Migranti, ong e illegalità: la sinistra alla frutta

Zuppa di Porro: rassegna stampa del 5 gennaio 2019.

00:00 Annunciazione, annunciazione: oggi il Corriere della Sera titola “Scontro all’interno del governo”. La Sarzanini, come tutti da quelle parti, morirà mielista, cioè darà una botta di qua e uno e di là.

05:15 Ong, i pezzi dolenti di Marta Serafini sulla nave del dolore, impressionata dei poveri migranti bloccati da quel fascistone di Salvini e dagli eroi delle navi che dormono cinque ore a notte. Se avete il diabete evitate.

08:18 Inps, gli uomini forti al governo s’inventano un consiglio d’amministrazione per far fuori Boeri. Ma non dovevano ridurre i costi della politica?

09:35 La supercazzola dei navigator.

11:00 Donald Trump viene considerato un cattivone, se non di peggio. Eppure, nel 2018, ha creato 2,6 milioni di posti di lavoro. Ad averne cattivoni populisti twittaroli come lui.

Condividi questo articolo

7 Commenti

Scrivi un commento
  1. da tempo mi chiedo cosa spinga questa derelitta sinistra a continuare ostinanatamente a perseguire una politica, quella pro immigrazione selvaggia, largamente e trasversalmente invisa ai cittadini, rivelatasi in tutta europa controproducente elettoralmente. un autolesionismo che non si può spiegare certo con la “coerenza nei valori” come continuano a farfugliare, semplicemente perchè questa gente ha più volte dimostrato nei fatti di non averne alcuno, tranne quello dell’attaccamento ossessivo-compulsivo al potere.
    un motivo è certo la pressione della lobby dei migranti,che va da soros fino ai vari lucano di tutt’italia, passando per le finte onlus/coop/ong che con la scusa di salvare vite umane prosperano sul commercio di esseri umani in combutta con scafisti e mercanti di schiavi di tutto il mondo, parassiti che non si rassegnano alla fine del magna-magna piddino e pretendono di mantenere artificialmente in vita, coi soldi dei contribuenti, un sistema marcio che alla fine produce solo degrado,delinquenza, disagi sociali e costi astronomici per le casse dello stato.questa gente è disperata per il crollo degli affari, e allora preme sui suoi referenti politici e soci in affari perchè si inventino qualcosa per sabotare le politiche salviniane, letali per loro sporchi traffici.
    ed ecco quindi i teatrini antisalviniani delle boldrini,i roboanti “j’accuse” dei saviano, la periodica cagnara di pseudoattrici mitomani e pseudocantanti comunisti col rolex,le minacce e gli insulti continui degli scafisti (battenti bandiera) di Stato,cioè le ong e, in ultimo, la sceneggiata napoletano-palermitana dei sindaci rossi disubbidienti, personaggi che fino a ieri facevano i paladini della legalità,del rispetto delle regole e delle istituzioni “contro la barbarie politica e istituzionale di questa destra” e adesso bellamente sputano sopra leggi votate dal parlamento e pure controfirmate dal non certo a loro ostile Capo dello Stato e, come dei masanielli qualsiasi, esortano il popolo alla disobbedienza (in)civile. ridicoli golpisti della mutua.
    il secondo motivo è di tipo più politico.cercano ogni tanto di dire e fare qualcosa di sinistra per tenere buoni almeno quei pochi babbei che ancora si bevono le loro favolette, perchè altrimenti li mollano pure quelli. inoltre è ovvio che cinicamente cerchino di compiacere i comunisti sotto mentite spoglie momentaneamente parcheggiati tra le fila dei 5stelle, in attesa, sperano loro, che tornino a casa e facciano cadere il governo.
    ma l’utimo è certamente il più..come dire? antropologico?
    loro odiano profondamente gli italiani. li odiano a morte. per loro lo spacciatore nigeriano ha più diritti del terremotato italiano, il rapinatore tunisino più dello sfollato di genova e così via.e questo perchè? perchè è gente visceralmente, irrimediabilmente antidemocratica.l’immigrazione selvaggia, la riapertura dei porti, dare più diritti ai delinquenti stranieri che ai poveracci italiani, non lo fanno perchè ci credono, ma per dispetto,per rancore, per disprezzo verso gente ottusa, troglodita e analfabeta che da 70 anni non capisce la loro evidente superiorità morale, culturale e politica e si ostina incredibilmente a votare gli altri, prima i “servi degli imperialisti americani” poi i “miliardari massoni”,poi ancora i “fascisti padani” e infine “i burattini di grillo”.insomma gli italiani non la pensano come loro.politicamente e culturalmente.e quindi, secondo la visione distorta,perversa e malata che hanno della società e della democrazia,frutto dei retaggi di quella nefasta ideologia comunista che, non c’è niente da fare, mai li abbandonerà veramente, vanno puniti.e severamente anche.e se allo scopo non bastano i dispetti,le angherie, le bassezze e gli sgambetti dei loro scagnozzi in fascia tricolore ci sono sempre i kabobo,gli osegale e i mamadou gara a fare il lavoro sporco.
    tanto hanno il loro permesso.umanitario.

  2. Egr. DR. Porro,
    tutte le polemiche sui provvedimenti di Salvini sono “ipocriti” o mi sbaglio?
    Chiusura dei porti: iniziata da Prodi (anni 90), ripresa da Minniti (2018).
    Riace: iniziativa di Minniti (2017).
    Decreto sicurezza (ora legge definitiva), particolare denunciato dai sindaci ribelli “non iscrizione all’anagrafe di residenza i clandestini senza permesso definitvo di asilo” : richiesta dell’ANCI (associazione dei comuni italiani presidente Decaro sindaco di Bari) del 2017 con identica motivazione tecnica e politica.
    Come per il “muro” col Messico richiesto da Trump: iniziato da Clinton, proseguito da Bush ed allungato e ampliato da Obama.
    MA DI COSA STIAMO PARLANDO ?

  3. Nicola Buonasera ! Se Lunedì sera a Quarta repubblica avrà Salvini ospite ……. x favore sia più insistente ed aggressivo … in poche parole “non molli l’osso” ……. come faceva a “Virus” …… sperando che a differenza della Rai non la caccino anche da Mediaset !!! In bocca al lupo

  4. La rabbia dei SINDACI ROSSI (ORLANDO;DE MAGISTRIS;ecc.) è dovuta al fatto che non si beccano più 15 milioni Palermo ,6 milioni Napoli e altre schifezze …Invece di lamentarsi trovino una occupazione ai disoccupati in povertà a Palermo sono oltre 50.000 a Napoli anche di più.

  5. Il caso dei sindaci ribelli é semplice dal punto di vista giuridico. La injuia contro lo stato o la societá é per definizione un crimine a cui si applia il codice penale, la injuria a persona é un delitto o un tort(in inglese) a cui si applicail codice civile. Dunque commettono un crimine.
    Da due anni stavo commentando che basta guardare la carta gegrafica dell’Africa per capire che se apriamo le porte indiscriminatamente saremmo affogati da una marea di migranti per cui non ci sono infrastrutture, non c’é lavoro e che é una bestiañitça parlare di multiculturalismo con ruguardo a persone che ci sono 16 secoli lontani civilmente.
    Il diritto di migrare non esiste, anzi tutti i paesi hanno le loro regole per permettere l’entrata di stanieri, e il maledetto accordo di Dublino fu firmato da niopi che si cullavano nella quantitá e modalitá di come l’asilo politico era concesso nell’ottocento e novecento ds Francia, Inghilterra e Svizzera.
    Oggi la situazione é differente!!

  6. PER FAR RISPETTARE LE LEGGI IN ITALIA BISOGNA COMINCIARE A METTERE IN GALERA QUALCUNO ALTRIMENTI NON NE USCIAMO Più DA QUESTO MARCIUME OVE TUTTI VOGLIONO COMANDARE CON IL VOTO DEGLI ALTRI UNA SCHIFEZZA TUTTA E SEMPRE KOMUNISTA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *