Bravo, centrodestra: nessun aiutino al regimetto di Conte

Non si può manifestare, a meno di non essere antifa oppure inginocchiati Black lives matter, ché ai loro corpi santi il Covid fa un baffo. Né si può quasi fornicare, o almeno lo si dovrebbe fare seguendo le linee guida del sesso pandemicamente corretto a cui sta lavorando Massimo Galli dell’ospedale Sacco di Milano. Ci hanno imposto mascherine sulla cui utilità tutta la comunità scientifica discute, ma anche qui solo se non sei un invitato al party di nove giorni a Villa Doria Pamphilj (neppure il fondatore di Playboy, Hugh Hefner, li organizzava così lunghi) dove invece ci si stringe la mano rigorosamente a volto scoperto.

Lasciateci almeno il diritto di criticare il governo e di sapere che esistono nel Paese forze politiche che vorrebbero fargli tirare le cuoia. E invece no. Sembra che stare all’opposizione sia una condotta moralmente riprovevole, un gesto che qualifica chi lo mette in pratica o anche chi osa semplicemente annunciarlo a metà tra l’untore e il buzzurro: l’opposizione come delitto sanitario ed estetico.

Una pressione quotidiana che esercitano, tutti i dì feste incluse,  i giornali del regimetto (ma poi forse neanche cosi “etto”) piddopentastellato, in cui però il bastone del comando pare più nelle mani del “partito romano”, la cui formula chimica è Qbd (Quirinale Burocrazia DeepState), più sostegno esterno del Vaticano. Oggi ad esempio su uno dei giornali del regimetto, che non per caso sono anche quelli del partito unico del virus, La Stampa, Marcello Sorgi, il gran cerimoniere del partito romano, dopo aver scritto peste e corna di Matteo Salvini conclude che egli, avendo intercesso con Viktor Orban, non avrebbe più motivo di “stare all’opposizione e di rifiutarsi di collaborare con il governo nella nuova emergenza”.

Ma se Salvini è cosi tanto una ciofeca, perché lo volete con voi? La stessa domanda andrebbe rivolta a Giuseppe Conte, che non passa giorno senza insultare l’opposizione e cercare di dividerla, però subito dopo la vuole collaborante. Mai si è visto un governo dotato in teoria di una propria maggioranza, implorare così continuamente l’aiuto della minoranza: un appello in politica contro natura, visto che chi detiene il potere tende a non cederlo agli altri.

A meno che Conte non sia convinto o sia stato convinto da qualcuno che la collaborazione di Salvini, Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi sarebbe più simile a una sottomissione, cioè a un sostegno diretto o indiretto senza nulla di sostanzioso in cambio. Allora sì, che si capirebbe: quale capo di governo non sogna di essere privo di opposizione? Come l’imprenditore che, diceva Luigi Einaudi, è il primo nemico della concorrenza, perché vorrebbe essere il monopolista del suo settore, così in politica. E Conte non ha tutti i torti a anelare a qualcosa del genere: in fondo, nella prima fase della emergenza, l’opposizione si era effettivamente eclissata senza ottenere nulla in cambio, quindi logico che egli pensi il miracolo possa ripetersi.

Nonostante le tendenze attovagliatrici presenti in alcuni esponenti dell’opposizione (in Italia le rivoluzioni cominciano in strada e finiscono a tavola, diceva Leo Longanesi) per il momento le sirene sembrano siano state scacciate, almeno da Lega e da Fratelli d’Italia. I quali benissimo hanno fatto a lasciare l’aula in segno di protesta verso un esecutivo che ha  prima nascosto il virus, poi l’ha sottovalutato, quindi ci ha incarcerato tutti senza passare dal Parlamento (e in Ungheria non sono più sottomessi come invece ancora noi allo stato di emergenza), infine ha mandato virologi nelle tv di regime pubbliche e private a tifare “forza virus” e ora, di fronte alla pandemia economica, si chiude per nove giorni in un party a metà tra Playboy e Bildberg, rimandando qualsiasi intervento strutturale a dopo l’estate, quando saremo tutti morti.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Condividi questo articolo

2 Commenti

Scrivi un commento
  1. L’opposizione alla governance , in contest bilanciato , riveste funzione organica e complementare sotto egida “ una cosa fatta bene non è detto che non si possa fare meglio “ , ma alludo a democrazia , all’alto valore costruttivo all’interno di una patria , idem sentire . Non qui , non adesso che viviamo bulimia di surrogati di sintesi . Prove di squadrismo in filoislamico style , neghittosi di effigi , statue , immagini , osteggiano rappresentazioni , iconoclastia furia fanatica , brigatismo egemone di transgender in eterno livore d’alter ego e marocchine scrittrici a pontificare , tavole della legge , l’apostata malcapitato di turno , imposizione a sottomettersi a farsi sgozzare le intime libertà in casa propria , udite udite , nelle reti liberali di Silvio , che “perde la sinderesi “ , per dirla alla Vittorio Feltri riferito alla furbetta , scuola Fatto Quotidiano, Gentili Monica , stessa spiaggia stesso mare , stessa rima con Veronica , che notoriamente non la dava per una cifra modica …..
    Non saper riconoscere bene dal male lancia tre ipotesi plausibili :
    1-Non sai , non conosci non comprendi .
    2-Sai , conosci , comprendi , ed utilizzi leve controreazionate per pescare nel torbido , fingere per saper regnare .
    3-Sei il torbido .
    Ergo , Prestigiosi giornalisti a scusarsi ed a misurar parole onde non urtare virago in ordalia di facente funzione propedeutica . Un timing intracovid del “ non sarà più nulla come prima “ , epitaffio d’effetto alla “ via col vento “ , di cui prediligo “ francamente me ne infischio ”, avevo avuto sentore nell’eccesso plateale del carabiniere buzzurro che intimava fuori contest al sacerdote sull’altare , il credo “minchia signor tenente “ di levantina caratura , urbi et orbi del “vi concediamo” lapsus freudiano dell’intenzionale atteggiamento mentis del bis Conte , furbattacchione . Popoli italici accerchiati ed invasi dalle multi tirannidi , dalla feccia interna di potere mafio saraceno statalista usurpatore parassita , con licenza esclusiva a fare esperimenti dei tanti Mengele , vedi Tridico ( trovate il significato ed il ruolo ) fitti fiitti in ogni task force , in ogni piega parentocratica del normotipo geopolitico che , come esaustiva la virologa Capua , delinea il tracciamento logico d’ evento di palingenesi e cofattori decisivi ed acceleratori reagenti esponenziali . In sintesi se il virus lo lasci in foresta addosso al pipistrello , lì rimane , vita natural durante . Se invece lo carichi in aereo e lo fai viaggiare ……….“si viaggiare , evitando le buche più dure “ ….gentilmente senza fumo con amore , con un ritmo fluente da infettarti il cuore , scinderesti poi la gente , quella chiara dalla no “ …….” E tornare a viaggiare , rallentando per poi accelerare “ ….Ma sulle ali icaresche del progressismo autistico dei sinistri anima rosso sangue e pecunia da way of life pro domo sua e “voi siete un *****” dei radical fuxia , il fantastico opportunismo delle contaminazioni sale sui voli e trasmigra nelle purulenze endogene di imperi a fine corsa , dove allocchi e rincoglioniti, anime belle accarezzano e coccolano lupi famelici , venendone regolarmente sbranati . Che dire dell’agenda “culturale” del mainstream , delle news strombazzanti , di epifenomeni a tempo come sardine e campagne discredito anti Trump e via a seguire Jhonson , Salvini , Bolsonaro , evasione fiscale , lotta al contante che appare ossimoro più che assennatezza ; sondaggi , e disperazioni autentiche dell’indifferenza di risulta per sfinimento ?!! Certamente alle porte pressano le ONG per il continuum della pacchia , Lamorgese , Bellanova , pronte all’uso ed all’obbedienza a Soros magnate del malandare . Ora spiegatemi che caspita di strategia possa avere l’opposizione costruttiva , se non il veicolare sentore di contraltare partecipato alla smania del proprio turno d’ebrezza di potere . Panta rei , figuriamoci se il peggio di coattiva immanenza non mantenga il moto perpetuo tendente ad infinito sino a quando non intervenga variabile d’eccellenza , non certamente l’attesa illusoria dell’imponderabile , della nemesi , della provvidenza , dell’eterogenesi dei fini , del Messia . Figuriamoci del suffragio universale . Stiamo freschi se aspettiamo indicazioni di nuove leadership dal sistema criminocentrico metastizzato !

  2. a volte davvero non riesco a capacitarmene, mi sembra di vivere in un mondo parallelo, in un Matrix!! Sono 4 mesi, che si fanno dpcm ad cazzum (valore di legge pari a 0) e ok, nessuno becca una lira e, sorvoliamo anche qui, sono più tutelati e “protetti” i clandestini di noi italiani… ma quando dobbiamo ancora subire per arrivare al punto di dire BASTA??? A prescindere che l’opposizione faccia si o no abbastanza sarebbe ora di farci sentire noi, ma non come persone di destra o sinistra, ma come popolo italiano, perché i problemi di oggi riguardano tutti e tutti i fronti!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *