Articoli

Andreotti, Moro e Cossiga sull’Ilva: “Ecco chi ha sbagliato…” - Seconda parte

A: “Un mio amico della City mi dice che chi ha avuto allora un ruolo importante è stato Samuele Pasi allora in JP Morgan, ora, guarda caso, finito proprio con ArcelorMittal”.

C: “Adesso, fatta la frittata, confermata  pure da Di Maio,  ci si è messo anche  Renzi ad appoggiare l’emendamento della pentastellata Lezzi che, togliendo lo scudo penale, ha ucciso la siderurgia. Mi pare che, in questo senso, Renzi e Calenda siano allineati”.

A: “E ora che fanno, spengono gli altiforni e vanno a casa?”

C: “No, ci pensa Giuseppi. Che, avendoci messo la faccia e dopo aver stretto migliaia di mani, ora sta pensando ad una sorta di nazionalizzazione a tempo, come consentito peraltro anche dalla Costituzione, usando Cassa Depositi e Prestiti, per poi vendere al mercato”.

A: “Con gli indiani, insieme a qualche italiano, pronti a darsela a gambe? Speriamo di non dover rivedere lo stesso film della crisi dell’Olivetti, distrutta da De Benedetti. Ti ricordi, Francesco, che dovemmo mettere in cassa integrazione 4.000 suoi dipendenti e inventarci una soluzione che prevedesse un mix tra prepensionamenti e assunzioni di mille giovani nel settore dell’informatica?”

Commenta Cossiga, con l’irruenza intelligente che lo distingue: “Io dovetti firmare la legge finanziaria con queste soluzioni al limite della costituzionalità”.

Andreotti: “Meno male che qui in Paradiso non se ne sono accorti, altrimenti facevamo ancora anticamera come Gardini e Riva. Per loro il Paradiso può attendere, ma l’inferno di questa Italia no.”

Luigi Bisignani per Il Tempo 17 novembre 2019

Ecco cosa direbbero Cossiga e Andreotti della trattativa Pd-5Stelle

Cossiga, Moro, Andreotti. Conte bocciato in paradiso

Il caso Ilva lo dimostra: sono dilettanti allo sbaraglio!

 

PaginaPrecedente
PaginaSuccessiva
Iscrivi al canale whatsapp di nicolaporro.it

LA RIPARTENZA SI AVVICINA!

la grande bugia verde

SEDUTE SATIRICHE

www.nicolaporro.it vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli