabora all’effetto…

Giuseppe Spotti
Giuseppe Spotti
8 Giugno 2020 22:17

oggi volume voce perfetto

Orfeo
Orfeo
8 Giugno 2020 21:09

Burioni torna in autunno…… gatta ci cova……

Angela2
Angela2
8 Giugno 2020 20:43

Burioni, buffone come i suoi colleghi Galli, Rezza Ricciardi, Pregliasco ma più furbo perché è quello che ha guadagnato di più
Sa benissimo che il giochino si è rotto e deve
farsi dimenticare altrimenti neanche i suoi studenti lo ascolteranno a settembre
Adesso i guanti non si devono mettere perché nocivi e i nostri mari sono ancora più inquinati da mascherine Che succederà ai nostri figli quando andranno a scuola con il plexiglas? La task force delle idiozie che dice? I nostri soldi sono proprio finiti in buone mani Complimenti

Antonio
Antonio
8 Giugno 2020 20:23

Burioni e’ solo un gran furbastro, ha capito che l’argomento covid si sta ormai esaurendo e che i talk stanno per andare in vacanza e come ogni Anno riprenderanno a settembre , fa finta di essere offeso per ritornare in autunno e sparare altre sciocchezze. E magari ci sara’ anche qualcuno che gli chiedera’ scusa. Attenzione non facciamoci prendere in Giro da questo furbone.

Davide V8
Davide V8
8 Giugno 2020 20:12

https://twitter.com/MaxDelPapa/status/1270038210375270403
“Se lo vuole zingaretti è dannoso per forza”

Tullio Pascoli
Tullio Pascoli
8 Giugno 2020 19:21

Sul controllo delle cartiere, non si può non essere d’accordo con Panebianco; infatti, c’è una prova più che eloquente:

In Argentina, per impedire a LA NACIÓN di pubblicare articoli che esponevano il fianco debole della “presidenta” Kirchner, in cui si spiegavano i sospetti sul ditino della stessa nel presunto suicidi del magistrato Alberto Nisman, il quale dopo aver lungamente indagato il coinvolgimento degli Iraniani nell’attentato all’AMIA dove erano stati uccisi ben 85 innocenti, la “presidenta” rischiava non solo di perdere la poltrona, ma addirittura di finire al fresco.

Per cui, evitando al giornale più importante del paese di ottenere la carta, si evitava che le accuse circolassero fra i lettori.

Così, ora, in Argentina tornano ad avere la Kirchner all’apice del potere…

Una speci, dunque,. di censura “bianca”

“Ben cavato, talpa”, direbbe Lenin…

Carlo
Carlo
8 Giugno 2020 18:36

Scusate la mia ignoranza ma mi viene un dubbio. Ma le terapie intensive si stanno svuotando perchè tutti quelli ivi ricoverati muoiono?