Cosa ci insegna il fallimento del proibizionismo

proibizionismo

L’idea di regolare o tassare differentemente certi consumi che creano dipendenza ha affascinato gli economisti all’inizio del Novecento. E non solo, ovviamente. Il gioco d’azzardo nasce in Italia almeno trecento anni prima, e principi e duchi intendevano regolarlo con la tassazione, se non bandirlo. Ma solo nel Novecento il proibizionismo si diffonde. Si estende alle droghe, che fino a quel momento non erano considerate tali, all’alcol e al fumo.

Chi scrive, come gran parte degli economisti, è convinto che gli effetti di queste politiche proibizionistiche sono stati pessimi. Bisogna subito chiarire che l’approccio che si tiene non è politico e neanche sociale. È matematico, economico, si regge su un principio di domanda e di offerta. La politica valuterà con criteri suoi che, come spesso insegna la storia, non necessariamente debbono essere economici. Il proibizionismo, e quello americano sull’alcol ne fu il caso più eclatante, ruppe un principio aureo dell’economia moderna, su cui si basano le economie di mercato. E cioè che gli individui siano i migliori giudici del proprio benessere.

Su questo assunto si fonda la microeconomia e financo la teoria degli scambi internazionali. D’altronde, se così non fosse chi è davvero giudice del nostro benessere? Il proibizionismo nega questo principio; lo Stato, o meglio i politici che votano questa norma, decidono, in un certo campo, cosa sia giusto per i consumatori. Lo possono fare in termini di quantità consumate o addirittura in modo censorio, come nel caso del proibizionismo americano. La prima questione è dunque attinente alla Libertà, e al suo contenuto economico. Dal punto di vista pratico occorre infine capire come il consumatore si sposti dal mercato tassato o proibito (sull’alcol parliamo di questa seconda ipotesi) a quello illegale che inevitabilmente nasce per soddisfare una domanda che nessuna proibizione può cancellare.

Due studiosi, Miron e Zwiebel, hanno studiato il mercato dell’alcol in America durante gli anni del proibizionismo tra il 1900 e il 1950. Dopo un’iniziale riduzione del consumo tra il 60% e l’80%, il consumo ritornò prima al 60-70% del valore iniziale e, nel periodo più lungo, riprese i livelli precedenti all’imposizione delle misure di restrizione dell’offerta. Le misure proibizionistiche, inoltre, causarono un aumento dei prezzi di tre volte i valori iniziali. Su questi numeri converge praticamente tutta la letteratura scientifica.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Condividi questo articolo

Un commento

Scrivi un commento
  1. Erg. dott. Porro,

    il suo è il più bel articolo che o letto da moltissimo tempo e non perché è antiproibizionista ma perché è un elogio alla liberà individuale. Bravissimo……continui a scriverne alri di così belli!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *