Povera Raggi, sotto i rifiuti con i netturbini assenteisti

Condividi questo articolo


Zuppa di Porro: rassegna stampa del 9 luglio 2019.

00:00 L’alt di Conte a Salvini e il rimpasto di governo

01:15 Il sottosegretario Spadafora accusa Salvini di sessismo

03:20 Langone ci spiega perché un cattolico puo’ contestare il Papa

04:25 L’assessore Pd di Reggio Emilia posta la foto della Meloni a testa in giù. Dove sono le femministe?

05:47 Nel contratto con Mittal per l’llva era prevista la clausula di salvaguardia

06:27 La Deutsche Bank non è sottoposta alla vigilanza come le altre banche italiane

07:15 Solo Travaglio riesce ancora a difendere la Raggi sui rifiuti

07:43 Mentre Roma è sommersa dai rifiuti i netturbini sono assenteisti


Condividi questo articolo


8 Commenti

Scrivi un commento
  1. Finalmente! Ci voleva lei, Porro, a ricordare l’assenteismo mostruoso dei netturbini romani.
    Nessuno ne parla mai di questi truffatori e fa specie che la Raggi, che gli paga lo stipendio, non sappia farsi ubbidire dai facinorosi nullafacenti.
    E’ lo schifo tutto italico che divide in due il paese, al nord Città Metropolitana di Milano che ha circa 3 milioni e 300mila abitanti non si vedono cassonetti da anni, appena ci dissero della raccolta differenziata tutti aderimmo senza lamentele; tutto il nord partecipa a questa pulizia e non manca mai una volta la raccolta casa per casa, condominio per condominio, dei sacchi della spazzatura.
    Solo da noi ci sono amministratori che sanno fare il proprio dovere? Mi sa di si!
    Il sud si condanna da solo al marciume e non si capisce perchè i suoi abitanti non prendono a legnate i beceri incapaci amministratori che, in sovrappiù, si fanno pagare bollette salatissime per un servizio inesistente.
    Vivo in un paese della Città Metropolitana e, per un servizio eccellente, pago- paghiamo- 71,00 euro l’anno. Sicuramente non è grazie solo a noi ligi al dovere ma agli amministratori capaci che ci siamo scelti.
    Vedere, anzi, toccare con mano la differenza tra il nord ed il sud fa tremare i polsi e fin quando i cittadini di qui luoghi non si metteranno di buzzo buono a pretendere un servizio, essenziale, saranno sempre in balia di pattumi e bestie varie: topi, gabbiani, randagi, cinghiali e……amministratori incapaci inconcludenti incivili e ladreschi.

  2. La foto di Giorgia Meloni a testa in giù, giusto per mantenere il parallelo storico, non poteva arrivare che da Reggio Emilia dove un PD di ortodossia rigorosamente cattocomunista difende la sua ultima ridotta, allo stesso modo in cui la RSI aveva fatto della Valtellina la propria. Si vede il frutto della semina di un integralista cattocomunista come Delrio, ex sindaco di Reggio Emilia e uno dei più fedeli sostenitori dell’accoglienza indiscriminata, in linea col terzomondismo da cretinismo parrocchiale predicato da Bergoglio. Poteva uno così non essere al fianco della capitana della Sea Watch ? Per non parlare poi della organizzazione dei servizi sociali del reggiano, una specie di onnipotente polizia politica al servizio dell’ideologia LGBT+, in grado di dar corpo ad un’opera di criminale ingegneria sociale strappando impunemente i figli a famiglie in difficoltà per favorire le “magnifiche sorti e progressive” delle famiglie arcobaleno cui i bambini venivano consegnati. Fortunatamente per l’autrice della foto gli italiani, al contrario dei partigiani comunisti delle sue parti (peraltro prolifiche di molti terroristi rossi degli anni di piombo), non faranno giustizia sommaria quando anche la ridotta di Reggio Emilia cadrà e quindi si rassicuri: non le toccherà subire la sorte che fu riservata a quelli della Valtellina. Conclusione: più malato dell’animo di un comunista c’è solo quello di un cattocomunista.

    • Verissimo.
      I compagni sono bravissimi anche nella compravendita di bambini da strappare alle famiglie, grazie anche a qualche “discriminata” assistente fotemente radicata negli ambienti LGBT. Maledetti.

  3. Ottimo servizio rispecchia l’aspettative del cliente … iI prodotto acquistato era ottimo nulla a che fare con prodotti equivalenti di supermercato… I “Sfantastici” cinque e le nuove imprese…Nuovi particolari sull’impresa dei “Sfantastici cinque”: Il leggendario quintetto di deputati-crocieristi – Delrio- Orfini-Faraone – Magi- Fratoianni -…Viva L’talia

    Enzo Meli

  4. Nicola Porro, la tua salute ci è preziosa anche perché ci sono pochi giornalisti in vista a dire certe cose, USA MENO ARIA CONDIZIONATA, perché è NEFASTA PER LA SALUTE. Consiglio spassionato

  5. Chi afferma che il prosecco non è un gran vino, ma serve solo per lo spritz non sa nulla di vino nè di storia. Lo spritz venne sostanzialmente inventato dai soldati austriaci, che poco abituati al vino aggiungevano allo stesso acqua di selza da ciò il termine Spritz da spritzen ( spruzzare) . Quindi con il prosecco non c’entrava nulla anche perchè veniva generalmente usato con i vini di pianura. Quando ero più giovano e chiedevo uno spritz mi veniva dato un bicchiere con del vino bianco, acqua gasata ed una scorza di limone. Quando avevo qualche soldino in più chiedevo lo spritz con l’amaro ed allora vi era chi lo prendeva con il ramazzotti, chi con cynar, ed i più amanti di gusti forti con il campari. Solo negli anni 80 iniziò l’era dell’aperol che ancor oggi imperversa nei vari bar. Ribadisco che lo spitz rovina il prosecco il vero spritz era fatto con dagli austriaci con vino bianco generalmente di pianura e non proveniente dalle meravigliose colline del prosecco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *