Concita, Rula e il sessismo immaginario

Condividi questo articolo


Tre donne di sinistra, divise da un dettaglio: due di loro inventano insulti maschilisti per svicolare da un dibattito in cui stanno perdendo; solo una di loro viene veramente offesa (da un uomo di sinistra, peraltro), eppure è anche l’unica a non gridare al sessismo.

Il primo esempio sta spopolando in rete: Concita De Gregorio, volto da martire, accusa Alessandro Sallusti di averla addirittura… Chiamata per nome! Imperdonabile: qui si rasenta la molestia. Le donne non si toccano nemmeno con un fiore, figuriamoci se le possiamo chiamare per nome (al di fuori degli aperitivi a Capalbio).

Il secondo esempio è quello dell’insulto vero: Mauro Corona, certo non noto per la sua sobrietà (decidete voi in che senso), dà della “gallina” a Bianca Berlinguer. La quale, però, non si scompone, non fa la vittima e mantiene dritta la barra della trasmissione.

E infine ci sono io, “uomo bianco che urla addosso” a una donna di colore. Povera Rula Jebreal, anche in tv patisce l’atavica oppressione del maschio eterosessuale, tant’è che al Festival le avrebbero dato solo 16.000 euro – e metà li ha devoluti in beneficenza.
Sì, forse un bianco come me la turba. Ma la Bianca (Berlinguer), professionalmente, la surclassa…

Nicola Porro, 24 settembre 2020

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


11 Commenti

Scrivi un commento
  1. Quanto fastidio danno 3 donne vere, preparate e intelligenti?
    Tanto: nelle donne mezze calzette suscitano invidia, nei maschietti mammoni ansia da prestazione intellettuale.
    Un delirio!

  2. Concita e Rula sembra palese che volessero solo togliere la parola ai loro interlocutori, come usano fare quelli che non hanno argomenti (maschi e femmine).

  3. Nonostante sia di destra,
    mi diletto a guardare spesso Rai3 e il Tg3 cosi’ mi ricordo perche’ mi sento di destra. E il mio fervore si rinvigorisce ogni volta.

    Ho visto la diretta di CartaBianca ed effettivamente Corona ha esagerato. Riconosco a Bianca Berlinguer professionalita’ (pur faziosa) ed intelligenza per essersi mantenuta sobria nonostante tutto.
    La apprezzo piu’ di altre anche perche’ colgo (ma forse mi sbaglio) una vena critica (forzatamente celata) verso la sua sinistra. Vorrebbe dire di piu’, ma si trattiene. Pero’,ogni tanto, qualche stilettata la sferra.

    Comunque molte/i altre/i avrebbero reagito diversamente, ma chiaramente non sono tutti dotati dello stesso livello di intelligenza.

One Ping

  1. Pingback:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *