in

Moriremo di distanziamento sociale

Zuppa di Porro: rassegna stampa del 15 maggio 2020

Dimensioni testo

Moriremo di distanziamento sociale (15 mag 2020)

00:00 Diciamo senza ipocrisia che con il distanziamento sociale siamo morti

03:35 La fine degli aeroporti e delle compagnie aeree.

06:10 La follia di addossare le responsabilità all’imprenditore se un dipendete si becca il virus.

07:45 Per i dipendenti pubblici nessun problema…

10:44 Nel decreto manca la velocizzazione delle opere pubbliche.

11:33 Tutte le mancette del decreto spiegate da Repubblica…

12:20 Il ministro Franceschini sul Fatto Quotidiano abdica al suo stipendio…

14:20 Il Daily Mail racconta la lotta tra le maestre che vogliono tornare a scuola e i sindacati che lo vietano.

14:40 Zingaretti intervistato su La Stampa spiega che non c’è alternativa a questo governo. Lo stesso Zingaretti che non troppo tempo fa non voleva un accordo con il M5S.

15:08 Gualtieri intervistato su Repubblica dice poco o nulla se non che i 55 miliardi diventano 155 miliardi.

15:20 Fantastico Giordano oggi si cucina der Kommissar Arcuri.

16:40 Quel bonus del 110% per le ristrutturazioni edilizie che non serve a nulla…

17:55 Rai, è battaglia tra Pd e M5S sulle nomine

 

 

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
81 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Carla Alberta Nunes
Carla Alberta Nunes
16 Maggio 2020 18:12

Sempre questa storia che non è il momento di cambiare il governo altrimenti sarebbe una catastrofe. Perché una catastrofe Più di così penso che non farebbe nessuno perciò penso che invece sia proprio l’ora.

step
step
16 Maggio 2020 15:18

Imbarazzanti i salti carpiati di coloro (anche costituzionalisti) che giustificano la limitazione delle libertà fondamentali con DPCM, cioè atti amministrativi, quando la Costituzione è chiarissima nell’imporre la riserva di legge assoluta.

Roberto
Roberto
16 Maggio 2020 13:34

Grande Nicola, uno dei pochissimi che dice la verità sempre. Il resto anche quelli che hanno in cervello sotto la mascherina e risponderanno piccati e maleducatamente, si fottano, non è affar mio , ma la loro bacata frustrazione. Grande Nik

limardi Antonio
limardi Antonio
16 Maggio 2020 13:04

Bravo Porro siamo tutti con te

123 stella
123 stella
16 Maggio 2020 12:30

Posto una risposta rivolta a Kim, che mi pare adatta anche questa zuppa: Kim, penso che tu stia parlano senza conoscere un centesimo della realtà. Io possiedo immobili e patrimonio che sto gestendo per i miei giovani nipoti. Derivano da quattro generazioni di teste pensanti e di gente che ha lavorato anche 18-20 h al giorno tutta la vita, differenziando gli investimenti, e nel frattempo pagando le tasse sui redditi percepiti. Negli ultimi venticinque anni abbiamo pagato, lavorando, tre mutui. In questi mesi mio padre è morto relativamente giovane, per le attuali aspettative di vita, e ritengo che, in base al contribuente che è stato per questo schifoso stato italiano, sia stato curato male, anzi ucciso. Sono sempre stata contraria alla sanità privata e non la uso, ma mio padre è morto per mano della sanità pubblica, che abbiamo finanziato con le tasse. Ora affrontiamo la successione e il nostro caro “socio occulto” ci svenerà di nuovo di tassazione ( ndr: di questo neanche un cenno nel decreto, i succhiasangue si intascheranno le tasse di successione di 35.000 morti- 35mila!). Nel frattempo sto cercando di avere la liquidità che serve sul conto corrente per gli stipendi e la successione, con la speranza, e l’incubo, che i tafani di governo non me ne RUBINO una percentuale per “patrimoniale” finanziaria, per finanziare… Leggi il resto »

GIULIA
GIULIA
16 Maggio 2020 11:50

Con le nuove norme mascherine fino al 31 luglio RAGAZZI!
Hanno già DECISO come andrà indipendentemente da come andrà nella REALTà!

Romana
Romana
16 Maggio 2020 5:08

Porro sei un grande

Antonio Mariani
Antonio Mariani
16 Maggio 2020 2:32

Ciao Nicola, ti rinvio un pensiero scritto ad Aprile non appena questo “social distancing” cominciava dominare la comunicazione di massa e si cantava dai balconi. DISTANTIA ET IMPERAT La deriva della non società socialista “Stamme a’n palmo dar ****!” “No! sei tu che devi sta a du’ palmi dar **** mio!” (Amore tossico – Italia 1983) Potrebbe diventare lo slogan del cosiddetto “social distancing”; un altro subdolo epiteto per continuare ad erodere senza scrupoli le libertà personali o meglio la libertà. Politica tossica. La tirannia iniettataci per endovena attraverso quella siringa chiamata legge, ma che si legge DPR o quant’altro pubblicato sulla gazzetta ufficiale e prodotto – spesso su commissione e/o ad personam – da premi-bottoni cui concediamo l’onore di appellarsi Deputati della Repubblica e che in barba a qualsiasi freno ha di fatto trasformato il codice da civile in incivile, la polis in lager e i cittadini in cantanti a cui verrà presto fornita la casacca della Juventus a strisce orizzontali. Ad ogni “pera” grandissime sensazioni, splendide emozioni: il casco, le cinture di sicurezza, divieti di circolazione, ZTL, targhe pari e dispari, decibel, HCCP, divieto di fumare, seggiolini anti abbandono, sexual harassment, moral harassment, power harassment, quote rosa, pagamenti elettronici antievasione, vilipendio, fake news, diffamazione, privacy, sicurezza sul lavoro, omofobia, congedo parentale, reddito di cittadinanza, comportamento antisindacale, conservanti, coloranti,… Leggi il resto »