I giornali ignorano il tunisino omicida

Zuppa di Porro: rassegna stampa del 16 settembre 2020

 

00:00 Il dramma del prete di Como ucciso da un clandestino. Ma se ne accorge solo Il Giornale, per gli altri giornali non vale poi così tanto (in termini di gerarchia della notizia). Il Corriere della Sera apre sulla frode delle mascherine, Repubblica sul patto segreto Conte-Zingaretti per imbullonarsi.

03:15 Paolo Hendel preferisce che la Toscana finisca a Giani piuttosto che alla Ceccardi.

04:08 I mercati investono sui titoli di stato italiani in vista delle elezioni…

04:45 Morte Don Roberto Malgesini, da leggere Sallusti. Roberto Bernasconi, capo della Caritas a Como, insiste che la colpa è del clima di odio. Senza parole!

09:00 L’inchiesta della Lega adesso passa sottotraccia. E nessuno parla della perizia di Quarta Repubblica.

10:18 Paola Taverna non paga le quote a Casaleggio.

11:00 La scuola non fa più notizia, tranne per il Messaggero che ricorda del prossimo sciopero dei Cobas.

11:45 Tasse giù con il Recovery fund, insiste la Stampa, per il Tempo il governo chiederà soldi per la Tav.

12:05 Vittorio Sgarbi contro la Pietà con il Cristo nero.

12:18 Firmato alla Casa Bianca l’accordo tra Israele, Emirati e Baherin. Vittoria di Trump.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
78 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Giorgio mazzilli
Giorgio mazzilli
16 Settembre 2020 19:00

Conosco abbastanza il mondo arabo per esperienze tecniche e relazionali svoltesi in essi per molti anni.Bisogna rendersi conto che la nascita di uno stato palestinese, senza risorse di nessun genere, sovrappopolato e affamato, non e’ mai stata facilitata proprio dai paesi arabi che, underground, l’hanno vista come un pericolo per ovvie ragioni. Meglio lasciare i palestinesi scozzonarsi con Israele. Pertanto, bravo Trump se avra’ dato consistente inizio al processo di eliminare il falso scopo israele. Ma come, con quali risorse, potra’ sopravvivere uno stato palestinese? Nessuno me lo ha mai spiegato.

Francesco
Francesco
16 Settembre 2020 18:50

Mi aspetto che Conte, Zingaretti Lamorgese vanno al funerale come a Willy ..

Valter Valter
Valter Valter
16 Settembre 2020 18:44

Don Bernasconi lo mettiamo assieme a Vasco Rossi, uno da una parte e uno dall’altra, d’altronde l’anatomia umana questa é. Poi puoi sempre scegliere se preferisci i boxer e gli slip.

tullo
tullo
16 Settembre 2020 18:05

anche oggi non si può condividere per la mancanza del logo di FB

Fabio Serra (ristorante da taidela)
Fabio Serra (ristorante da taidela)
16 Settembre 2020 17:59

Gli scandali della Lega e le spallucce Hanno arrestato tre commercialisti che gestivano soldi della Lega. Un fatto davvero grave. Roba che Salvini dovrebbe essere furioso per l’accaduto ed agitarsi per salvare la propria reputazione e quella del suo partito. Rassicurando i suoi follower e correndo in procura a dire tutto quello che sa sugli arrestati e sui fatti specifici. Dovrebbe essere lui a pretendere subito la trasparenza più assoluta chiedendo alle persone coinvolte di vuotare il sacco. Ed invece Salvini si comporta come dopo ogni scandalo. Come uno che passa di lì per caso. Come se lui fosse talmente in alto che certi conti della serva non arrivassero mai a sfiorarlo. Salvini non sa mai nulla e quel poco che sa lo minimizza e lo benaltrizza confidando che tutto finirà nel solito pugno di mosche. E in effetti finora è andata così. Dai celeberrimi 49 milioni all’affaire russo. Tanto fumo e poco arrosto. Col serpeggiante sospetto siano i magistrati a prendere lucciole per lanterne. L’arresto dei tre commercialisti vicinissimi ai vertici del Carroccio sembra però portare la questione ad un livello più sostanzioso. Lo dicono le carte, lo dicono le intercettazioni anche se Salvini insiste sulla stessa linea spalluccista. Il suo processo per sequestro lo considera più cruciale di quello di Norimberga, le beghe giudiziarie che riguardano i soldi… Leggi il resto »

Andrea Salvadore
Andrea Salvadore
16 Settembre 2020 17:54

Si parla a vanvera, specialmente chi non ha mai vissuto tra i falliti, o tra i gli incapci o meglio tra tutti coloro che ricevono il tuo aiuto.
L’esperienza di piú di novant’anni é che accettano l’aiuto ma che ti odiano propio per questo. Questo mi dice l’esperienza nel primer mondo, gli USA, nell¡Europa(vedi Como), ed esperienza nel terzer mondo, tutto il SudAmerica e l’Afrca.
Per chi la riceve la caritá é sempre pelosa, specialmente se é cristiana.

Attilio Piccinino
Attilio Piccinino
16 Settembre 2020 17:51

Ecco il vero sciacallaggio. La generalizzazione è come avventarsi sulla carogna! Tutti addosso! E attenzione che la colpa ricada sempre sull’avversario.

Lorenzo Roncari
Lorenzo Roncari
16 Settembre 2020 17:48

dr. Porro, bene la puntata del 14 settembre di quarta Repubblica, con la eccezione del povero Gene Gnocchi che fa pieta’. Se ha bisogno di soldi, e Lei caritativamente gli da un boccone di pane, puo’ chiedere il reddito di cittadinaza che non si nega piu’ a nessuno. Non faccia scadere la trasmissione con tale personaggio che attua como un pagliaccio e dice solo stupidaggini.