Zuppa di Porro: rassegna stampa del 23 luglio 2019

Il modello Bibbiano

00:00 Anche oggi parliamo del caso Bibbiano, tutti gli orrori dell’inchiesta sui minori sottratti alle famiglie naturali che sta facendo discutere la politica con gli attacchi sulla strumentalizzazione. Una vicenda simile ai casi Veleno e Forteto: quando la famiglia tradizionale viene messa in discussione. Trovate un approfondimento anche nella zuppa di ieri 22 luglio

05:33 Il Premier Conte verso il sì alla Tav con la cacciata dell’unico pro Tav nell’analisi costi-benefici

06:15 Italia paralizzata per colpa di quei delinquenti degli anarchici

07:18 Adesso fanno anche lo sciopero dei trasporti dopo tutto il caos di ieri

08:56 Di Maio si inventa il mandato zero

09:30 Salvini non partecipa al vertice degli immigrati a Parigi con 14 paesi europei

10:10 Franceschini apre al M5s e i renziani si rivoltano

10:36 Il consigliere regionale Fabio Altitonante scarcerato ma nessuno ne parla

11:18 Unicredit studia un piano da diecimila esuberi

Condividi questo articolo

4 Commenti

Scrivi un commento
  1. 06:15 Italia paralizzata per colpa di quei delinquenti degli anarchici
    ATTENZIONE non tutti gli anarchici sono uguali. Ad esempio io mi ritengo molto vicino agli anarco-capitalisti che non hanno nulla a che fare con gli anarco-collettivisi bombaroli.

  2. Amico Porro mi dispiace dirlo ma lei si sbaglia, giudici o non giudici senza l’autorevolezza,presunta,
    del terapeuta niente sarebbe successo. Nel migliore dei casi non si rendeva conto delle arbitrarietá di una o varie Assistenti Sociali ed anche cosí questo miglior caso rivela una prova lampante dell’ignoranza del suo mestiere Stiamo assistendo a un altro caso di despistaggio cosí classico della politica italiana.
    Il Partitp, le Assistenti Sociali, i Gender ma si ignora il centro dell’affare.

  3. Riguardo Bibbiano e tutte le ideologie progressiste che hanno infettato il mondo c’è un solo giudizio: -Malati di mente che si possono accostare tranquillamente a Mengele. Fanno esperimenti sulla pelle altrui e specialmente dei bambini a cui vogliono inculcare sin dall’asilo la follia del Lgbt: senza dimenticare (per fortuna qualcuno si è svegliato e fermerà lo scempio dei corpi e delle anime) quel pretendere di poter dare col patrocinio dello Stato, medicinali per fermare la pubertà.
    Non si riesce capire la tigna giornaliera con cui vogliono si diventi tutti ne’ carne ne’ pesce, una poltiglia d’esseri senza identità e senza sesso. Sono più che convinta, da anni ed anni, che siano pazzi, genti di cui aver paura perchè la loro ideologia li porta ad uccidere se servisse alla loro causa.
    Pensa te, vanno in giro a gridare: Fascista a Salvini- e non s’accorgono d’essere i nipoti infami di Mengele.
    Li metterei tutti al muro senza un minimo ripensamento, tanto per salvare il salvabile di questo paese e mondo che corrompono con la loro sola presenza di malati mentali della peggior genìa.

  4. Il problema, per il PD, non è che a Bibbiano ci fosse un “sindaco PD”.
    Il problema è che Bibbiano pone finalmente in discussione il modello culturale dei “diritti civili”, sostenuto dal PD sulla scia di un orientamento liberal affermatosi negli Usa sotto il patrocinio di Obama, e poi diffusosi nelle sinistre europee.
    Nessuno sembra rendersi conto del parallelismo tra i bambini adolescenti sottratti ingiustamente alle famiglie (suscitando sdegno) ed i neonati sottratti alle madri per poche migliaia di dollari con la stepchild adoption, pratica sostenuta ed auspicata da larga parte della sinistra, che premeva e preme per una sua ammissione nell’ordinamento italiano.
    E’ lo stesso filone “culturale” in cui si inserisce la volontà di alcuni genitori (soprattutto in UK) di imbottire i figli adolescenti di ormoni che ritardano la maturazione sessuale, perchè una volta maggiorenni quei giovani possano decidere a che sesso appartenere…
    E’ chiaro che in questa prospettiva i fatti di Bibbiano siano una spina nel fianco del PD non solo perché il sindaco è loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *