in

La strage del clandestino che non sarebbe dovuto rimanere in Italia

Zuppa di Porro: rassegna stampa del 22 maggio 2019.

00:00 Il governo non cadrà, parola di Salvini. Intanto, però, continuano le polemiche, a partire dal decreto sulla famiglia.

02:11 I vescovi italiani indicano di votare tutti tranne la Lega. Fake (almeno nella forma) di Travaglio e compagni.

03:25 Brexit, la May nel casino più totale. Nigel Farage, al contrario, col vento in poppa.

04:05 Dopo le elezioni, tagli e decurtazioni alle pensioni.

05:10 A Mirandola (Modena) strage del clandestino con precedenti

07:25 Banche, sentite cosa dice l’ex direttore generale di Banca Italia Salvatore Rossi sul ruolo della Germania nel salvataggio dei nostri istituti di credito.

09:32 La legittima difesa di Debora, la morte di Niki Lauda e l’inchiesta sull’Inps di Tridico.

Condividi questo articolo

10 Commenti

Scrivi un commento
  1. Nicola, te di economia ne mastichi parecchio, la prossima volta fai presente al Berlusca che quello che ha fatto Reagan, cioè portare il tax rate più alto dal 70% al 50 e poi al 28, è tanta roba, ma non è la flat tax (o flap tacs come dice lui).

  2. Salvini e Di Maio non sono il gatto e la volpe…….ma solo due “cazzari” cresciuti tra bar di periferia e campi di calcetto e passando il tempo a dire c….. Ma non per colpa loro, ma perché appartengono a quella nuova generazione che si è cibata di programmi televisivi demenziali lasciandoli in una cupa ignoranza. Non si sa per quale cinico nostro destino questi due oggi SGOVERNANO il paese Italia con la baldanza di ragazzi da bar, con soluzioni fantasiosi che loro definiscono politica. Se si fossero cibato di libri e di studi forse saprebbero che la politica e tutt’altra cosa.

  3. invece io leggo e guardo di tutto proprio perché voglio dare un voto facendo una scelta non prendendo un’ imbeccata

  4. E chi si sarebbe dovuto occupare del suo rimpatrio dal 1.6.2018 a ieri? Sentiamo: il PD, l’UE, Soros? O l’attuale reggitore ( che sta lì dal 1/6/2018) del Ministero degli Interni? O sta lì per sparare minchiate senza mai prendersi una responsabilità? Sentiamo. Guarda, Colino, che i rimpatri si fanno da decenni. La Polizia ha personale specializzato per questo. Vanno a Malpensa o a Fiumicino e partono con i rimpatriandi: Cosa è? Salvini li vuole tenere qui?

  5. Ma se non si obbliga a questa gente ad avere un passaporto per controllarli cosa puo fare salvini se poi quando espulsi possono tornare come e quando vogliono.bisogna che questa gente non possa piu entrare in italia in qualsiasi maniera. Infatti basta non fare più sbarcare questi delinquenti. Rifletta grazie

  6. questa dei rimpatri è una farsa.
    O se regolare o se irregolare, chi commette un reato DEVE stare in galera.
    Lo sappiamo bene che i rimpatri sono subordinati a trattati internazionali e di certo i paesi nativi non sono contenti di riavere dei delinquenti che, forse, hanno fatto in modo da espatriare.
    L’Asinara è un buon posto dove mettere i delinquenti, la struttura già esiste; molto meglio che lasciare in giro delinquenti a piede libero da espellere chissà quando.

  7. La colpa è del ministero degli interni mi sapete dire cosa cavolo ha fatto Salvini in un anno ? La situazione per le strade è peggio di un anno fa. I clandestini sono dappertutto a elemosinare a vendere calzini a rompere le scatole alla gente. Salvini è un fallimento totale come politico e come uomo

    • Lo vada a raccontare ai quei giudici, che non fanno fare neanche mezza giornata di carcere ai delinquenti o a quei politici che fanno di tutto affinché clandestini e delinquenti rimangano in Italia, perchè scappano da guerre, carestie, epidemie e quant’altro.
      Lo vada a raccontare a chi mette sotto accusa le forze dell’ordine che non possono neanche difendersi quando queste persone le aggrediscono (l’ultimo caso di ieri a Torino, dove un irregolare ha morso un agente e gli ha staccato una falange).
      Lo vada a dire a Patranoaggio …

    • Io, e lei, (e tutti i contribuenti) signor Giancarlo, paghiamo 25 milioni l’anno per i legali che fanno appello per conto dei clandestini cui è stata comminata l’espulsione: solo nel 2018 sono 60mila i ricorsi e 1/3 di questi usufruiscono del patrocinio gratuito, pagato da me, lei ed altri.
      Checcacchio c’entra Salvini?!

  8. Buongiorno sono stanco leggo solo notizie belle e guardo solo film niente talk show di parte o no aspetto sull Aventino sul divano con pop corn domenica sera buona giornata a tutti ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.