in

Alitalia, l’Europa fa la pilota ma non ha la patente - Seconda parte

Dimensioni testo

Il principio folle di Bruxelles è il seguente: lo Stato ti può dare 1,35 miliardi e tu devi dimostrare di sapercela fare da solo, ma ti mettiamo tanti di quegli ostacoli, da farti cadere al primo inciampo. Ma che logica è? Ieri Enrico Zanetti, fiscalista ed ex parlamentare, ha fatto una considerazione molto polemica e condivisibile: “É strano che la commissaria Vestager sia ancora là dopo aver sbagliato clamorosamente la decisione sul salvataggio Tercas (venendo sconfessata anni dopo dalla Corte di Giustizia Ue a fronte del ricorso italiano), creando altresì il presupposto per l’impossibilità del salvataggio delle quattro banche nel 2015 e tenendo un atteggiamento dilatorio inqualificabile nella vicenda immediatamente successiva delle banche venete nel 2016, Se avesse combinato questi casini alla Germania non le avrebbero più nemmeno consentito di avvicinarsi a Bruxelles”. Nel caso a cui si riferisce l’ex uomo di governo, la commissaria negò il privatissimo intervento di ricapitalizzazione previsto dal Fondo interbancario, perché lo ritenne aiuto di Stato. Una follia che hanno pagato caro anche i risparmiatori.

La morale è che anche questa volta la commissione rischia di entrare a gamba tesa contro un’operazione di salvataggio. Che alla fine più che non fare gli interessi italiani, asseconda interessi internazionali.

Nicola Porro, Il Giornale 11 settembre 2021