Zuppa di Porro: rassegna stampa del 20 febbraio 2020

Parole, parole, parole…

00:00 La strage in Germania troppo tardi per i giornali.

01:25 Il bluff di Renzi raccontato da tutti tranne che da Repubblica che ostenta indifferenza.

06:04 Autostrade, Goffredo De Marchis su Repubblica ci spiega che adesso i Benetton sperano che cada Conte così non gli tolgono la concessione.

07:50 Il Fatto e i grillini contro De Scalzi all’Eni.

09:20 I soliti della compagnia dell’anello corretto contro Boris Johnson e l’Inghilterra senza camerieri italiani che non sarà mai più quella di prima: il più ridicolo Francesco Merlo. Ma i suoi pezzi li rilegge?!

11:05 Favoloso Felice Manti sul Giornale che ci dice che i gas serra sono diminuiti del 25% grazie al blocco cinese dovuto al coronavirus.

11:48 Il Foglio contro Tommaso Cerno e le sue giravolte dai No tav a Renzi e Giulio Meotti ricorda la sacrosanta battaglia di Macron contro il separatismo islamista nelle città francesi.

12:45 Le Sardine da flop in flop, e questi pensavate che avrebbero cambiato se non il mondo, almeno il Pd.

13:52 Ubi, dice Milano Finanza e non solo, prova a resistere a Intesa.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Condividi questo articolo

9 Commenti

Scrivi un commento
  1. @ Arminius Ha ragione, ma quelli che vengono definiti di sinistra si perdono in artificiosi pensieri che non portano soluzioni ma complicano perchè non arrivano mai al nocciolo della questione, quelli definiti di destra spesso passano direttamente all’azione senza alcuna riflessione sulle conseguenze il meccanismo in parte è dovuto al mero interesse del denaro, molto più spesso sono rigidi mentalmente.

    Con due facce della stessa medaglia , ossia una che scegliie di non scegliere, con la scusa dell’infinita ed approfondita analisi e l’altra che sceglie con presciolosità l’azione, perchè è megllio sbagliare che non fare, non se ne viene fuori.

    Sono due sistemi che ostacolano le scelte corrette ed opportune senza massacrare la natura.

    • Cara Elisabetta, spieghi di una situazione interessante, e per chi si considera di centro, ascoltando tutte due le sponde, prima di valutare la fattibilità e meriti, cosa diresti a loro?

    • Già! L’errore grave dei Verdi è stato quello di schierarsi coi Rossi anzichè mantenersi “super partes”. Specialmente qui da noi. La questione ambientale verrà (forse) presa in considerazione solo quando i fenomeni avversi saranno tali da mettere paura a tutti. Ben oltre gli attuali timori per il coronavirus. Solo la fifa blu potrà tanto. Temo però che quando avverrà sarà troppo tardi. Mi dispiace solo per i gatti che, essendo encomiabili esempi di pulizia, non hanno nessuna colpa nell’aver sporcato il mondo.

  2. E’ vero per quanto riguarda l’Inghilterra Mio figlio vive da 4 anni e mezzo in Scozia, Edinburgo con la sua ragazza hanno acquistato due appartamenti ora sta in procinto di acquistarne un’altro con la sovvenzione dello stato Bastano tre buste paghe per ottenere una quota cedibile a fondo a perdere, la fidanzata gestisceun appartamento affittandolo ora vogliono vendere la prima casa ad un prezzo molto superiore di quando è costata a loro, per comprarne un’altra più grande.

    • Ottimo, esattamente come prima del 2008.

      Poi quando il giochetto si inceppa, i prezzi scendono e ci sono i buchi nelle banche, si fanno pagare i contribuenti ed i risparmiatori.

      Sia direttamente, con tasse e debito pubblico, sia stampando soldi e portando i tassi reali sottozero.

      Il tutto blaterando di “liberismo selvaggio” prima e poi, quando qualcuno si oppone, di “populismo” degli “sconfitti della globalizzazione”, mentre i “vincenti” sono bancari/banchieri e politici che mettono in piedi queste truffe su larga scala.

  3. A riguardo dell concessione ad Autostrade non ho sentito ancora parlare di un passo ufficiale della magistratura a riguardo delle responsabilità del crollo del ponte Morandi; forse sono io che non sono informato.

    In questo caso mi sembra azzardato intraprendere qualsiasi azione prima che si sia definita definitivamente ( tre gradi di giudizio ) la responsabilità.

    C’ è rischio anche, alla fine , di dover pagare dei danni ai Benetton.

    il resto sono chiacchere demagogiche

    • non pagherà nessuno quì siamo leader in questo….la colpa è dello stato,anzitutto , di fatto ha messo in mani private la sicurezza dei cittadini,senza mai però buttare mezzo occhio sul rispetto di quanto probabilmente prevedevano i contratti …pertanto…….la fine della storia è già scritta con la buona pace di tutti.

      • Non solo ma gli “esagerati ” guadagni di Autostrade derivano anche ( non solo ) dall’ aver concesso aumenti sulle tariffe che evidentemente non erano motivati.

        Lo stato non controlla niente , specialmente se ci sono “amici” in ballo ,fino a che non succede una disgrazia.

        Poi tutti deplorano e non paga nessuno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *