in ,

Chi sono i due nuovi padroni del mondo

Dimensioni testo

Premetto che di globalizzazione ne so q.b. (quanto basta) a un (ex) CEO di multinazionali quotate a Wall Street. Per essere più tranquillo ho interpellato l’amico svizzero, conosciuto dai miei lettori come il Signor Banchiere XY (lui sostiene di sapere molto di gestione dei patrimoni altrui, meno di dottrina economica). Questo Cameo quindi è il frutto di due parvenu dichiarati, non ce ne vogliano gli accademici veri, il Cameo non è certo destinato a loro, ma ai cittadini comuni, quelli che si accontentano, in economia, di sapere q.b.. Come dice quella cuoca sul canale 416 di SKY: “Fatto in casa per voi”.

Non tornerà tutto come prima

Conclusioni? Secondo noi un’ovvietà: il virus di Wuhan non poteva non sconvolgere i fragili paradigmi economici in essere in Occidente. E così è stato. Altro che “tornerà tutto come prima”! I feroci guardiani del deficit/PIL, del debito/PIL, dello spread, dell’austerità, sono usciti distrutti dalle decisioni dei loro colleghi che si sono subito allineati al nuovo corso spendaccione, addirittura a un capitalismo di Stato (aiuto alle imprese, interventi diretti nel capitale di aziende strategiche, protezione degli asset chiave, tutti targati .. addirittura Mario Draghi).

Sono abbacchiati, e li capisco, per anni hanno combattuto fino al ridicolo per uno 0,2% sul deficit o per non superare il tetto 130 di debito/PIL e questi in un anno ti fanno 160 o addirittura il 10% a botta, per non parlare dei francesi e degli americani che stampano moneta h24. Si sono ridotti a essere come i virologi di regime che prima ci terrorizzavano e ora, avendole sbagliate tutte, sono costretti ad arrampicarsi sugli specchi, sperando che la variante, che so cambogiana, li rimetta in gioco.

Cambiano i rapporti di potere

La crisi ci ha insegnato che il nuovo padrone del mondo è Xi Jinping e il padrone dell’Occidente Jeff Bezos. Nella recentissima emissione di bond per 18,5 miliardi $ (di cui non aveva alcun bisogno, visto che è liquido per 50 mld) Amazon ha spuntato, sul mercato obbligazionario, un differenziale rispetto al bond del Tesoro americano di un nonnulla, appena uno 0,1%. Ci rendiamo conto a cosa stiamo assistendo? Il mitico “Tesoro” americano alla pari con un logistico digitale? Che non ci sia più religione?

XY trova divertente che il mondo dalla globalizzazione selvaggia vada verso una selvaggia autarchia. Presto la camicia oxford bianca sarà sostituita da quella nera di orbace, si chiede Xi Jinping l’autarchia la chiama autosufficienza, ha deciso, per alimentare il suo enorme mercato interno, di produrre a discapito delle esportazioni, quindi si sta sfilando in parte dalla liberalizzazione globale, seguendo le dritte del buzzurro Donald Trump. Che effetti ciò avrà per la globalizzazione? E così stanno facendo anche gli Stati Uniti di Joe Biden, riprendendo la strada degli stimoli fiscali tracciata sempre dal vecchio buzzurro.

L’Europa immobile

E l’Europa, si chiede il Signor Banchiere XY, che farà? Se le esportazioni calano e i prezzi delle materie salgono sarà un dramma per l’Europa (e per noi), visto che la strategia resta quella della trasformazione, senza però possedere materie prime? Ci vogliono decisioni strategiche rapide, per fortuna è arrivato Mario Draghi, ma la nostra burocrazia e quella europea sono pachidermi impossibili da trasformare in gazzelle, quindi saremo inermi di fronte a un cambio di paradigma, di cui ci sfuggono ancora i contorni e il dimensionamento.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
13 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Nedo Micci
Nedo Micci
12 Giugno 2021 9:40

2 ) …testualmente ” OGGI C’E’ PIU’ DI UNA VENTATA DI ARIA FRESCA “(ARISIC).Al fine di sminuire Beiden ,che si e’ adeguato,si puntualizza che Il ” buzzurro ” aveva intuito che i cinesi bisognava tenerli a bada.Bisogna precisare.Si dimentica che fatalmente e comunque gli USA si sarebbero trovati in rotta di collisione con la Cina.Era ed e’ una dinamica chiarissima.Non a caso si dice che oggi e’ l’area del Pacifico ad essere quella piu’ importante del pianeta…da una parte USA,AUS. e JAP. e dall’altra Pechino con 1,3 mld d persone.P.S.Per la verita’ tutto comincio’ gia’ con Obama. Non si tratta di una idea geniale di Trump.Assolutamente NO.

Nedo Micci
Nedo Micci
12 Giugno 2021 9:24

1)Negli articoli qui proposti che interessano , anche indirettamente Trump , oggi quello di Ruggeri , c’e’ sempre esternata l’idea che il ” buzzurro ” Trump avesse ragione. In tema…nell’articolo non se ne parla ma le elezioni scippate sono per molti una realta’ senza uno straccio di prova come stabilito da decine di giudici americani. Cosa vediamo …un po’ ” burino e buzzurro ” deve essere apparso e apparire ancora oggi ad uno come Boris Johnson ( Tory di quelli duri !!! ) che disse ai tempi dell’assalto al Congresso come Trump ” AIZZAVA ” ( SIC ) ed oggi in occasione della visita di ” Sleepy Joe ” in UK ha dichiarato testualmente..SEGUE

Flavio Pantarotto
Flavio Pantarotto
11 Giugno 2021 21:04

… È iniziato in questo momento il campionato Europeo di calcio,
con Italia-Turchia!
Ma che ci fa la Turchia all’europeo? Perché non il Texas, o il Giappone?

Davide V8
Davide V8
11 Giugno 2021 18:53

Peccato solo che in Usa l’inflazione stia esplodendo (complimenti per il tempismo!), quindi a “non averne azzecata una” sono i sostenitori della magia della stampa che non crea inflazione.

Che sono, nè più nè meno, pari ai vari imbonitori che incontra Pinocchio.

Al contrario, chi sa “qb” di economia aveva previsto quanto sta succedendo, non vivendo nel mondo delle favole nè dei miracoli.

Idem per i deficit ed i debiti esplosi, che hanno sempre delle conseguenze importanti, indipendentemente dal fatto che una visione superficiale non sia in grado di comprenderle.

Mario vodicer
Mario vodicer
11 Giugno 2021 18:51

Basta vedere l’aria di grande compiacenza con la quale saluta alla TV Xi Jinping, agitando lentamente la mano, tipo tergicristallo. Dev’essere convinto che il resto del mondo sia sotto diluvio…

Tommaso_Ve
Tommaso_Ve
11 Giugno 2021 17:13

Obiezioni a XY 1.La Cina non ha alcuna capacità informatiche. Sono 20 anni che cerca di creare un sistema operativo ma non ci riesce, Nè per i propri server, né per i pc né per i telefoni. Se pensate che questo sia poco… 2. Non ha capacità tecnologica. La Cina produce tutti i chip del mondo, sì ma lo fa con gli impianti italiani, americani etc.. Si produce in Cina perché costa meno. Ma se la Cina chiude noi pariamo il colpo mettendoci a produrre i chip, loro non sanno da dove incominciare. 3. La Cina non ha capacità industriale. Vedere per credere: la puntata Top Gear sulla Cina. Il loro modello di punta è basato sulla Alfa 156. ..risposte.

Silvana Prestigiovanni
Silvana Prestigiovanni
11 Giugno 2021 16:27

Ottima analisi, indubbiamente la miope Europa che continua a sanzionare la Russia non ha ancora rimosso le fette di salame dagli occhi