Commissione Ue, cosa si nasconde dietro la candidatura di Draghi

Nella vorticosa giostra delle nomine europee, da spartire in base a nazionalità, partiti e quote rosa (al confronto il manuale Cencelli è un gioco da ragazzi), è spuntato all’improvviso – dopo il veto di Macron a Manfred Weber, il candidato dei popolari per la presidenza della Commissione – anche il nome di Mario Draghi. Quasi subito il diretto interessato ha fatto sapere di non voler essere coinvolto. Tuttavia già la sola ipotesi, inedita e così dirompente per il cerimoniale di Bruxelles, dice molto sulle complicazioni e l’asprezza dello scontro ora in atto.

Il  punto di partenza è la veemente iniziativa di Emmanuel Macron per togliere alla Germania e ad Angela Merkel, in visibile declino, la regia dei giochi europei. Tuttavia anche Macron non è messo bene: contestato e minoritario in patria, alla guida di un gruppo liberale diviso e rissoso (i nazionalisti di Ciudadanos, che governano Madrid e l’Andalusia con i franchisti, hanno poco a che vedere con gli scandinavi cosmopoliti e inclini a sinistra) mostra ambizioni non commisurate alla forza reale.

La candidatura di Draghi avrebbe tutti i requisiti per fermarlo. Potrebbe delineare una coalizione fra italiani, popolari tedeschi, baltici filo-americani molto forte. Ne sarebbe agevolata anche l’ascesa a presidente della Bce di Jens Weidmann che, grazie al prestigio dell’attuale governatore, vedrebbe smussati i propri spigoli concettuali tedesco. Persino i toni sprezzanti, quasi provocatori, del primo ministro olandese Mark Rutte (liberale) nei confronti dell’Italia (debito, Sea Watch) forse si spiegano in questa chiave.

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *